Epilogo tragico per le ricerche del trevigliese Livio Corbella, il cui corpo è stato recuperato ieri pomeriggio nel canale Muzza a Cassano d’Adda. Ora si attende l’autopsia.

La scomparsa

Era scomparso martedì mattina da Treviglio il 70enne Livio Corbella, dopo essersi recato presso la Banca Popolare di Sondrio in viale Cesare Battisti. I familiari, subito allarmati dal fatto che l’uomo si fosse allontanato senza documenti, soldi o telefono, e senza i suoi farmaci, avevano subito allertato le forze dell’ordine e diffuso un messaggio sui social networks chiedendo aiuto nel ritrovamento dell’uomo.

Il ritrovamento

La ricerca si è conclusa ieri pomeriggio a Cassano d’Adda nel più triste dei modi. All’interno del canale Muzza, infatti, è stato ritrovato il corpo senza vita dell’uomo. Il cadavere, incagliato tra alcuni arbusti, è stato notato dai passanti che hanno subito dato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i sommozzatori dei vigili del fuoco e i carabinieri.

La causa del decesso e l’autopsia

Si attende ora l’esame autoptico per verificare l’identità del corpo, ma secondo gli inquirenti non ci sono dubbi, si tratta di Livio Corbella. Restano tuttora poco chiare le cause della morte. Forse l’autopsia farà luce anche su questo, perché al momento non si è certi se Corbella sia caduto accidentalmente o a seguito di un malore, o se si sia invece trattato di un gesto volontario.