Dal Fai 30mila euro per la basilica di Santa Giulia a Bonate Sotto. Il progetto è primo in graduatoria tra i 27 progetti finanziati. Pronto a partire il progetto di recupero e valorizzazione.

Fai, 30mila euro alla Basilica di Santa Giulia

Domani, mercoledì 13 novembre 2019, alle 11, all’interno della basilica di via San Pietro si terrà la conferenza di presentazione a cui prenderanno parte Carlo Previtali, sindaco Comune di Bonate Sotto, Francesca Monzani, assessore Cultura e Istruzione, Gianluca Gelmini del CN10 architetti e Claudio Cecchinelli della Delegazione FAI Bergamo.

Solo un anno fa, la Basilica di Santa Giulia a Bonate Sotto era un gioiello romanico del tutto sconosciuto, in attesa da anni di essere recuperata e riscoperta. Nell’indimenticabile estate del 2018 la Basilica ha spiccato il volo, sulle ali della nona edizione de “Il Luoghi del Cuore”, il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso dal FAI, nel quale è stata premiata da 21.191 voti, classificandosi al 13esimo posto, seconda in Lombardia, su 37mila luoghi segnalati a livello nazionale. Il FAI ha annunciato di voler premiare per la seconda volta la Basilica di Santa Giulia, selezionandola tra i 27 luoghi che sosterrà attraverso il bando 2019 e classificandola al primo posto (ex aequo con l’abbazia si S. Michele Arcangelo in Lamoli – Marche) nella graduatoria dei progetti.

Leggi anche:  AAA cercansi logo per il Distretto del commercio di Cologno

Via al progetto di recupero

Il Comune di Bonate Sotto può ora dare il via alle operazioni d’urgenza di recupero strutturale, primo lotto di un progetto più ampio di restauro e riqualificazione. Nel corso della conferenza stampa saranno presentati sia gli interventi del primo lotto che il progetto complessivo, affidato all’architetto Gianluca Gelmini dello studio CN10 Architetti (vincitore anche del concorso di progettazione promosso dal Comune di Bergamo per il ridisegno del Centro Piacentiniano).

TORNA ALLA HOME