Entrambe le auto fermate sulla Brebemi.

Auto rubate fermate dalla Polizia Stradale di Chiari sulla Brebemi

Una delle due macchine aveva già la targa contraffatta, mentre l’altra era stata rubata da pochi giorni e molto probabilmente, quando è stata fermata dalla Polizia, stava proprio andando a «rifarsi il trucco». Gli agenti della Stradale di Chiari, agli ordini del comandante Sergio Motterlini, hanno denunciato due fidanzati per riciclaggio di una Mini Cooper dal valore di circa 40mila euro e per ricettazione di una Range Rover un uomo eritreo.

La Mini

mini rubata

Alla giuda dell’auto venerdì, attorno alle 17, c’era una donna marocchina classe 1991 residente a Cinisello Balsamo. I poliziotti l’hanno fermata all’altezza di Chiari per un controllo, dal quale sono emerse anomalie tra i documenti e il tipo di macchina, che aveva targa bulgara. Peccato che la donna abiti in Italia da più di 60 giorni e quell’auto avrebbe dovuto essere immatricolata di nuovo.
La donna, per evitare il fermo del veicolo, ha chiamato subito il suo compagno, un egiziano del 1990, che ha portato in caserma 712 euro in contanti (l’importo della multa). Insospettiti, gli agenti hanno effettuato ulteriori accertamenti ed è emerso che la Mini era stata rubata a un cittadino svizzero che nell’aprile 2016 era venuto a Bergamo a trovare la madre. Qualcuno gli aveva sfilato le chiavi mentre si trovava in un bar. I due magrebini, che a quanto pare gestiscono un salone per la rivendita di auto usate, sono stati denunciati per riciclaggio.

Leggi anche:  Va a trovare la fidanzata a Romanengo, truffatore 28enne in manette

La Range Rover

L’eritreo (classe 1989 nato a Palermo, residente a Torre Boldone e domiciliato a Urgnano) è stato fermato per un controllo tra Romano e Chiari domenica pomeriggio. In questo caso la targa non era stata ancora cambiata: l’auto di lusso (con targa svizzera), che costa circa 70mila euro, era stata rubata a un croato il 3 febbraio di quest’anno all’aeroporto di Malpensa.
Entrambi i veicoli sono stati sequestrati e messi a disposizione delle Autorità giudiziarie di Brescia (Mini) e Bergamo (Range).