Aveva assaltato la Banca di Credito Cooperativo dell’Oglio e del Serio in via Partigiani a Bergamo: arrestato dalla Polizia di Stato un pregiudicato di Seriate.

Rapina in banca a Bergamo, arrestato pregiudicato

Il colpo era stato messo a segno il 16 ottobre scorso, ma al termine di una celere indagine della Squadra mobile in manette è finito Giuseppe Di Matteo, classe 1958, di Seriate pluri-pregiudicato e attualmente in regime di semilibertà.

rapina in banca bergamo
Giuseppe Di Matteo

Alle 8.50 di mercoledì 16 ottobre, infatti, Di Matteo, rapinatore solitario, dopo aver fatto il suo ingresso nell’istituto bancario, situato in pieno centro a pochi passi dalla Procura della Repubblica, aveva scavalcato il bancone e aveva minacciato il cassiere con una pistola. Subito dopo aveva arraffato una somma di denaro, successivamente quantificata in 13.970 euro in banconote di vario taglio, e si era dato alla fuga a piedi.

Le indagini della Squadra Mobile

Il personale della Sezione Antirapina della Squadra Mobile era intervenuto prontamente sul posto raccogliendo le testimonianze dei presenti che descrivevano il rapinatore, benché travisato, come un uomo italiano di circa 50 anni. Una descrizione che, insieme alle registrazioni delle telecamere interne ed esterne alla banca, ha portato gli investigatori a concentrarsi su Di Matteo che tra gli altri aveva appunto anche precedenti per rapina e che in quel momento godeva del regime della semi-libertà, in virtù del quale era autorizzato ogni mattina a lasciare la casa circondariale di questa via Gleno, per poi farvi ritorno, la sera, per dormire.

Leggi anche:  Incidente a Crema: investite una donna e una bambina

L’arresto di Di Matteo

A incastrarlo, oltre alla postura, alla fisicità e alle sue movenze del tutto compatibili con la testimonianza dei presenti, è stata l’auto, una Fiat Punto intestata alla moglie, su cui Di Matteo era autorizzato a viaggiare in virtù del suo status di semi-libertà. La stessa auto che le telecamere avevano ripreso nei pressi della banca e con la quale il rapinatore aveva raggiunto l’istituto bancario di via Partigiani.

A quel punto nei confronti di Di Matteo l’autorità giudiziaria ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita oggi, 12 novembre 2019, dagli uomini della Squadra Mobile. Scattata anche la perquisizione sia nella sua abitazione che negli spazi del carcere grazie all’aiuto della Polizia penitenziaria.

TORNA ALLA HOME