Inseguimento a Verdellino, bloccati dai carabinieri davanti alla folla.

Inseguimento a Verdellino

E’ successo ieri sera a Verdellino, nei pressi del cimitero cittadino dove era in corso lo spettacolo di fontane danzanti che aveva richiamato centinaia di persone, tra cui tantissimi bambini. E’ qui, a pochi passi dalla folla radunata per lo show, che si è concluso l’inseguimento di una coppia di marocchini a bordo di un Mercedes Classe A.

In fuga da Ciserano a Verdellino

I due, a bordo di un Mercedes classe A, sprovvisto di assicurazione, intestato ad un prestanome italiano di origini calabresi, sono stati notati da una gazzella dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Treviglio in via Monaco a Ciserano, nel cuore di Zingonia, probabilmente intenti a prendere contatti con gli spacciatori dei noti “palazzoni”. Alla vista dei militari, l’autovettura, a luci spente e a folle velocità, ha quindi ingaggiato un inseguimento per alcuni chilometri puntando su Verdellino, dove era in corso la festa per la Madonna dell’Olmo.

Fermati a pochi metri dalla folla

Inseguimento a Verdellino
La folla radunata per assistere alle fontane danzanti

Solo per un caso fortuito l’auto non è piombata sulla folla provocando una strage. Il mezzo, infatti, si è scontrato con un’auto in sosta ed è stato costretto a fermarsi trovandosi poi la strada sbarrata dai carabinieri. Scena da film per chi ha assistito a pochi metri di distanza. Ancora pochi metri e l’auto in corsa sarebbe piombata sulla folla. Fortunatamente l’area era presidiata dal comandante di Polizia locale di Verdellino Manolo Peroni insieme a un agente che regolava il traffico. Un’auto della locale era posizionata a sbarramento della strada, in più una radiomobile dei carabinieri cinturava la zona con un pattugliamento.

Leggi anche:  Giovanni Carlessi si è spento a 90 anni, Pontirolo piange zio Gianni

Fermati tra la gente

A questo punto, i due, un marocchino 25enne abitante a Verdellino e un 24enne irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, sono scappati a piedi, facendosi spazio tra la gente a spintoni. Dopo alcune centinaia di metri, con non poche difficoltà, i due sono stati bloccati dai carabinieri e quindi arrestati in flagranza di reato.

In mattinata si svolgerà la relativa udienza di convalida davanti al Tribunale di Bergamo con il rito per direttissima. Per loro l’accusa di resistenza a Pubblico ufficiale.

Applausi per i carabinieri

Inseguimento a Verdellino

Spontaneo l’applauso partito proprio dal pubblico e indirizzato ai carabinieri quando i militari sono riusciti a bloccare i due e ad arrestarli. Una presenza, quella dei militari dell’Arma, fondamentale a Verdellino e nell’area di Zingonia tanto da richiedere, supportati trasversalmente dalle forze politiche, che la caserma venga elevata a tenenza per consentire un monitoraggio ancora più capillare in un territorio così particolarmente bisognoso di attenzione.

TORNA ALLA HOME