Anche i piccoli boltieresi aderiscono allo sciopero per il futuro che da mesi sta coinvolgendo gli studenti di tutto il mondo. Partito dal discorso della giovanissima attivista svedese Greta Thunberg al Cop24 di Katowice e dalla sua protesta che ogni venerdì la vede manifestare davanti al parlamento di Stoccolma il movimento dei “Frydais for future” sbarca anche a Boltiere.

Sciopero per il futuro a Boltiere

Proprio oggi, venerdì 15 marzo, i bambini delle scuole elementari boltieresi usciranno da scuola alle 14 e percorreranno un tratto di strada studiato in collaborazione con la Polizia locale per manifestare contro il cambiamento climatico. Ad accompagnarli la sindaca Armida Forlani accompagnata dall’assessore all’Istruzione Elisabetta Testa e da altri membri della giunta. La manifestazione è aperta anche a tutti i genitori che volessero manifestare. Sarà un corteo allegro, rumoroso e colorato, nel quale i bambini si adopereranno per far sentire il più possibile la loro voce con l’ausilio di pentole, fischietti e manifesti preparati appositamente per l’occasione. La manifestazione è stata autorizzata e promossa anche dal dirigente scolastico Gaetano Marciano.

E la scuola diventa “Plastica Free”

Il corteo terminerà in piazza con un momento di riflessione. Si partirà con il saluto istituzionale della sindaca per proseguire con gli interventi dei bambini. Non sarà solo una manifestazione fine a se stessa: proprio oggi la scuola di Boltiere dichiarerà infatti la propria adesione al progetto plastica free. Tutta la plastica non riutilizzabile sarà a tutti gli effetti bandita dalla scuola, comprese le onnipresenti bottigliette in Pet. «I bambini e i docenti – ha spiegato Elisabetta Testa – potranno portare l’acqua o altre bevande a scuola esclusivamente in thermos ad hoc. La scuola dal canto suo eliminerà invece i distributori di bottigliette di acqua in Pet».