Truffa dei camion scoperta dalla procura di Monza: si sostituivano alle ditte di autotrasporto.

Truffa dei camion

L’accusa è truffa, falso e sostituzione di persona e in carcere sono finite sette persone, tra le province di Monza e Brianza, Bergamo, Brescia e Trapani, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Monza per associazione per delinquere con carattere transnazionale.

In pratica gli accusati si sostituivano a ditte di trasporto su gomma operative in Italia e all’estero, “soffiando” loro le commesse e appropriandosi della merce da trasportare.

Gli strumenti di Zucchero

Ma sono stati smascherati dai carabinieri del Comando Provinciale di Milano che hanno scoperto anche che nel novembre 2016 il gruppo avrebbe  sottratto fraudolentemente ad una ditta di trasporti italiana tutti gli strumenti musicali della band del cantante Zucchero Fornaciari poi ritrovati a Travagliato, nel Bresciano.

Il giro d’affari

L’associazione criminale, tra il settembre 2016 e il febbraio 2017, sostituendosi con l’inganno a referenziate ditte di trasporto, avrebbe ottenuto almeno 16 commesse per la spedizione di merce, per un valore complessivo di circa 600mila euro.

Leggi anche:  Alla guida della Bcc per 25 anni, Mozzanica piange Passoni