Una scuola su tre in Bergamasca, come in tutta Italia, a partire da settembre rischia di rimanere senza preside.
A lanciare l’allarme sono i sindacati Cgil e Cisl, all’indomani della decisione del Tar del Lazio che ha annullato il concorsone per l’assunzione dei nuovi dirigenti scolastici. Il motivo? Alcune presunte irregolarità nella composizione delle composizione delle commissioni di concorso, riguardanti due, forse tre componenti su circa un centinaio. Rischia così di trascinarsi ancora per lunghi mesi la crisi delle “reggenze”.

Le reggenze in Lombardia

Solo in Lombardia, le scuole  dirette da presidi “reggenti”, ossia  “in prestito” da altri istituti,   durante l’anno scolastico appena trascorso, erano 330. Una quarantina le scuole in questa situazione in provincia di Bergamo. Che potrebbero restare sguarnite anche  nel prossimo anno scolastico, con effetti prevedibili quanto a organizzazione interna.  

I presidi “reggenti” esercitano infatti la loro funzione parallelamente all’attività di direzione dell’istituto scolastico di cui sono “titolari”. Non è sempre così, ma spesso la dirigenza “reggente” implica minor attenzione e tempo dedicato agli istituti, con conseguente aggravio di compiti anche dirigenziali sul personale delle singole scuole.

Cisl: “Ripercussioni sull’intero sistema”

“Il rischio concreto è di avere, nella sola provincia orobica, almeno 40 scuole su 140 senza un Dirigente scolastico titolare” spiega Cisl Scuola in una nota, annunciando un contro ricorso al Consiglio di Stato per sospendere la decisione del Tar Lazio. “Cisl Scuola a livello nazionale, si è costituita in giudizio per difendere la legittimità della procedura. Non possiamo permettere che le scuole siano prive di dirigenti – dice Salvo Inglima, segretario generale CISL Scuola Bergamo – sarebbe una situazione che creerebbe ripercussioni sulla intera qualità del sistema scolastico. Siamo convinti che occorra una maggiore appetibilità non solo in termini economici, della professione docente per i giovani laureati bergamaschi. Solo in questo modo si possono superare le consuete criticità della mancanza di docenti”.

Leggi anche:  Ragazza bruciata viva in ospedale, la Cgil: "Errato pensare solo alla contenzione"

Cgil: “Rischio scuole ingestibili”

“Annullare il concorso significa rendere ingestibili le scuole, anche nella nostra provincia dove quasi una scuola su tre potrebbe restare senza preside” hanno Elena Bernardini, segretario generale della FLC-CGIL di Bergamo, e il responsabile Proteo Antonio Bettoni che per la FLC ha seguito la formazione dei corsi per dirigenti scolastici. “Le scuole non possono funzionare a pieno regime solo con i reggenti, senza calcolare lo stress che i dirigenti-reggenti vivono dovendo di solito gestire più di una scuola contemporaneamente, in presenza di circa 300 dipendenti in media e 2.000 alunni complessivamente”.

TORNA ALLA HOME