“Soddisfazione non è la parola adatta, ma sollievo e speranza sì”, ha commentato l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Melania Rizzoli, all’indomani dell’autorizzazione alla cassa integrazione, avvenuta in cinque giorni lavorativi, per i lavoratori di Mercatone Uno.

Mercatone Uno, obiettivo riaprire

“La misura è stata firmata in tempi così brevi, mentre in media occorrono tre mesi: questo primo risultato è frutto delle preoccupazioni che abbiamo espresso sui rischi reali e immediati per i lavoratori e dell’attenzione che io ho quotidianamente sollecitato sulla situazione di Mercatone Uno presso il Ministero del Lavoro e il Ministero dello Sviluppo economico”, ha continuato l’assessore Rizzoli, che avverte: “Ora non bisogna abbassare la guardia, perché la Cassa integrazione non è che una soluzione tampone: noi continueremo a monitorare la situazione e a mettere a disposizione tutti gli strumenti di Regione Lombardia, politiche attive incluse. Ma il nostro obiettivo rimane lo stesso, trovare un imprenditore serio e motivato che rilevi le attività, per arrivare entro la fine dell’anno alla riapertura dei sette punti vendita lombardi e quindi al ripristino della piena occupazione per i 331 lavoratori lombardi coinvolti in questa crisi, 1.800 se consideriamo la scala
nazionale”.

Leggi anche:  Ricchezza pro capite: sorpresa (!) non sono i lombardi i più ricchi d’Italia

TORNA ALLA HOME