La scorsa settimana, gli alunni della scuola primaria della scuola De Amicis, giunti ormai al termine del loro percorso scolastico, si sono riuniti nella colorata “Aula Bosco” per il loro appuntamento annuale con la “generosità” , devolvendo parte della raccolta fondi Natalizia al Centro di Aggregazione Giovanile C.A.G. di Treviglio.

Ventiquattro anni di solidarietà

Un gesto importante e sentito, che vede le sue radici nel lontano 1994 quando con i genitori della scuola, gli alunni, le insegnanti,il personale amministrativo , il direttore didattico F. Urso, si è voluto sostenere la popolazione colpita dall’alluvione del paese piemontese Santena, aiutandola a ricostruire la palestra della scuola elementare. Da allora, ogni anno, i genitori, in occasione del Natale, scelgono una realtà da sostenere.

Alunni e genitori organizzano  lotteria, vendite di foto-calendari, piccole rappresentazioni nelle rispettive aule. Il comitato genitori, che nell’I.C. De Amicis è una risorsa molto attiva e vicina alla vita della scuola, quest’anno ha scelto di dare un piccolo contributo ad una realtà del territorio trevigliese, punto di riferimento per molti ragazzi ormai diventata insostituibile: il C.A.G., il centro di aggregazione giovanile
dell’oratorio S. Agostino.

Leggi anche:  Altro sciopero Ryanair: attenzione a venerdì 10 agosto

Cos’è il Cag

Il Cag è dedicato a tutti i ragazzi nell’età della preadolescenza ed adolescenza della città di Treviglio, un servizio extrascolastico pomeridiano, che facilita la socializzazione positiva e l’aggregazione. Gli educatori, sempre presenti all’interno della struttura, accompagnano i ragazzi  nella loro crescita, attraverso gli anni della scuola secondaria, supportandoli inoltre nel loro percorso scolastico. Accanto ai compiti, non mancano i momenti per divertirsi, giocare e imparare a costruire relazioni sociali significative, le attività ricreative e le gite, le attività sportive.

Scuola De Amicis, i prossimi appuntamenti

Il contributo di 1000 euro sarà utilizzato per l’acquisto di due pc per il doposcuola che si svolge presso l’oratorio di S. Pietro, una videocamera per il C.A.G. e materiale di cancelleria per l’oratorio di San Zeno.
In questi ultimi giorni di scuola gli alunni delle classi quinte sono impegnati nel meraviglioso compito di cimentarsi con entusiasmo
nel “Progetto di accoglienza” dedicato ai “piccoli” che frequenteranno la scuola primaria a settembre e gareggiare, per l’ultima volta, ai Giochi della Gioventù, che si svolgeranno il 25 maggio presso la struttura di via Bergamo.