L’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni ha fatto ingresso questa mattina nel penitenziario di Bollate dopo che ieri è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 5 anni e dieci mesi. La pena è stata ridotta per la prescrizione di un capo di accusa.

L’avvocato ha già chiesto i domiciliari

Una condanna a cinque anni e dieci mesi nel processo per corruzione nel caso Maugeri-San Raffaele , ma l’avvocato del Celeste, Mario Brusa, ha già depositato istanza per chiedere la detenzione domiciliare. La sentenza è arrivata nel pomeriggio di ieri.

L’ex governatore favorì la clinica Maugeri

Secondo la Magistratura, da parte di Formigoni c’era stato un “sistematico asservimento della funzione pubblica agli interessi della clinica Maugeri”. Un imponente do ut des che, dentro un giro di oltre 61 milioni di euro, aveva portato sei milioni di utilità “in vari flussi e forme” nelle disponibilità dell’allora numero uno di Palazzo Lombardia. Nella fattispecie l’accusa aveva puntato l’indice su costosi viaggi e vacanze godute dal politico a spese dei suoi amici.

Leggi anche:  Viola gli arresti domiciliari, arrestato spacciatore di Calcio

LEGGI ANCHE: Formigoni condannato in via definitiva: il Celeste andrà in carcere