Di Alessandro Fiori, 33enne di Soncino, non si hanno più notizie da circa due settimane. Era salito su un volo diretto a Istanbul (Turchia) e da qual momento nessuno ha più avuto sue notizie.

Italiano scomparso in Turchia

Fiori era partito il 13 marzo scorso con un volo dall’aeroporto di Linate che lo ha portato a Istanbul, in Turchia. Dal momento dell’arrivo, però, Fiori non si è più messo in contatto con la famiglia che vive a Soncino. I genitori, allarmati dal silenzio prolungato del figlio sono partiti per la Turchia.

Nessun riscontro, indagini in corso

Nemmeno la ricerca sul posto, però, ha dato risultati. I genitori di Fiori, infatti, non sono riusciti a rintracciarlo né a mettersi in contatto con lui. Per questo si sono rivolto ai carabinieri della stazione soncinese che hanno avviato le prime indagini e diramato un’allerta internazionale coinvolgendo anche l’Interpol.

L’appello del padre

Lunedì scorso il caso di Alessandro è andato in onda su “Muge Anli Ile Tatli Sert”, la versione turca di “Chi l’ha visto?”. Ospite della trasmissione il padre di Alessandro, Eligio, che dopo aver descritto il figlio e ha lanciato un appello a chiunque possa dare un contributo al suo ritrovamento.

Leggi anche:  Furti in casa, Lombardia secondo posto in Italia

Le indagini

Al momento due testimoni avrebbero raccontato di aver notato Alessandro Fiori il giorno successivo, 14 marzo, in un paio di locali, come confermato anche dalle telecamere di sicurezza. Nella stanza d’albergo dove aveva prenotato sono stati ritrovati documenti e cellulare, ma di lui nessuna traccia.

Abituato a viaggiare

Manager di una multinazionale, Fiori, era già stato in Medio Oriente ed Est Europa per lavoro. Parla inglese ed è abituato a muoversi all’estero.