Gioia in Brianza: esce dal coma nel giorno del compleanno della madre E’ una di quelle storie che aprono il cuore quelle di Samule Solinas, 17 anni e della sua mamma Enza Piras di Desio. Il giovanissimo, come riporta il giornaledimonza.it a  novembre era stato travolto da un pirata della strada ed era finito in coma. Un dolore straziante per i parenti, per gli amici, per i genitori. Un dolore che si è trasformato in gioia quando Samuele ha riaperto gli occhi in un giorno a dir poco speciale.

Esce dal coma nel giorno del compleanno della madre

Lei, mamma Enza, ha sperato, pregato, si è aggrappata alla fede con tutte le sue forze e alla fine il miracolo è avvenuto: il figlio Samuele, in coma dal 17 novembre dopo essere stato travolto da un pirata della strada, si è svegliato. E l’ha fatto nel giorno del compleanno della madre, facendole il regalo più bello, sussurrandole: “auguri mamma”. La fine di un incubo iniziato nella  notte tra il 16 e il 17 novembre, quando Samuele era stato investito a Desio mentre in sella alla sua moto stava rientrando a casa dopo una serata con amici.  Il ragazzino era stato trasferito a sirene spiegate all’ospedale San Gerardo di Monza. La sua vita  era appesa a un filo. Poi il buio del coma.

Leggi anche:  Droga e bilancino nascosti negli slip, arrestato un 25enne

«Auguri mamma!»

Ma Samuele si è attaccato alla vita con tutte le sue forze e piano piano ci sono stati segnali di miglioramento. Uno spiraglio di speranza, un barlume nel buio più totale. “Il più bel regalo che posso ricevere per Natale è che mio figlio si risvegli”,  aveva detto al mamma Enza all’inizio di dicembre. E Samuele ha addirittura anticipato, facendole davvero un regalo bellissimo per il suo compleanno, il 19 dicembre. “Ho portato i pasticcini in ospedale, un infermiere mi ha fatto gli auguri e poco dopo abbiamo sentito un’altra voce: Auguri. All’inizio non potevo crederci: Samuele è uscito dal coma proprio in quel giorno speciale, ho provato un’emozione fortissima. Il più bel dono che potessi ricevere. Ringrazio Dio per avermi ridato mio figlio”.