Operazione antidroga a Zingonia, raffica di perquisizioni tra Boltiere e Verdellino. Sequestrato circa un chilo di droga. Arresti e denunce: messi i sigilli anche ad un appartamento. La scorsa settimana un’altra operazione ha smantellato tre autofficine abusive.

Dalle Torri ai Comuni vicini

Prosegue la “pressione” sul territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Treviglio nell’area sensibile di Zingonia. Questa volta i militari dell’Arma hanno effettuato diverse perquisizioni locali e domiciliari ad extracomunitari di origine magrebina nei Comuni di Boltiere  e Verdellino. A seguito delle numerose operazioni antidroga svolte negli ultimi mesi dai carabinieri, molti extracomunitari che abitavano nei palazzoni di Ciserano si sono distribuiti nei Comuni vicini, ricompresi comunque sempre nell’area di Zingonia.

Sequestrato un chilo di droga

Per tale ragione, dall’alba di oggi e sino alla tarda mattinata, i carabinieri, una trentina in tutto, sia in divisa che in borghese, supportati da due unità cinofile antidroga, hanno perquisito diverse abitazioni ritenute “covo” o “depositi” di spacciatori. E’ stato così recuperato un chilo di hashish diviso in panetti nascosto in un appartamento di Verdellino, in via Oleandri, nella disponibilità materiale di un marocchino 35enne pregiudicato, abitante a Boltiere. L’extracomunitario in questione già si trovava in affidamento in prova ai Servizi Sociali per reati di droga. Sempre a Boltiere, in via Montegrappa, i militari hanno rintracciato stranieri con dell’altro stupefacente (alcuni grammi), alcuni dei quali anche irregolari sul territorio nazionale. Nei loro confronti è scattata anche la procedura di espulsione dal territorio nazionale.

Leggi anche:  Furto in appartamento, rubata anche la cuccia del cane

Perquisite le Torri a Verdellino

Altre perquisizioni domiciliari sono state poi effettuate anche in altri appartamenti delle note “Torri” di Verdellino, in questo caso con l’aiuto indispensabile dei Vigili del Fuoco per accedere dal balcone attraverso l’autoscala. In un appartamento i militari hanno rinvenuto residui di droga e materiale idoneo al confezionamento ed al taglio della stessa, di fatto una sorta di deposito per lo smercio di droga. Per tale ragione l’immobile è stato sequestrato penalmente e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Bergamo. Altri appartamenti sempre delle “Torri” sono stati liberati in quanto occupati abusivamente e sottoposti a procedura di esecuzione immobiliare.

Arrestato un 35enne

Rinvenuta anche una scacciacani riproduzione di una pistola calibro 22 con munizionamento a piombini. Anche questa è stata sequestrata in quanto probabilmente utilizzata per i “regolamenti di conti” tra i pusher della zona. Il 35enne arrestato ora si trova in carcere a Bergamo su disposizione del PM di turno; nei prossimi giorni sarà sottoposto ad interrogatorio di convalida.

TORNA ALLA HOME