Giornale di Treviglio https://giornaleditreviglio.it Sat, 22 Sep 2018 14:47:47 +0000 it-IT hourly 1 Pizzerie Gambero Rosso: nella guida c’è poca Lombardia https://giornaleditreviglio.it/altro/pizzerie-gambero-rosso-nella-guida-ce-poca-lombardia/ https://giornaleditreviglio.it/altro/pizzerie-gambero-rosso-nella-guida-ce-poca-lombardia/#respond Sat, 22 Sep 2018 14:47:47 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61276 Pizzerie Gambero Rosso: oggi la presentazione del volume a Napoli. Nella guida “Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso 2019” sono stati recensiti oltre 600 locali. Non molta Lombardia… anche se a far la parte del leone non è solo la Campania (pure la Toscana si difende). Pizzerie Gambero Rosso: la guida Tempo di voti per le […]

Continua la lettura di Pizzerie Gambero Rosso: nella guida c’è poca Lombardia su Giornale di Treviglio.

]]>
Pizzerie Gambero Rosso: oggi la presentazione del volume a Napoli. Nella guida “Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso 2019” sono stati recensiti oltre 600 locali. Non molta Lombardia… anche se a far la parte del leone non è solo la Campania (pure la Toscana si difende).

Pizzerie Gambero Rosso: la guida

Tempo di voti per le pizze d’Italia e a darli è, come spesso avviene, il Gambero Rosso. Sono state 62 le pizze premiate con i “Tre Spicchi” e 10 con le “Tre Rotelle”. Il punteggio è stato costruito analizzando, prima di tutto, ogni fase della lavorazione, quindi dall’impasto fino a cottura e topping. E poi l’ambiente e il servizio, quest’ultimo comprensivo pure della proposta beverage.

Brescia, Brianza e Milanese protagoniste

Fra i “Tre Spicchi” ma nella categoria “Pizza napoletana” troviamo “La Filiale a L’Albereta” di Erbusco in Provincia di Brescia (che annovera anche un altro locale, ma abbiate pazienza e attendete ancora poche righe).

Legnano, nel Milanese verso Varese, c’è “Montegrigna by Tric Trac“, mentre in provincia di Monza e Brianza troviamo la “Enosteria Lipen” di Triuggio.

Nella categoria “Piazza all’italiana” nessun locale lombardo, mentre in quella “Pizza a degustazione” ecco che spunta la pizzeria “Sirani” di Bagnolo Mella(Bs).

Niente Lombardia neppure nella sezione “Tre rotelle“, mentre nella sezione “Le pizze dell’anno” c’è ancora un successo made in Brescia: nella sezione “Pizza al taglio” si posiziona la pizzeria “Alimento” di via Gallo, nel capoluogo.

I cugini del Veneto: Verona protagonista

Al primo posto nella categoria Pizze da degustazione si riconferma, ancora una volta, la pizzeria Ai Tigli di San Bonifacio. Per Verona, però, le soddisfazioni non finiscono qui. Al secondo posto, infatti, c’è la pizzeria Saporè di San Martino Buon Albergo, che  nella categoria pizza al taglio si aggiudica un altro secondo posto.

Anche per Guglielmo Vuolo di Verona sono state rose e fiori. Entra in classifica tra le migliori pizze napoletane, e si aggiudica anche il premio della pizza napoletana dell’anno, con la deliziosa Lungomare Caracciolo: Fiordilatte, alici fritte, alghe croccanti e limone grattugiato.

Anche il vicino Piemonte protagonista

Anche quest’anno il Piemonte risulta regione con molti premiati. A Cuneo, e più precisamente a La Morra, arriva il premio “I Tre Spicchi – Pizza Napoletana” alla pizzeria Perbacco.

Torino, invece, alla “Libery Pizza & Artigianal Beer” il riconoscimento “I Tre Spicchi – Pizza all’Italiana”.

Ma anche per la categoria “Pizza a Degustazione” il Piemonte non deluse con ben due locali. A Saluzzo, ancora in provincia di Cuneo, con “Gusto Divino” e Torino con “SestoGusto“.

Nella categoria “Pizza a Degustazione” c’è anche “Patrick Ricci. Terra, Grani, Esplorazioni” di San Mauro Torinese. Una conferma per il locale della provincia di Torino che arriva dopo quello già ottenuto nel 2017.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Pizzerie Gambero Rosso: nella guida c’è poca Lombardia su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/altro/pizzerie-gambero-rosso-nella-guida-ce-poca-lombardia/feed/ 0
Parcheggio selvaggio a Pontirolo, sotto accusa anche il sindaco https://giornaleditreviglio.it/politica/parcheggio-selvaggio-a-pontirolo-sotto-accusa-anche-il-sindaco/ https://giornaleditreviglio.it/politica/parcheggio-selvaggio-a-pontirolo-sotto-accusa-anche-il-sindaco/#respond Sat, 22 Sep 2018 14:30:17 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61172 Parcheggio selvaggio, la minoranza punta il dito contro un malcostume diffuso in paese, che coinvolge anche le autorità. E’ polemica a Pontirolo, e tra i parcheggiatori creativi ci sarebbe anche la sindaca Gigliola Breviario. Parcheggio selvaggio: vigili e sindaco nella bufera Le foto inchiodano auto di fornitori del Comune e sindaco sullo stallo riservato alla […]

Continua la lettura di Parcheggio selvaggio a Pontirolo, sotto accusa anche il sindaco su Giornale di Treviglio.

