Ieri sera il Cda della Fondazione Rubini di Romano, ha firmato l’accordo con i sindacati per la gestione del personale, mancala ratifica dei lavoratori.

Fondazione Rubini

E’ stato firmato ieri sera l’accordo che sancisce il passaggio del personale della casa di riposo della Fondazione Opere Pie Rubini in comando alla cooperativa milanese, “Ksc”. Una grande vittoria dei sindacati che evitato il licenziamento collettivo ha ottenuto che  il personale rimanesse assunto dall’Ente ma gestito dalla cooperativa alle stesse condizioni contrattuali. Per i nuovi assunti la gestione sarà già in capo alla cooperativa. Trovato l’accordo anche sul premio produttività che è stato sospeso per due anni, considerate le difficoltà economiche in cui versa la Fondazione. Manca ancora la ratifica dei lavoratori. l’accordo verrà presentato lunedì in un’ assemblea dei dipendenti.

La protesta

L’accordo di ieri sera mette fine a mesi di proteste e al braccio di ferro tra Fondazione e sindacati, iniziato a gennaio. Allora i vertici della Fondazione, dopo aver presentato un progetto di allargamento della struttura da due milioni di euro, comunicarono al personale la scelta di voler riorganizzare la gestione delle maestranze attraverso il passaggio alla cooperativa. Un passaggio contestato dai sindacati nelle modalità, ma che ora si è risolto con la firma dell’accordo.

Leggi anche:  Inclusione allo Sraffa-Marazzi, l'anno prossimo anche l'ippoterapia al Cre

Cda Fondazione Rubini

Tanta la soddisfazione espressa dai vertici della Fondazione per l’accordo siglato. “E’ stato un passaggio necessario per salvaguardare la Fondazione negli anni a venire. – ha detto Abramo Bonomini, presidente della Fondazione – In tempi di difficoltà economiche sono necessari dei cambiamenti che garantiranno la sostenibilità futura della struttura ”.

TORNA ALLA HOME