Nella mattina di oggi, martedì 17 settembre 2019, i boati di ben due esplosioni hanno rimbombato in tutta la Bassa Lombardia. La prima è avvenuta alla Raffineria Eni di Sannazzaro (Pv) colpita da un incendio, la seconda nella sede dell’Acciaieria Arvedi (Cr)

Raffineria Eni di Sannazzaro: uno scoppio, poi le fiamme

Come riportano i colleghi di giornaledipavia.it questa mattina, intorno alle 6.30 si sarebbe verificata un’esplosione, seguita da un incendio alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi. I residenti hanno avvertito un forte boato, poi si è alzata una colonna di fumo nero che ha reso l’aria irrespirabile. L’incendio si è verificato all’Isola 7. Sul posto sono al lavoro le squadre interne del servizio anticendio e i vigili del Fuoco di Pavia.

Esplosione alla Acciaieria Arvedi

Si apprende dai colleghi di giornaledicremona.it che questa mattina è stato dato l’ennesimo allarme nell’impianto lavorativo di via Acquaviva, a Cremona, sede dell’Acciaieria Arvedi. Attorno alle 7.20 è partita una chiamata al 118 regionale, allerta derubricata infortunio sul lavoro del tipo esplosione. Ad agosto e prima ad aprile lo stabilimento era stato teatro di due gravi incidenti.

Leggi anche:  Rapisce l’ex, brucia l’auto e tenta il suicidio per gelosia

Secondo le prime informazioni ottenute le persone coinvolte sarebbero due uomini di 25 e 37 anni, per ciascuno dei quali s’è reso necessario l’intervento di un’ambulanza (codice d’allerta giallo, ovvero medio) e un’automedica. Sul posto anche personale dell’ex Asl oggi Ats Val Padana e i Carabinieri.