Il «Don Chisciotte Outlet» di Caravaggio chiude a Natale. Ultime settimane di lavoro per il negozio di giocattoli della catena che ha sede ad Agnadello.

Chiude l’outlet “Don Chisciotte”

Impossibile non notare nei giorni scorsi le locandine di svendita con un allettante 70% di sconto per cessata attività. Motivo? Poca clientela, difficoltà di accesso al centro storico e, non da ultimo, la spietata concorrenza dell’e-commerce. Aperto nel 2016, il punto vendita, insieme ad altri in Lombardia, per Natale abbasserà le serrande.

«Abbiamo provato per due anni a insistere, ma non abbiamo trovato pubblico a sufficienza a fronte, invece, di un affitto piuttosto alto – ha spiegato il titolare della catena Claudio Borella – La zona, inoltre, è poco servita dai parcheggi e i vigili sembrano pronti a multare dietro l’angolo. Io stesso ho preso una multa durante un’operazione di carico e scarico».

Ma a rendere insormontabile la difficoltà economica ci pensa l’e-commerce.

«Ormai tutti comprano online – ha proseguito – ma non si rendono conto dell’impatto che questo cambio di abitudini ha sui negozi nella città».

Chiudono anche Saronno e Cremona

A fronte di diversi punti vendita sparsi in tutto il Nord Italia e altri franchising anche fino a Perugia, l’azienda ha deciso di chiudere oltre a quello di Caravaggio anche quello di Saronno e Cremona.

«I motivi sono gli stessi – ha spiegato – centro storici che con l’istituzione dell’area pedonale sono diventati dei deserti. E in periferia continuano ad aprire centri commerciali che fagocitano ogni possibilità di attirare clienti».

TORNA ALLA HOME