Nel tubo della caldaia aveva nascosto due etti di cocaina. Spacciatore nordafricano, già ai domiciliari, è finito nuovamente in manette a Truccazzano. A Cassano, invece, rinvenuta marijuana e hashish in un garage di via Volta.

Nel tubo della caldaia aveva nascosto due etti di cocaina

L’operazione, messa in atto dai carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda, si è svolta lunedì 30 settembre 2019 a Truccazzano. Tra l’altro a supporto dei militari c’erano anche le unità cinofile da Casatenovo. A seguito di un controllo mirato nell’appartamento di un nordafricano di 34 anni, che stava già contando una condanna, sempre per detenzione di stupefacenti. Nell’alloggio sono stati trovati, ben nascosti nella condotta di aerazione della caldaia, 200 grammi di cocaina. Ma non solo, i militari hanno trovato anche un bilancino e materiale per il confezionamento e una cifra in denaro contante pari a 4.700 euro, che per gli inquirenti è stata considerata sicuramente frutto dello spaccio.

L’operazione di Cassano d’Adda

A Cassano, sempre di lunedì, i carabinieri, sempre con l’ausilio dell’unità cinofila, si sono diretti in un garage in via Volta, dove da qualche tempo erano stati segnalati degli andirivieni sospetti. E’ bastato poco ai cani, col fiuto addestrato per identificare le sostanze stupefacenti, per rinvenire 420 grammi di marijuana e 50 grammi di hashish , oltre a un bilancino precisione. Probabilmente il garage era stato utilizzato come base e deposito di smistamento merce per i pusher della zona.

Leggi anche:  Droga al parchetto, nei guai tre minorenni

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.