Controlli straordinari per il contrasto alla droga e per l’antidegrado. I Carabinieri arrestano 4 spacciatori e denunciano a vario titolo altre 6 persone, per la violazione della normativa sull’immigrazione, la tutela ambientale e l’esercizio abusivo di mestiere. Sequestrata droga e denaro contante.

Droga e immigrazione clandestina

Da inizio settembre, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio, in particolare l’Arma della Tenenza di Zingonia, con il supporto di personale del Comando della Polizia Locale di Verdellino, hanno intensificato i controlli del territorio nella località di Zingonia, con particolare riferimento all’area di piazza Affari del comune di Verdellino e zone limitrofe, svolgendo specifici servizi, anche a largo raggio, volti a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti e più in generale i comportamenti di microcriminalità diffusa.

Controlli a Zingonia

Nella serata di martedì 3 settembre 2019, in Piazza Affari di Verdellino, i militari hanno arrestato un cittadino marocchino di 32 anni, irregolare sul territorio nazionale, sorpreso cedere due dosi di cocaina ad un acquirente italiano 25enne, segnalato nell’occasione quale consumatore di stupefacente alla Prefettura di Bergamo. Nel corso dell’attività, sottoposto a perquisizione personale, sullo spacciatore venivano rinvenute e sequestrate ulteriori 10 dosi di stupefacente, per complessivi 15 grammi di cocaina, oltre alla somma contante di 170 euro, che ritenuta provento dell’illecita attività veniva parimenti sequestrata, unitamente a una Katana e ad un sacchetto contenente sostanza da taglio, rinvenuti sopra un muro di cemento che sorge nei pressi del luogo dove l’arrestato è stato fermato.

Nel pomeriggio della stessa giornata, nella porzione di Zingonia del comune di Ciserano, i carabinieri hanno arrestato un cittadino marocchino di 33 anni, irregolare sul territorio nazionale, che perquisito dopo un controllo di polizia in cui si era posto in modo irrequieto e nervoso, è stato trovato in possesso di 35 grammi di hashish e una somma contante di denaro pari a 500,00 euro circa, sottoposta in sequestro perché ritenuta provento di spaccio.

Carabinieri anche in borghese

Nel pomeriggio di lunedì 9 settembre 2019, nella porzione di Zingonia del comune di Ciserano, i carabinieri di servizio in abiti civili, hanno arrestato un cittadino marocchino di 37 anni, irregolare sul territorio nazionale, sorpreso cedere un pezzo di hashish ad un acquirente italiano 50enne, quest’ultimo segnalato alla Prefettura di Cremona. A conclusione della successiva udienza di convalida, a carico dell’arrestato, il GIP disponeva la misura cautelare dell’obbligo di firma presso la Tenenza dei CC di Zingonia.

Leggi anche:  Droga al parchetto, nei guai tre minorenni

Nel pomeriggio di martedì 10 settembre 2019, in piazza della Resistenza di Verdellino, i carabinieri hanno arrestato un cittadino marocchino di 32 anni, irregolare sul territorio nazionale, che notato per il suo fare sospetto e sottoposto a perquisizione personale e del motociclo in uso, è stato trovato in possesso di complessivi 13 grammi di cocaina, suddivisi in 22 dosi, oltre che della somma contante di 260 euro, posti in
sequestro. A seguito dell’udienza di convalida, il GIP ha disposto che l’arrestato fosse sottoposto alla custodia in carcere.

Officina abusiva, denunciato

Nella serata di mercoledì 12 settembre 2019 sempre sul territorio del comune di Verdellino, i militari hanno denunciato un cittadino 26enne originario della Costa d’Avorio, perché sorpreso all’interno di alcuni box condominiali, nell’occasione adibiti ad officina meccanica, mentre effettuava abusivamente riparazioni su autovetture e colto all’atto di smaltire in maniera illecita oli esausti di motore. Nella circostanza, a suo carico, sono state elevate sanzioni pecuniarie, il cui ammontare è di oltre 5mila euro. I militari hanno anche posto sotto sequestro i garage adibiti ad autofficina e la relativa attrezzatura per meccanici.

Droga e controlli stradali

Nella tarda serata di sabato 14 settembre 2019, in un’area verde di Zingonia del comune di Ciserano, i carabinieri di servizio per il controllo del territorio e repressione di reati in genere, dopo aver avvistato un gruppetto di cittadini stranieri che alla vista dei militari si allontanava velocemente dal posto, rinvenivano celata all’interno di un quadro elettrico dell’Enel una bustina in cellophane contenente 5 grammi di cocaina, con tutta probabilità lì abbandonata dal gruppetto di extracomunitari che in fretta e furia si era poco prima allontanato per sottrarsi al controllo. Lo stupefacente è stato sequestrato. Oltre ai 4 arrestati, sono 5 gli extracomunitari deferiti all’Autorità Giudiziaria per aver violato la normativa sull’immigrazione clandestina.

Nel corso dei ripetuti servizi, riguardanti anche la circolazione stradale, sono stati identificate oltre 200 persone, controllati una novantina di veicoli, elevate contravvenzione al codice della strada per un valore di oltre 1.200 euro, nonché sequestrate 2 autovetture ed un ciclomotore.

TORNA ALLA HOME