Spacciatori alla luce del sole. I cittadini di Calcio sono esasperati, e qualcuno ha deciso di dire basta

Spacciatori alla luce del sole

Due spacciatori intenti a vendere la droga. E, accanto a loro, un giovane italiano che sta sniffando come se nulla fosse. E’ la scena che mercoledì, verso le 13, si è presentata davanti agli occhi di un cittadino di Calcio (di cui per ovvie ragioni non possiamo svelare le generalità). E’ successo in via Cascina Giardino, nelle campagne al confine con Cortenuova. Un luogo nascosto da sguardi indiscreti che, a quanto pare, sta diventando un mercato della droga a cielo aperto. «La cosa è talmente risaputa – ha detto il cittadino – che quando sono passato con la mia auto i pusher, presumibilmente nordafricani, mi hanno addirittura mostrato una pallina bianca, credo cocaina. Il tutto sorridendomi, come se fosse la cosa più normale di questo mondo. Senza contare che accanto c’era un ragazzino che stava sniffando. Soltanto dopo hanno capito che io non ero un cliente. E, vista la mal parata, sono fuggiti».

“Viviamo nella terra di nessuno”

Una situazione diventata insostenibile e che è già stata segnalata più volte. Eppure gli spacciatori continuano imperterriti il loro lavoro. «Questa zona è ormai terra di nessuno – ha proseguito l’anonimo cittadino, che ha anche inseguito spacciatori e cliente per assicurarsi che effettivamente si allontanassero dalla zona – Lo spaccio avviene alla luce del sole e senza paura. Perfino davanti all’ex centro commerciale di Cortenuova. Sono i cittadini che disturbandoli li fanno scappare. Le segnalazioni già state fatte in altre occasioni alle autorità competenti, compreso il sindaco di Calcio. La situazione e’ degenerata da tempo: basta passare di qua nel primo pomeriggio e ci si imbatte in un viavai di autovetture provenienti da ogni zona, soprattutto di giovani. Ma anche la sera si notano movimenti sospetti. Speriamo che qualcuno metta un freno a questo andazzo».

Leggi anche:  Padre Maccalli, ancora nessuna notizia dopo il suo rapimento