Welfare, sicurezza e formazione con uno sguardo alla sostenibilità economica, ambientale e sociale. È in sintesi il risultato del Bilancio Sociale 2018 di Markas, l’azienda specializzata nei servizi di pulizia professionale e ristorazione collettiva per il settore pubblico e
privato con sede a Bolzano e che nella Bassa, si occupa della gestione della mensa dell’ospedale di Treviglio.

Mensa ospedale, bene Markas

Arrivata nel 2018 a oltre 9.500 collaboratori in 4 Paesi (Italia, Austria, Romania e Germania), Markas ha rafforzato le risorse e i progetti a favore dei suoi dipendenti, nella convinzione che un ambiente di lavoro soddisfacente sia una leva fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi.

Christoph Kasslatter, Amministratore Delegato di Markas

A Treviglio, nel maggio 2018, non erano mancate le proteste per il taglio del 23%  del monte ore dovuto a un calo del numero dei pasti previsto nell’appalto vinto dall’azienda.

“La forte competitività del mercato e il sistema degli appalti portano ad abbassare sempre di più i prezzi di aggiudicazione a scapito della sostenibilità economica, pur rimanendo altissimi gli standard di qualità che Markas si impegna a mantenere e migliorare. – ha commentato Christoph Kasslatter, Amministratore Delegato di Markas – Una tendenza in crescita che comporta sicuramente un risparmio economico nell’immediato, ma a lungo termine diventerà una politica davvero poco sostenibile per tutti. Per questo continuare a investire nella nostra risorsa più importante nonché valore aggiunto dei servizi che offriamo, i collaboratori, è fondamentale se si vuole rimanere sul mercato con successo”.

Tante le donne e contratti indeterminati

Le donne rappresentano l’85% dei collaboratori e costituiscono una fetta importante dell’azienda altoatesina. Infatti, per far fonte alle loro esigenze, Markas ha messo in campo diverse iniziative volte a conciliare al meglio le esigenze familiari e professionali: una convezione con l’asilo nido per le neomamme dipendenti di Bolzano e agevolazioni per la famiglia in oltre 50mila esercizi per prestazioni sanitarie o beni di consumo. La tutela del lavoratore è alla base del rapporto che Markas ha deciso di sancire con i suoi collaboratori, a tal proposito in Italia il 95% di questi sono assunti con contratto a tempo indeterminato a cui si aggiunge l’investimento volontario dell’azienda nella stipula di accordi di II livello a tutela dei dipendenti.

La sede di Markas

Anche il benessere del lavoratore resta un punto fermo, una prerogativa per l’azienda. Sono diverse e molteplici le azioni promosse affinché tutti possano godere di ottima salute e possano lavorare in ambienti salubri e tutelati. A tal proposito Markas ha introdotto una nuova linea di prodotti chimici a marchio Ecolabel, certificazione europea che garantisce la sicurezza dei prodotti per l’uomo e per l’ambiente.

Leggi anche:  Caldaie: la parola d’ordine è risparmio

Un altro servizio messo in campo dall’azienda è una équipe sanitaria dedicata per i collaboratori: nel 2018 si è assistito a un incremento delle visite, passate da 4.615 del 2017 a 5.265 del 2018. Altro dato interessante è relativo alla diminuzione della frequenza degli infortuni. Lo scorso anno, infatti, si è registrato un meno 6,4% rispetto al 2017.

La promozione professionale

La promozione della crescita personale e professionale si conferma un aspetto strategico del Bilancio sociale. Nel 2018 sono state investite importanti risorse a favore della formazione: 34mila ore con particolare attenzione allo sviluppo delle competenze trasversali e tecniche. A questo si aggiunge il Markas Leadership Program, che ha vinto il premio Mario Unnia 2019 come miglior progetto. Un percorso che in due anni ha coinvolto 113 collaboratori per più di 57mila ore di formazione dedicata alla gestione della leadership e alla valorizzazione dei talenti nei gruppi di lavoro.

Tra borse di studio e svolta green

Markas non dimentica l’importanza dell’inclusione, dell’integrazione e della valorizzazione grazie a progetti di promozione sociale. Nel 2018 l’azienda ha voluto coinvolgere 13 richiedenti asilo con un tirocinio in diversi appalti presenti sul territorio altoatesino. Di questi, 8 si sono conclusi positivamente con un’assunzione. Spazio poi ai giovani studenti con la prima Borsa di studio Mario Kasslatter per dieci figli di collaboratori Markas che hanno potuto vivere un’esperienza all’estero, e al sostegno dei più piccoli con una donazione alla Fondazione Contessa Lene Thun Onlus per i bambini nei reparti di pediatria, oncoematologia, day hospital e neuropsichiatria in ospedali di tutta Italia.

Infine, ma non meno importante resta l’aspetto della sostenibilità. Riduzione degli sprechi di energia e di alimenti, una nuova sede innovativa dalla forte connotazione green, protocolli volti al risparmio delle risorse e un’attenta selezione dei fornitori e dei prodotti della divisione Food per accorciare progressivamente la filiera dal campo alla tavola sono solo alcune azioni che Markas ha compiuto per amore della terra.

TORNA ALLA HOME