Ventiquattro sfollati a Romano dopo l’incendio di questa notte, che ha distrutto una palazzina. Il Comune trasforma la palestra in un dormitorio. E spunta un’ipotesi inquietante: il rogo è doloso.

Incendio Romano, venti sfollati

Sono otto le famiglie rimaste senza casa questa notte, nel terribile incendio che ha distrutto completamente una palazzina di viale Montecatini, in zona Cappuccini. Ventiquattro persone di cui adesso si sta occupando l’ufficio Servizi sociali del Comune, cercando caso per caso una sistemazione idonea dal momento che la palazzina è completamente inagibile e che parecchi di loro, nell’incendio, hanno perso tutto.

In palestra allestito un dormitorio

Nelle prime ore di stamattina, per far fronte all’emergenza il Comune ha allestito un dormitorio con una ventina di letti nella palestra Bottazzoli, in via Cavalli. Parecchie famiglie hanno già trovato una sistemazione alternativa a casa di parenti, mentre per alcuni è stato necessario un intervento di fortuna. C’è, tra gli sfollati, anche una famiglia con quattro bambini piccoli, oltre una giovane coppia che aveva appena comprato casa.

Leggi anche:  Bambino di 7 anni soccorso dall'elicottero in montagna

Ipotesi inquietante: rogo   doloso

Secondo una prima ipotesi, inquietante, l’incendio sarebbe doloso. Le fiamme sono divampata e partire dal magazzino del gommista Zoppetti, al pianterreno, e hanno in breve tempo devastato l’intera palazzina. Gli appartamenti al secondo piano sono messi peggio di quelli del primo, segno che il fuoco ha devastato soprattutto le travi in legno del tetto, devastando gli appartamenti mansardati al secondo piano. I residenti hanno fatto appena in tempo a salvare pochi oggetti dalle fiamme.

Strada chiusa: l’edificio potrebbe crollare

Il sottopasso che dà accesso alla via, che si trova all’interno dell’ex plesso industriale Montecatini, è stato chiuso stamani dal Comune. Possono entrare solo i residenti. La struttura è infatti pericolante.

TORNA ALLA HOME