Il campanile tornerà ad illuminarsi di rosa, ma «sorprese» dello stesso genere si troveranno anche in piazza Setti e in diversi altri angoli del centro durante la tre giorni organizzata dell’associazione «Noi per Treviglio» con la Pro Loco e il patrocinio del Comune.

Torna la festa di Sant’Anna

E’ la 17esima festa di Sant’Anna, dedicata anche quest’anno alla sensibilizzazione sulla violenza di genere. «Per essere felici ci vuole coraggio» il motto che ha guidato gli organizzatori, che tra venerdì 20, sabato 21 e giovedì 26 luglio porterà in piazza tre eventi importanti, che avevano attirato nelle scorse edizioni diverse centinaia di trevigliesi.

Pronti per la Camminata solidale

Si comincia venerdì sera alle 21 con Mille note in rosa, concerto della New Pop Orchestra di Comune nuovo. Guidati da Alfredo Conti, saranno circa quaranta i musicisti sul palco di piazza Setti. L’evento clou sarà però il giorno seguente, sabato 21 luglio, quando da piazza Garibaldi partirà la Camminata solidale (raduno alle 20, partenza alle 20.30. Gli organizzatori chiedono di indossare qualcosa di rosa durante l’evento, ma si potranno anche acquistare sul posto magliette dedicate, con offerta libera a partire da cinque euro).
All’arrivo, di nuovo in piazza Garibaldi attorno alle 21,30, dopo un percorso simbolico attraverso le vie del centro, si terrà uno spettacolo coreografico a cura di tre scuole di danza: Fluxodinamica, Gruppo Erranza, Sax Dance e Jem Academy.

Leggi anche:  Bimbi è arrivata Santa Lucia! In tantissimi in piazza a far festa FOTO

Associazioni unite per le donne

Giovedì 26 infine, la messa alle 17.30 in Basilica, con la schola cantorum «Cattaneo». Imponente la collaborazione con le associazioni del territorio, oltre che che la Commissione Pari Opportunità e il Consiglio delle donne: hanno collaborato Sirio, Casa delle donne, Centro italiano femminile, Inner Wheel, Avis, Coop, Commercianti e Distretto del commercio.

Anche l’arte vuole la sua parte

«Compito delle Pro Loco è anche valorizzare le storie e le tradizioni di un luogo, come a Treviglio il culto di Sant’Anna, ma madre della Madonna. Abbiamo in città diverse santelle, segno della devozione dei trevigliesi per Sant’Anna, e riscoprire e valorizzare questa festa rientra in tutto ciò» ha spiegato il presidente della Pro Loco Giorgio Zordan. «Fino a qualche anno fa organizzavamo mostre sulle arti antiche femminili, poi c’è stato questo felice matrimonio con Noi per Treviglio e abbiamo arricchito il programma con altre iniziative, tra cui queste con il significato aggiunto della protezione e della difesa della donna contro la violenza di genere».

TORNA ALLA HOME