Romano “capitale” dell’agricoltura nella Bassa. E’ cominciato questa mattina il secondo appuntamento con Pianura futura in sala della Rocca a Romano.

Pianura futura, il secondo appuntamento

Si è aperto stamani a Romano il secondo appuntamento della rassegna “Pianura futura”, organizzata dalla Provincia e dedicata allo sviluppo della Bassa e all’arrivo delle infrastrutture. Al convegno hanno partecipato tra gli altri due candidati al Consiglio della regione: il presidente della Provincia Matteo Rossi (Pd) e il sindaco di Spirano Giovanni Malanchini (Lega Nord), protagonisti anche di un inedito siparietto pre-elettorale.

Nicoli: Romano città agricola

Ad aprire i lavori è stato il sindaco di Romano Sebastian Nicoli (Pd), che ha ribadito l’impegno della Giunta per riparare i danni del “boom” edilizio degli scorsi anni, che a Romano hanno causato un collasso del mercato immobiliare. Il nuovo Piano di governo del territorio, approvato peraltro ieri sera dal Consiglio comunale, prevede infatti il sostanziale ritorno alla destinazione agricola per circa 300mila metri quadrati di terreno ora edificabile.

Leggi anche:  Cassa integrazione: meno richieste nel 2018 in Lombardia

Rossi: il nuovo baricentro è la Bassa

Il presidente della Provincia ha quindi insistito sulla centralità della Bassa nel nuovo quadro geografico della Bergamasca. Grazie alle nuove infrastrutture in arrivo, e alle grandi aziende che si stanno insediando sul territorio. Fenomeni da governare e non da subire.

Malanchini e il Dabb

Giovanni Malanchini ha quindi presentato numeri e risultati del Distretto agricolo della Bassa bergamasca, di cui è stato il promotore. Pienone in sala della Rocca, con molti politici locali presenti, oltre a imprenditori legati al mondo dell’agricoltura della Bassa. Curioso lo scambio di auguri elettorali tra i due candidati al Consiglio regionale, che da fronti opposti si sono augurati amichevolmente (ma non senza qualche ironia) la vittoria. “Auguri, ma speriamo che non ti porti davvero fortuna…”.