Nove scuole finanziate dal Miur in provincia, la Lega esulta.

Nove scuole finanziate

 “Finalmente il nostro Paese può contare su un Governo serio che tra le sue priorità ha la valorizzazione dell’istruzione e l’attenzione per noi giovani – afferma il responsabile dei Giovani del Movimento Studentesco della Lega di Crema, Andrea Bergamaschini – Dimostrazione di ciò sono i contributi economici che il Miur ha concesso a nove scuole della nostra Provincia per un totale di 180mila euro. Un’azione molto importante per la quale ringrazio tutto il governo e in particolare i parlamentari della Lega del nostro territorio”. Nello specifico si tratta di investimenti messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) “per la creazione di ambienti di apprendimento capaci di integrare nella didattica l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia”.

Per ogni scuola 20mila euro

A Cremona e provincia hanno ottenuto il finanziamento nove istituti. A Crema premiati il Pacioli e il Galilei.
“Un risultato importante” – hanno commentato l’onorevole rivoltana Claudia Gobbato e Bergamaschini. “Ci complimentiamo con gli istituti per la qualità dei progetti presentati”.
Gli altri sette istituti della provincia finanziati sono: l’Istituto Comprensivo Mandela, sempre di Crema, l’Istituto Comprensivo di Trescore, l’Istituto Comprensivo Chiesa di Spino d’Adda, lo Stanga, l’Istituto Bertesi di Soresina, il Polo Romani di Casalmaggiore e il Torriani di Cremona. A ognuno di loro è stato assegnato un contributo di 20mila euro.
“Questo è il governo del cambiamento e del buonsenso, delle misure normali messe in campo pensando prima agli italiani – ha sottolineato l’onorevole – troppo spesso massacrati in passato da esecutivi di Sinistra. Per noi della Lega i giovani e gli studenti sono davvero importanti perché rappresentano il nostro futuro e ci sentiamo in dovere di doverli mettere nelle migliori condizioni per potersi formare e ampliare la loro conoscenza. Questi finanziamenti, per i quali ringrazio il ministro Marco Bussetti, sono la testimonianza della nostra attenzione”.
Gli esponenti leghisti in conclusione pongono l’accento “sulla qualità degli istituti del territorio e sulla loro capacità di reperire finanziamenti pubblici”.