Brembate piange la morte di Angelo Bernareggi, 70 anni, per tutti in paese Gino. Storico vigile, da anni Bernareggi era l’autista, in gara, del direttore di corsa del Giro d’Italia Stefano Allocchio.

Brembate piange Gino

Il paese è in lutto. Martedì si è spento Angelo “Gino” Bernareggi, per tutti in paese “Gino il vigile”, avendo fatto parte per anni della Polizia Locale.  Brembatese doc era cresciuto lungo il fiume Brembo in un periodo in cui Brembate era ancora molto legata all’ambiente rurale. Dopo aver lavorato nella Polizia Locale, Bernareggi era entrato alla Rcs dove era diventato l’autista in gara del direttore del Giro d’Italia Stefano Allocchio.  Bernareggi era molto legato alla sua attività tanto che, nonostante avesse già dei seri problemi di salute, aveva continuato il suo lavoro fino alla Milano – Sanremo il 17 marzo 2018.

Impegno verso i disabili

Bernareggi è stato molto impegnato anche verso i disabili. Istruttore di nuoto, negli anni ’80, aveva iniziato a portare gruppi di disabili in piscina per seguire dei corsi, un’attività che lo aveva portato a diventare, in seguito, un dirigente nazionale del Comitato paralimpico e a partecipare, in quella veste, a diverse Paralimpiadi.

Leggi anche:  "Addio Roberto sei stato una persona speciale"

Oggi l’ultimo saluto

I funerali di Gino Bernareggi  saranno celebrati oggi, giovedì, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Brembate.