Truffa anziana signora, prelevando al bancomat. Denunciata una 44enne di Romano. E’ il risultato dei controlli straordinari del territorio portati a termine da Polizia di Stato e Polizia locale a Treviglio. Controllati 4 locali, rinvenuta della droga, tre denunce per furto e un divieto di avvicinarsi a moglie e figlia per comportamenti violenti.

Truffa anziana prelevando dal bancomat, denunciata

Le immagini delle telecamere nello sportello bancomat

Una 44enne di Romano, L. B., è stata denunciata per truffa ai danni di un’anziana da parte degli agenti di Polizia del Commissariato cittadino. Nel corso dei servizi di controllo del territorio, grazie alle immagini di alcuni bancomat, la Polizia è riuscita ad identificare e denunciare la donna, 44enne di Romano di Lombardia. L. B., infatti, dopo aver carpito la buonafede di una anziana vedova che utilizza le stampelle, abitante in via De Gasperi a Treviglio, è riuscita ad impossessarsi del bancomat e del relativo Pin, prelevando a più riprese tutta la pensione della povera donna e lasciandola senza soldi.

I controlli nei locali pubblici

Venerdì sera è stato effettuato un controllo amministrativo con identificazione degli avventori presso il “Bar Green” di viale Ortigara. Un cliente con precedenti per spaccio, risultava essere titolare di una autovettura parcheggiata all’esterno, che veniva segnalata ripetutamente dal Cane antidroga “Trevi” come venuta a contatto con sostanza stupefacente. L’immediata perquisizione personale e al mezzo dava però esito negativo. Analogo controllo veniva effettuato successivamente presso il “Pescados Cafè” di viale del Partigiano, dove venivano identificati gli avventori. Una ragazza maggiorenne, grazie al fiuto del cane “Trevi”, veniva trovata in possesso di due dosi di hashish e marjuana. Era in evidente stato di alterazione pisco-fisica per l’uso di stupefacente e ha aggredito verbalmente gli agenti. Essendo giunta al bar in autovettura, veniva accompagnata al Commissariato per le incombenze del caso, tra cui la segnalazione in Prefettura e il ritiro della patente. La stessa unità cinofila riusciva ad individuare anche un’altra dose di hashish abbandonata frettolosamente nell’antibagno da qualche altro avventore che non voleva essere sorpreso in possesso. Nella giornata di sabato, venivano effettuati altri controlli simili anche al bar “dell’Angolo” in via Abate Crippa e alla sala giochi “Las Vegas” in viale Ortigara.

Leggi anche:  Sabato a Treviglio torna Puliamo il mondo

Tre denunce per furto

Un’altra registrazione delle telecamere di videosorveglianza

Tre persone sono state denunciate dal personale del Commissariato per furto. L. S., 29 anni, insieme a M. M., 17enne, entrambi residenti a Treviglio in via Calvenzano, sono state rintracciate in via Marconi mentre si allontanavano frettolosamente in bicicletta. La denuncia è scattata in quanto una delle due, con la tecnica di far uscire all’esterno la titolare del negozio di via Mazzini per chiedere informazioni, permetteva alla complice di entrare e rubare il portafoglio. Lo stesso portafoglio con tutto il denaro veniva recuperato dagli Agenti e riconsegnato alla titolare del negozio. Nel corso dei servizi, grazie ad ulteriori immagini di alcuni bancomat, è stato identificato e denunciato anche B. M., 35enne residente a Treviglio in via Calvenzano, autore di alcuni furti tra cui un furto su auto in via Monte Santo.

Comportamento violento in famiglia

Nei confronti di G. C., 44enne già abitante a Caravaggio, responsabile di violenze nei confronti della moglie e della figlia veniva invece notificato il provvedimento di divieto di avvicinamento a distanze inferiori ai 3 km, e il divieto di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con i familiari. In passato l’uomo aveva fratturato la mano della moglie e la figlia era stata minacciata di morte brandendo un coltello. Durante le operazioni, condotte dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Treviglio in collaborazione con la Polizia Locale munita di unità cinofila antidroga e con l’ausilio di 3 pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine della Lombardia, sono state identificate quasi cento persone, controllati una ventina di automezzi ed elevate alcune contravvenzioni stradali.