Si terranno oggi, lunedì, i funerali di Gian Battista Gatti e Giuseppe Legnani i due operai della Ecb Company di Treviglio che la domenica di Pasqua sono rimasti uccidi in un’esplosione all’interno dell’azienda di via Calvenzano a Treviglio.

Lunedì i funerali

Le salme dei due operai hanno fatto ritorno nelle loro case dove sono state allestite le camere ardenti per permettere ai tanti amici e colleghi di far visita. I funerali di Giuseppe Legnani, 57 anni, si terranno questa mattina alle 10.30 nella chiesa parrocchiale di Casirate partendo dall’abitazione in via Albignano. Le esequie di Gian Battista Gatti, 51 anni, invece, verranno celebrate nel pomeriggio alle 16.15 nella basilica di San Martino partendo dall’abitazione di via Brignano.

Lutto cittadino

I sindaci di Casirate e Treviglio hanno proclamato il lutto cittadino. Già da martedì, però, entrambi avevano disposto l’esposizione a mezz’asta o abbrunata della bandiere negli edifici pubblici. Le Amministrazioni hanno già confermato la volontà di partecipare alle esequie con i gonfaloni dei Comuni come segno della vicinanza alle famiglie.

Leggi anche:  Traffico di rifiuti illeciti anche nella Bassa, in carcere due fratelli di Pagazzano VIDEO

Sciopero di un’ora

Oggi, invece, i sindacati hanno indetto un’ora di sciopero: l’ultima del turno di lavoro. La mobilitazione è stata proclamata unitariamente dalle segreterie di FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL di Bergamo per tutti i lavoratori del settore dell’agroindustria della provincia di Bergamo. I sindacati vogliono, così, testimoniare la propria vicinanza alle famiglie e ai colleghi dei lavoratori colpiti nel tragico incidente del 1° aprile e dare un segnale importante di sensibilizzazione sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro.

I sindacati chiedono più controlli

FLAI, FAI e UILA chiedono al nuovo Comitato di Controllo Provinciale Inail e alla Commissione ex art. 7 presso l’Ats di Bergamo di intensificare gli sforzi per invertire la tendenza che ha già prodotto troppi morti sul lavoro. Ugualmente sollecitano il Governo Regionale, appena insediato, ad attivare al più presto un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali e ogni azione possibile volta a prevenire tali danni e a garantire sempre la salute e la sicurezza in ogni luogo di lavoro.