Era ricercato per aver picchiato selvaggiamente il vicino di casa, un 73enne tuttora in fin di vita, in provincia di Bari. Catturato e arrestato dai carabinieri in via Crippa, a Treviglio, un 27enne albanese incensurato. Da alcuni giorni si era trasferito nella Bassa Bergamasca.

Aveva picchiato selvaggiamente un vicino

Ieri pomeriggio i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno catturato in via Crippa, a due passi dal Centro storico di Treviglio, un albanese 27enne, incensurato e senza occupazione, autore di un brutale pestaggio lo scorso 21 agosto ai danni di un vicino di casa 73enne. I fatti in questione si sono verificati a Mola di Bari e per tale motivo il 27enne era stato indagato per lesioni personali pluriaggravate.

Potrebbe diventare tentato omicidio

Lo stesso GIP del Tribunale di Bari però, nella relativa ordinanza di custodia cautelare, non esclude che l’imputazione possa anche trasformarsi in tentato omicidio, poiché appunto l’anziano, a causa del grave trauma cranico riportato, si trova ancora oggi in fin di vita. Per futili motivi, l’albanese, in un probabile raptus di follia, picchiò selvaggiamente a sangue il 73nne, mandandolo in ospedale in gravissime condizioni. Da qui le indagini dei carabinieri della Tenenza dei carabinieri di Mola di Bari e quindi il provvedimento cautelare restrittivo richiesto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari a carico dello straniero, nonostante il suo stato di incensuratezza.

Leggi anche:  Trovato morto in casa da 5 giorni

Fermato dai militari mentre cercava lavoro

Nel frattempo il 27enne si era allontanato dalla provincia di Bari, facendo così perdere le proprie tracce, sino al suo rintraccio ieri a Treviglio, dove nel frattempo si era trasferito con la famiglia. Davanti ai militari in borghese del Nucleo Operativo della Compagnia carabinieri di Treviglio lo straniero, con regolare permesso di soggiorno in Italia e una laurea in Giurisprudenza in tasca, asseritamente in cerca di lavoro nella Pianura Bergamasca, non ha opposto alcuna resistenza, facendosi così arrestare. Il 27enne ora si trova in carcere a Bergamo e nei prossimi giorni, probabilmente tramite procedura di “rogatoria”, verrà interrogato dal GIP del Tribunale di Bergamo.

TORNA ALLA HOME