Rapine nel lodigiano, chiuso il cerchio. Arrestato dai carabinieri anche l’ultimo condannato dell’assalto armato del Mc Donald’s ricercato da giorni. Dovrà scontare in carcere circa 5 anni e mezzo.

Rapine

Ieri pomeriggio si è “chiuso il cerchio” per quanto riguarda le catture relative all’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lodi. In particolare, i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno rintracciato e arrestato un marocchino 28enne da giorni ricercato dai militari dell’Arma per scontare una condanna definitiva residua a cinque anni e mezzo circa di reclusione, oltre al pagamento di quasi 8.000 euro di multa, per delle rapine, commesse anche con armi, consumatesi nel 2015 in provincia di Lodi (tra cui appunto anche quella del Mc Donald’s di Lodi del Novembre 2015).

Un altro arresto a Caravaggio

Per le rapine, già nelle settimane scorse era stato arrestato, sempre a Caravaggio, un suo complice italiano di 27 anni, che era stato portato nel carcere di Bergamo per scontare un residuo di pena di circa un anno e mezzo di reclusione; rimaneva quindi da catturare il 28enne marocchino, regolare in Italia e residente a Caravaggio, nella frazione di Vidalengo. E’ stata un’operazione congiunta tra i carabinieri della Stazione di Caravaggio e la Polizia Locale dello stesso Comune ad assicurare alla giustizia il pregiudicato condannato definitivamente dopo la pronuncia ultima della Corte di Cassazione. Ieri, i carabinieri hanno quindi tradotto in carcere a Bergamo il 28enne.

Leggi anche:  Morti sul lavoro, Romano dà l'ultimo saluto ad Alessandro Vezzoli

TORNA ALLA HOME