La “Grifal” compie 50 anni ed ha aperto le sue porte alla cittadinanza. Da un anno quotata in Borsa, l’azienda tecnologica, che dal 1969 opera nel mercato dell’imballaggio industriale e che progetta, produce e commercializza soluzioni d’imballo eco-compatibili con caratteristiche prestazionali di alto livello, ha voluto aprire le porte del proprio stabilimento di Cologno con l’evento “Grifal porte aperte”.

L’evento

Questo appuntamento, che si è svolto il primo giugno,  è stato fortemente voluto dal management per celebrare insieme ai collaboratori gli importanti traguardi raggiunti dall’azienda colognese in questi anni di attività: dalla quotazione alla borsa Aim, a tutte le innovazioni di prodotto e brevetti che hanno contribuito alla crescita dell’impresa e di una grande famiglia allargata unita da una forte passione per l’innovazione e lo sviluppo. La risposta è stata sorprendente: ben oltre 400 persone hanno partecipato all’evento tra dipendenti ed ex-dipendenti con le loro famiglie.

Il commento

“Questo dimostra il fortissimo legame creato con la comunità locale – si legge in una nota mandata dall’azienda –  Fabio Gritti, presidente di Grifal, ci ha tenuto a sottolineare come il successo dell’azienda dipenda da tutti”. Secondo Gritti infatti queste occasioni sono fondamentali per stabile un contatto più stretto con il territorio. “Sono occasioni come queste che danno a un imprenditore la misura dell’affetto che i dipendenti provano per l’azienda dove lavorano o hanno lavorato e, di conseguenza, del legame stretto con il territorio che la ospita – ha commentato – E l’affetto dev’essere ricambiato perché un’azienda nasce dalla visione di un fondatore, ma il suo successo è determinato dall’impegno quotidiano di tutti i collaboratori. È quindi con orgoglio che dedico questa giornata ai nostri dipendenti ed ex dipendenti, perché oggi è il compleanno di tutta la grande famiglia Grifal, nessuno escluso”.

Leggi anche:  Aggressioni in strada a Cologno e Soncino SIRENE DI NOTTE

TORNA ALLA HOME