Sarà sciopero domani alla Ics di Canonica d’Adda: lavoratori e sindacati chiedono risposte su sicurezza, prospettive occupazionali dell’azienda e premio di risultato.

Sicurezza sul lavoro e rinnovo della committente

Sicurezza sul lavoro nei reparti, rinnovo del Premio di risultato e certezze sulla firma dell’accordo commerciale tra la Ics e la Exide di Romano, multinazionale delle batterie per autotrazione che è la principale committente dell’azienda canonichese, specializzata in spampaggio di materie plastiche e in particolare appunto delle coperture per le batterie dei camion. Sono questi i punti sul tavolo su cui i sindacati vorrebbero gettare luce, ma sui quali la direzione starebbe temporeggiando. “All’ordine del giorno ci sono questioni delicate e importanti, ma l’incontro che i sindacati chiedono da sette mesi ancora non si è tenuto” spiega la Cgil. La mobilitazione nell’azienda che occupa una novantina di persone si terrà domani, FILCTEM-CGIL e FEMCA-CISL di Bergamo hanno proclamato uno sciopero e un presidio ai cancelli, dalle 5,30 alle 8 del mattino.

“Cosa sta accadendo?”

“Dall’ottobre scorso chiediamo un incontro all’azienda sulla sicurezza nei reparti, ma vorremmo anche garanzie rispetto al rinnovo che la ICS dovrà affrontare con la sua principale committente, la Exide. Manca anche una trattativa sul rinnovo del Premio di Risultato, scaduto nel 2018” hanno spiegato Davide Vigani e Maria Ferrante, dei due sindacati confederali. “Malgrado diverse sollecitazioni, l’azienda ha temporeggiato e ripetutamente posticipato gli incontri, tanto che a oggi ancora non si è svolto alcun confronto. La nostra preoccupazione è legata alla tenuta occupazionale visto che diversi segnali non fanno ben sperare: mancano risposte in particolare sulla nuova commessa da parte di Exide, ma vediamo anche scarso impegno in termini di investimenti sui dispositivi di sicurezza in azienda e di manutenzione dei macchinari che sarebbe invece necessaria per l’ottenimento di certificazioni obbligatorie. Ci chiediamo: cosa sta accadendo in questa azienda?”.

Leggi anche:  Concorso Aci da 300 posti: anche a Bergamo

TORNA ALLA HOME