Ieri sera, giovedì,  a Cividate i carabinieri della compagnia di Treviglio hanno eseguito un’operazione antidroga al termine della quale c’è stato un arresto in flagranza di reato e due denunce a piede libero.

Sequestro di droga in un’azienda

Complessivamente i militari dell’Arma dopo un mirato blitz contro il narcotraffico, hanno recuperato un etto e mezzo di cocaina, suddivisa in due parti. Sono stati i carabinieri della stazione di Calcio ad intervenire nell’area interna di un’azienda ubicata in una zona isolata e così a rintracciare tre cittadini marocchini, con un’età compresa tra i 30 e i 40 anni. Addosso a un 30enne, residente a Savona e regolare in Italia, i militari hanno trovato un etto e mezzo di cocaina (due sassi da 100 e 50 grammi).

Droga dalla Bassa alla Liguria

Gli investigatori dell’Arma ritengono che ci sia stato una compravendita di una partita di droga tra i soggetti rimasti coinvolti nell’operazione antidroga, da piazzare poi sul territorio attraverso lo spaccio al dettaglio.
La Pianura si riconferma quindi un luogo di smercio e di commercializzazione anche “fuori area” della droga: la cocaina sequestrata era infatti diretta proprio nel Savonese per il mercato ligure.  Stamattina, in Tribunale a Bergamo, si svolgerà l’udienza di convalida per “direttissima” del 30enne.

Leggi anche:  Tragedia nel Comasco: 20enne muore accoltellato ad una festa di paese VIDEO

TORNA ALLA HOME