Arrestato un pregiudicato di 27 anni accusato di rapina ed estorsione ai danni dei familiari.

Estorceva denaro a mamma e zia

Sabato 3 agosto i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato un 27enne italiano responsabile di una rapina e di estorsione nei confronti dei parenti. Sono stati i carabinieri della Stazione di Capriate S. Gervasio ad arrestare l’uomo, residente a Cavenago di Brianza, ma di fatto senza fissa dimora. Per lui, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Bergamo.

Un anno di maltrattamenti

Il giovane, già noto alle Forze dell’Ordine per reati contro il patrimonio, è stato accusato di rapina ed estorsione ai danni della madre e della zia materna, entrambe di Bottanuco. I maltrattamenti si ripetevano quotidianamente da gennaio 2018. Il pregiudicato, con problemi di tossicodipendenza, usava la violenza per persuadere le donne a consegnargli, quasi quotidianamente, denaro contante dai 40 ai 120 euro. L’uomo è stato condotto in carcere.

TORNA ALLA HOME