Inizierà il 16 dicembre la rassegna teatrale “SATS”  della Scuola d’Arte Teatrale di Treviglio, che ha da pochi mesi inaugurato il suo nuovo spazio in città in via Casnida.

La rassegna

La rassegna sarà composta da quattro appuntamenti tra dicembre e marzo, che andranno ad aggiungersi alle attività già svolte dalla scuola di teatro. “SATS – spiega la scuola – è una rassegna che vuole andare in tutte le direzioni del teatro e proporre generi tra loro differenti e proposte performative per tutti i gusti”.

Gli appuntamenti

Il primo appuntamento è fissato per domenica 16 dicembre alle 17, con uno spettacolo pensato per i più piccoli, la fiaba musicale “Dentro la scatola dei giocattoli”.
Secondo appuntamento il 25 gennaio alle 21 con lo spettacolo comico “Concerto Jouet”, che si ispira al mondo del clown e dei personaggi clowneschi, unendo musica e fisicità in un susseguirsi di gags.
A febbraio, precisamente il 16 febbraio alle 21, sarà invece proposto lo spettacolo multilingue “I ran and got tired”, opera ispirata alla poetica dello scrittore russo surrealista Daniil Charms.

Leggi anche:  Incontri formativi per over 55, perché non si smette mai di imparare
Uno scatto da “I ran and got tired”

 

La serata conclusiva

L’ultimo appuntamento con “SATS” sarà quello del 30 marzo 2019, sempre alle ore 21, con l’attrice Giulia Pont che porterà in scena “Non tutto il male viene per nuocere, ma questo sì”, un monologo che con sarcasmo racconta presunti miracoli e malattie imbarazzanti, morbosità familiari e sogni di una generazione stretta tra la delusione delle proprie aspettative fallite e l’ansia di realizzarle.

 

TORNA ALLA HOME.