Crollo Ponte Morandi Genova: il punto prima che si chiuda questo drammatico mercoledì 14 agosto 2018 e i servizi dei quotidiani online liguri del gruppo Netweek: laRiviera.it e ilNuovoLevante.it.

Crollo Ponte Morandi Genova: ultime foto e video

(da Genova foto e video di Daniele Bennati)

La drammatica testimonianza di un camionista sopravvissuto:

Almeno 35 i morti

Ogni giorno ci camminavano sopra migliaia di veicoli. Normalmente, almeno all’apparenza. E invece era un ponte malato, che si è sbriciolato in una manciata di minuti poco prima di mezzogiorno di oggi, martedì 14 agosto 2018.

Il viadotto Polcevera, meglio noto come Ponte Morandi (e detto anche “di Brooklyn” dai locali, poeticamente o forse anche ironicamente) attorno a mezzogiorno è crollato al centro spezzando in due l’autostrada A10 a Genova.

LEGGI ANCHE: Un fulmine avrebbe colpito il ponte Morandi secondo un testimone

Per 40 metri (90 invece la sommità delle torri di sostegno) insieme a ferro e calcestruzzo collassati sono precipitate più di 30 auto e tre mezzi pesanti. Smentita per il momento la presenza di un pullman, ipotesi circolata nel pomeriggio.

Sono almeno 35 i morti accertati, cifra purtroppo destinata a salire, anche considerando i tanti feriti e dispersi: questi numeri per le segnalazioni di eventuali persone disperse, 010 5360637 e 010 5360654.

GUARDA L’IMPRESSIONANTE VIDEOGALLERY DEI VIGILI DEL FUOCO

Sotto al ponte rimasto in piedi ben 11 condomini, tutti sfollati

Una conta esiziale, quella dei defunti. Ma quel che fa altrettanto impressione sono quei palazzi, quei condomini rimasti sotto, ancora intatti, a quel viadotto mutilato e agonizzante: 440 gli sfollati e 11 i palazzi evacuati.

Il ponte dovrà essere abbattuto. Il centro di Genova per anni dovrà subire il delirio di un’autostrada che non c’è più. Ma se già è difficile immaginare di abbattere e sostituire un ponte quando è in piedi, come si fa ora a pensare di mettere in sicurezza quelle case che ora rischiano di finire a loro volta schiacciate dagli altri tronconi del viadotto pericolante?

Leggi anche:  Tremendo schianto tra due moto a Bergamo, muore un 37enne SIRENE DI NOTTE

QUI L’ALTRETTANTO IMPRESSIONANTE FOTOGALLERY AEREA DELLA GUARDIA DI FINANZA

Com’è possibile che nessuno si sia accorto che la situazione fosse tanto grave, che quel ponte rischiasse di crollare? Questa resta la domanda delle domande, tanto più che erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto.

LEGGI ANCHE: Ponte Morandi: Ministro Toninelli “Carenze manutenzione”

Le predizioni del passato e il Capo dello Stato

Com’era, com’è:

 

E particolarmente inquietanti sono le predizioni che spuntano ora dal passato:

“Tra dieci anni il Ponte Morandi crollerà”, tuonava solo sei anni fa il presidente di Confindustria Genova Giovanni Calvini al quale rispondeva un esponente locale del M5S dicendo che secondo Autostrade invece il viadotto sarebbe rimasto in piedi per altri 100 anni

I PRECEDENTI PONTI CROLLATI IN ITALIA, L’ANALISI: “Errare è umano, perseverare è diabolico”

Il ponte Morandi viene di solito indicato come un capolavoro dell’ingegneria, in realtà è l’esempio del fallimento dell’ingegneria”, sentenziava nel 2016 l’ingegnere Antonio Brencich, professore associato di Costruzioni in cemento armato all’Università di Genova

Brividi gelidi lungo la schiena. A lenirli, anche se solo parzialmente, le parole del Capo dello Stato Sergio Mattarella:

Questo è il momento dell’impegno comune, per affrontare l’emergenza, per assistere i feriti, per sostenere chi è colpito dal dolore, cui deve seguire un esame serio e severo sulle cause di quanto è accaduto. Nessuna autorità potrà sottrarsi a un esercizio di piena responsabilità.

 

daniele.pirola@netweek.it

 

LEGGI ANCHE:

Ponte Morandi, Avis Chiavari avvisa: “Emergenza sangue? Una fake news”

Impresario funebre miracolato nel crollo del Ponte di Genova

E RIVEDI I DUE PIU’ DRAMMATICI VIDEO DEL CROLLO: