Una sospensione della licenza di 10 giorni per lo ZanziBar, uno dei locali storici della “movida” di Crema. Lo ha disposto il Questore di Cremona per motivi di pubblica sicurezza.

Licenza sospesa per lo ZanziBar

Sospensione della licenza per dieci giorni per motivi di pubblica sicurezza. E’ quanto deciso, mercoledì, dal Questore di Cremona, dopo aver ricevuto una segnalazione da parte del Dirigente del Commissariato cittadino. Il tutto dopo aver preso atto della mancanza di spiegazioni circa le condotte irregolari da parte del gestore del locale e valutati gli atti e la documentazione. Il provvedimento è stato notificato ieri sera, momento in cui è stato apposto l’avviso di chiusura per disposizione della Questura ai sensi dell’articolo 100 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Disturbo della quiete pubblica e altre violazioni

Nei giorni scorsi era stato avviato il procedimento per la sospensione della licenza per il locale ZanziBar, resosi responsabile di continue violazioni di varia natura, fra le quali disturbo al riposo delle persone, a causa di musica ad alto volume ben oltre i limiti orari ed i volumi consentiti, ma anche episodi di violenza all’esterno del locale ed altre violazioni di diversa entità. A settembre, nel corso dell’ennesimo intervento di un equipaggio della Polizia di Stato del Commissariato di Crema, su richiesta di un residente della zona che non riusciva a dormire a causa dei rumori provenienti a tarda notte dallo ZanziBar, il personale della volante è stato fatto oggetto di parole ed atteggiamenti ostili da parte del gestore che ha fomentato gli avventori contro gli operatori.

Leggi anche:  Tentati furti, in due finiscono nei guai

La posizione del locale

Lo staff dello ZanziBar in un post sulla sua bacheca della sua pagina Facebook, ieri, ha avvisato della chiusura i suoi clienti. “Siamo spiacenti di comunicarVi che Zanzibar Crema resterà chiuso per cause che trascendono la nostra volontà. A breve spiegheremo le motivazioni che ci hanno spinto a questa chiusura inaspettata, e che ha causato a tutti i nostri clienti e a noi stessi estremo danno e disagio. Per il momento non possiamo che limitarci a porVi le nostre scuse per l’accaduto, sperando di tornare presto a farVi divertire”, ha scritto lo staff del locale.