Dormiva nel castello-gioco del parco sul viale del Santuario a Caravaggio, in condizioni peraltro decisamente precarie e senza nessuna voglia di dare spiegazioni su chi fosse e cosa ci facesse lì.

Ricercato fermato dai vigili

E’ stato trovato in questo stato, venerdì della scorsa settimana, dopo la segnalazione di un cittadino alla Polizia locale, Eezain Hamza nato in Marocco nel 1995, senza fissa dimora ma di fatto domiciliato a Fornovo. Un pregiudicato con diversi precedenti: spaccio e furto soprattutto. Oltre che con un’ordinanza di espulsione dal territorio nazionale mai eseguita.

Si rifiuta di farsi identificare

Svegliato di soprassalto  dal suo sonno nel castello-gioco dei bambini,  Hamza si è del tutto rifiutato di collaborare con la Locale, oltre che ovviamente di farsi identificare. Per capire chi fosse (e anche quindi per scoprire precedenti e carichi pendenti) gli agenti  hanno dovuto ricorrere alla fotosegnalamento. E quindi via. Da Caravaggio, hanno accompagnato il ragazzo prima in caserma a Bergamo, per l’identificazione e poi in Questura, dove – almeno in teoria – lo avrebbe aspettato l’imbarco per il Marocco. E invece…

In Questura: “Si ripresenti lunedì…”

Identificato e fermato il 24enne, in Questura gli agenti della Locale si sono sentiti dire che no, non si poteva trattenere. Per eseguire il rimpatrio, il ragazzo avrebbe dovuto presentarsi in Questura lunedì mattina. Spontaneamente, si capisce. Cosa che puntualmente, udite udite, non è avvenuta, così che il ragazzo ha potuto tornarsene tranquillo a Caravaggio.

Leggi anche:  Pizzaballa torna al comando della Locale

Ri-acciuffato in zona stazione

Se la beffa più clamorosa degli ultimi mesi non si è consumata, è stato solo per l’occhio più che attento della Locale che lunedì, in zona stazione, ha ri-acciuffato il ragazzo. Stavolta la Questura ha deciso di metterlo in cella di sicurezza. Quindi il rimpatrio, il giorno seguente, ha potuto essere effettuato.

Lo spacciatore parkourista

Intanto, a Verdello un altro inseguimento  ha dato invece i frutti sperati. Protagonista, uno spacciatore che si è messo a correre sui tetti. 

TORNA ALLA HOME