Scoperta una serra per la marijuana: arresti e denunce nella Bassa. Aveva allestito una vera e propria serra dotata di un efficiente impianto di irrigazione, illuminazione ed aerazione: nei guai un 23enne di Treviglio.

Controlli antidroga

Prosegue incessante l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio da parte degli uomini dell’Arma. Nell’ambito di servizi svolti ad ampio raggio finalizzati a contrastare il fenomeno, infatti, i militari della Compagnia Carabinieri di Treviglio, hanno eseguito due diverse perquisizioni e dato corso all’esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Brescia.

Scoperta una serra per la marijuana

Ieri sera, 3 dicembre, i carabinieri della Stazione di Verdello hanno arrestato in flagranza di reato un 23enne trevigliese, V.B. poiché a seguito della perquisizione locale eseguita in un esercizio commerciale dismesso, aveva allestito una vera e propria serra dotata di un efficiente impianto di irrigazione, illuminazione ed aerazione. Al suo interno, infatti, oltre al materiale per la coltivazione e il confezionamento della droga, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato 12 piante di cannabis indica dell’altezza di circa un metro e mezzo e quasi sette chilogrammi di fogliame ed inflorescenze di marijuana in fase di essiccazione e pronte per essere immesse sul mercato.

I carabinieri hanno accertato che per procurarsi l’elettricità, il giovane aveva manomesso l’impianto di illuminazione per collegarsi abusivamente alla rete elettrica. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, per entrambi i reati, il giovane è stato posto agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del processo con rito direttissimo in  Tribunale a Bergamo programmato per la giornata di oggi.

Leggi anche:  Irregolarità nel locale, licenza sospesa per il Confu Bar di Arcene

Ospite della comunità finisce in carcere

Nella stessa serata, i militari del Comando di Fara Gera d’Adda, hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Brescia a carico di E.R. -già ospite della Comunità AGA di Pontirolo Nuovo per reati inerenti l’inosservanza della legge sugli stupefacenti- che, in particolare, si era rifiutato di intraprendere il programma terapeutico prescrittogli. Per la violazione, infatti, i militari hanno prelevato il 24enne conducendolo in carcere a Bergamo.

Beccato con l’hashish in auto

Questa mattina, 4 dicembre, invece, in via Boccaccio di Verdellino, gli uomini della Tenenza di Zingonia, notando l’atteggiamento sospetto da parte di un uomo al posto di guida di una Seat Leon, hanno proceduto alla perquisizione rinvenendo 17,7 grammi di hashish. L’uomo, A.F., 39enne del posto in evidente stato di alterazione da assunzione di analoga sostanza, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti.

TORNA ALLA HOME