Continui furti di fiori dalle lapidi del cimitero. Non un fenomeno nuovo ma questa volta a Pontirolo c’è chi ha filmato la manolesta. Che sarebbe di una donna di mezza età del paese. E intanto è apparso un cartello di protesta.

Furti al cimitero, svolta a Pontirolo

Essere derubati è subire una violenza odiosa. La vittima si sente violata nella sua intimità, nei suoi affetti. Ma quando il ladro arriva a colpire le tombe dei defunti non è tanto il valore di quel che sottrae, ma il gesto sacrilego che fa male.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola o abbonandoti allo sfogliabile per 4 numeri QUI

TORNA ALLA HOME