Strage di Erba. La Cassazione ha stabilito che il Tribunale di Como dovrà valutare la richiesta di nuovi accertamenti avanzata dalla difesa di Olindo Romano e Rosa Bazzi. Sul caso anche il programma di Mediaset Le Iene aveva acceso i fari (QUI I DETTAGLI).

Strage di Erba: colpo di scena

I due coniugi erano stati condannati in via definitiva all’ergastolo per i delitti atroci di Raffaella Castagna, del figlio Youssef, della madre Paola Galli e della vicina Valeria Cherubini.

Da anni la difesa dei coniugi che si proclamano innocenti lavora a una revisione del processo: la richiesta si baserebbe sull’esame di nuovi elementi reperti biologici trovati sulla scena del crimine, un telefonino, intercettazioni ambientali.

Istanza respinta già più volte

L’istanza del difensore è stata già respinta più volte, l’ultima lo scorso aprile, quando la Corte d’Assise di Como ha giudicato immotivati e inutili i nuovi accertamenti. Decisione impugnata in Cassazione, ed è proprio stamattina che la Suprema Corte ha stabilito che i giudici di Como dovranno riesaminare la richiesta, fissando l’udienza e convocando Procura e difesa per stabilire una volta per tutte se ammettere l’accertamento.

Leggi anche:  Montagna di rifiuti a Calcinate, esposto del Codacons in Procura

LEGGI ANCHE >>Olindo Romano: “Non morirò in carcere”