Furbetto del cartellino, l’ex vigile di Pandino Maurizio Minervino a processo. Il Comune si costituisce parte civile.

Furbetto del cartellino

Il Comune si costituisce parte civile nel processo penale che vede imputato l’ex vigile, licenziato in tronco mesi fa per truffa nei confronti del Comune. L’agente di Polizia locale, infatti, sarebbe stato sorpreso a timbrare e poi ritornarsene a casa, invece di svolgere regolare servizio.
Una brutta storia, di quelle in cui a fare la parte dei protagonisti sono i cosiddetti «furbetti del cartellino», che tanto infiammano l’opinione pubblica. Quelli che invece di lavorare si fanno gli affari propri, a spese della comunità.
L’agente peraltro era già finito sotto i riflettori nel 2013, quando si era cacciato nei guai rimediando una denuncia per stalking da almeno due dipendenti del Comune, vittime di avance spinte a partire dal 2011.

Leggi di più su Cremascoweek in edicola

TORNA ALLA HOME