Anche il Codacons ha deciso di presentare un esposto alla Procura e costituirsi parte offesa nel procedimento penale per omicidio stradale nei confronti dell’automobilista 44enne, che lo scorso 23 dicembre ha travolto e ucciso Battista Recanati in via Damiano Chiesa a Caravaggio.

Codacons parte offesa

“Basta morti sulle strade – ha commentato il Codacons – E’ inaccettabile continuare a sentire, ogni giorno, persone che vengono investite sulle strisce pedonali e incidenti per alta velocità. Da anni ci battiamo affinché aumentino le tutele per i pedoni, lottando per abbassare i limiti di velocità. I dati parlano chiaro, in Lombardia c’è stata una escalation drammatica: 400 morti sulle strade nel 2016, un incidente ogni chilometro di strada, di cui il 78,9% avviene in città. Per tali ragioni ci costituiremo parte offesa nel procedimento penale a carico dell’automobilista”.

“Servono più marciapiedi”

Dopo la tragedia è il momento dello sfogo e della riflessione come quella di Angelo Sghirlanzoni che ha ricordato l’amico, ucciso in strada, chiedendo una maggiore attenzione alla sicurezza stradale in città dove, si sa, scarseggiano i marciapiedi e il nuovo Pums con il limite a 30 km orari non porterebbe – a detta sua – alcun beneficio, anzi ulteriori problemi.

Leggi anche:  Dalla "Soresina" ai tavoli del "Giardino", Elvira se n'è andata a 99 anni

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola.

TORNA ALLA HOME