L’Aeroporto di Milano Bergamo consolida la terza posizione nella graduatoria degli scali nazionali, sfiorando nel 2018 quota 13 milioni di passeggeri. I numeri definitivi dell’attività svolta nel 2018 confermano la percentuale di incremento del movimento passeggeri nella misura del 4,9% rispetto all’anno precedente. Il totale dei passeggeri transitati è pari a 12 milioni 938mila 572.

Aeroporto di Orio in continua crescita

Si conferma il trend di crescita in atto dal 2002, sostenuto sia dall’offerta di collegamenti attuata dalle compagnie aeree che operano sullo scalo bergamasco, sia dalla percentuale di occupazione dei posti a bordo (load factor) che risulta mediamente tra le più alte in assoluto del panorama degli aeroporti nazionali. Oltre all’incremento sui voli di linea, che hanno registrato in media 50mila passeggeri in più al mese nel corso del 2018, c’è stata una sensibile ripresa del segmento charter con quasi il 10% in più di utilizzatori, concentrato non solo nei mesi estivi ma anche nel mese di dicembre. Il trend positivo registrato nella prima metà del mese di gennaio 2019 lascia presupporre il superamento dei 13 milioni di passeggeri a fine anno.

Leggi anche:  Liceo Galilei di Caravaggio, si punta al nuovo indirizzo biomedico

Crescita anche sul trasporto di merci

Sul fronte delle merci, l’Aeroporto di Milano Bergamo conserva il peso strategico delle attività courier con un movimento stabilmente superiore alle 120mila tonnellate annue (122.971 a consuntivo) e un dato positivo (+4%) corrispondente alla crescita delle merci originate e destinate allo scalo bergamasco.

Ampliamento entro due anni

Nel contempo SACBO, società di gestione dell’Aeroporto di Orio al Serio, avvia la prima fase dei lavori di ampliamento  dell’aerostazione che, nel giro di due anni, faranno aumentare la superficie totale a 70mila mq con riqualificazione dell’area extraSchengen, che sarà servita da un numero doppio di gate d’imbarco, creando un percorso dedicato ai passeggeri in transito. Prevista anche la realizzazione di tre torrini e 6 nuovi gate di imbarco in area Schengen, e adeguando l’area BHS per il controllo dei bagagli da stiva alle nuove e più evolute macchine a raggi X “Standard 3.

TORNA ALLA HOME