“A caccia della Luna”, una serata spaziale a Cologno al Serio organizzata dalla Commissione biblioteca per la rassegna di incontri dedicati al tema del viaggio.

Marco Baggi racconta la Luna

Venerdì si è tenuto il primo incontro dedicato al tema del viaggio con destinazione lo spazio, nell’anno in cui ricorre il 50esimo anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna. La serata è stata condotta da Marco Baggi, storico ed appassionato di viaggi interstellari, che ha incantato il pubblico con i suoi racconti, aneddoti e curiosità riguardo gli sbarchi sulla luna.

Le missioni lunari

A fare da cornice alla narrazione le immagini ufficiali delle missioni lunari della Nasa, tra il 1969 e il 1972, rese pubbliche solamente nel 2015 e rimaste nascoste per anni. In quegli anni ci furono infatti sei sbarchi sul nostro satellite, il primo quello del 20 luglio 1969 con Neil Armstrong, Buzz Aldrin che misero piede sul suolo lunare e Micheal Collins che rimase in orbita nel modulo di comando e venne quasi dimenticato dalla storia. L’astronauta Buzz venne invece celebrato dalla Disney che lo omaggiò con il personaggio Buzz di “Toy Story”.

La corsa allo spazio

Al progetto Apollo lavorarono 400mila addetti per quella che venne definita “Corsa allo spazio”, che in piena guerra fredda vedeva contrapporsi Usa e Urss. Fu il presidente Kennedy, nel 1961, a lanciare la sfida affermando che gli americani sarebbero arrivati sulla Luna, e in meno di un decennio riuscirono a superare i russi che accusarono il colpo dicendo di non essere interessati alla Luna.

Leggi anche:  Pane e ceci, Arzago celebra San Lorenzo e la carità per i viandanti FOTO

I rischi del progetto

L’impresa dell’Apollo 11 fu davvero incredibile ma non indenne da tante anomalie che avrebbero messo a rischio la vita degli astronauti e della missione stessa, così come altri problemi ci furono nelle successive missioni o incidenti durante le esercitazioni, che costarono la vita a 14 uomini complessivamente.

Aneddoti e curiosità

Il primo sbarco durò 2 ore e mezza, un po’ “alla cieca”, mentre nell’ultimo la permanenza fu di 3 giorni. Nel corso dei sei sbarchi tanti sono gli aneddoti, come Alan Shepard che lanciò tre palline con una mazza di golf sul suolo lunare, la dimostrazione della caduta contemporanea di un martello e di una piuma in assenza di atmosfera, la penna “Fisher” che avviò il motore di risalita salvando la vita ad Armstrong, Buzz e Collins.

Il secondo appuntamento con lo spazio

Il prossimo appuntamento con lo spazio sarà il 17 maggio con le sonde Voyager della Nasa che da 40 anni viaggiano oltre il sistema solare, riservando continue sorprese.

TORNA ALLA HOME