Canonica da scoprire chiude il primo appuntamento della stagione tra le bellezze naturalistiche, storiche, artistiche e gastronomiche del paese.

Canonica da scoprire

Dopo il successo della “Giornata del Fai” il paese ha aperto le porte ai turisti quest’oggi per le visite guidate alla scoperta delle sue bellezze. Cortili storici, la chiesa parrocchiale di San Giovanni Evangelista, villa Pagnoni, le bocche della roggia Vailata, il sentiero botanico che conduce al ponte sul fiume con scorci che furono riprodotti dai vedutisti Belotto e Vampitelli, l’ex chiesa di Sant’Anna, la centrale idroelettrica.

Tra Leonardo e Tarantasio

In villa Pagnoni tre attori hanno impersonato Leonardo e due paggi, per ricostruire la storia della sua presenza, con un modello del traghetto di sua costruzione. A Sant’Anna due mostre dove ha fatto la sua comparsa anche Tarantasio, che la leggenda vuole signore dell’antico Lago Gerundo. La scultura in legno realizzata da Vincenzo Agliati, ubicata a Vaprio era stata distrutta dai vandali ma è stata rifatta da lui e da Diego Cremonesi, per essere di nuovo ammirata.

Leggi anche:  Malore in casa, per salvarla intervengono i pompieri

Il percorso guidato dai ragazzi

Anche in questa giornata hanno prestato servizio le piccole guide turistiche delle medie, che ben avevano figurato durante la “Giornata del Fai”. Dal ritrovo in piazza don Crespi, i turisti in gruppi sono stati accompagnati lungo l’itinerario al termine del quale è previsto un punto ristoro con leccornie e bevande.

TORNA ALLA HOME