]]>
Parcheggio selvaggio, la minoranza punta il dito contro un malcostume diffuso in paese, che coinvolge anche le autorità. E’ polemica a Pontirolo, e tra i parcheggiatori creativi ci sarebbe anche la sindaca Gigliola Breviario.

Parcheggio selvaggio: vigili e sindaco nella bufera

parLe foto inchiodano auto di fornitori del Comune e sindaco sullo stallo riservato alla Polizia locale, e quella degli agenti a sua volta sosta fuori dalle strisce.

“Ho parlato con uno di loro e mi ha detto di avere un’autorizzazione – ha detto il consigliere leghista Franco Invernizzi – Quale e di chi non si sa.  Il nostro intento non è tanto punire, ma sensibilizzare. Dall’altro lato della strada c’è il parcheggio e sul retro il piazzale del condominio solidale…”

“Il sindaco aveva tolto un parcheggio riservato agli amministratori per darne uno in più ai disabili  – ha affermato invece il lumbard Roberto Bonomi – E poi per andare alla festa del paese usa lo stallo dei vigili…”.

“No comment”

“Se gli argomenti sono questi non ho nulla da dire”, ha affermato la prima cittadina Gigliola Breviario. Nessuna dichiarazione invece è pervenuta da parte del comandante della Polizia locale Ivan Farina.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Parcheggio selvaggio a Pontirolo, sotto accusa anche il sindaco su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/parcheggio-selvaggio-a-pontirolo-sotto-accusa-anche-il-sindaco/feed/ 0
Dopo quasi due anni il Chihuahua Cherry ritorna a casa https://giornaleditreviglio.it/attualita/dopo-quasi-due-anni-il-chihuahua-cherry-ritorna-a-casa/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/dopo-quasi-due-anni-il-chihuahua-cherry-ritorna-a-casa/#respond Sat, 22 Sep 2018 14:03:24 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61286 Non si è mai persa d’animo ed oggi, dopo quasi due anni, ha potuto riabbracciare la sua cagnolina, il Chihuahua Cherry. Ha davvero dell’incredibile la storia strappalacrime che  ha per protagonista la 33enne Laura Colaianni di Camparada e la sua cagnolina Cherry, un Chihuahua a pelo lungo. Un vero e proprio miracolo Se non è un miracolo […]

Continua la lettura di Dopo quasi due anni il Chihuahua Cherry ritorna a casa su Giornale di Treviglio.

]]>
Non si è mai persa d’animo ed oggi, dopo quasi due anni, ha potuto riabbracciare la sua cagnolina, il Chihuahua Cherry. Ha davvero dell’incredibile la storia strappalacrime che  ha per protagonista la 33enne Laura Colaianni di Camparada e la sua cagnolina Cherry, un Chihuahua a pelo lungo.

Un vero e proprio miracolo

Se non è un miracolo davvero proprio di ci manca . Infatti la padrona perse le tracce della sua amata cagnolina addirittura nel dicembre del 2016, a seguito di un furto avvenuto nella sua abitazione camparadese LEGGI QUI

E le ha provate davvero tutte per ritrovarla e riabbracciarla, istituendo una taglia di alcune migliaia di euro per chi le avesse riportato Cherry.

Laura ha potuto riabbracciare il suo Chihuahua tra le lacrime. Infatti Cherry è stata abbandonata in un canile e sono risaliti alla proprietaria grazie al chip della cagnolina.

Leggi tutta la storia sul Giornale di Monza

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Dopo quasi due anni il Chihuahua Cherry ritorna a casa su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/dopo-quasi-due-anni-il-chihuahua-cherry-ritorna-a-casa/feed/ 0
Il Bitto campione di gusto e solidarietà VIDEO e FOTO https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/il-bitto-campione-di-gusto-e-solidarieta-video-e-foto/ https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/il-bitto-campione-di-gusto-e-solidarieta-video-e-foto/#respond Sat, 22 Sep 2018 13:38:18 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61283 Successo per la quarta edizione de “Il Bitto & Le Stelle” all’azienda Agrituristica La Fiorida di Mantello. Evento unico Il gusto della tradizione millenaria da cui nasce il formaggio Bitto DOP e il piacere di scoprirlo nel suo attualizzarsi attraverso la firma di oltre 15 Chef Ospiti nel cuore della Valtellina: è “il Bitto e le Stelle” 2018. L’Azienda Agricola […]

Continua la lettura di Il Bitto campione di gusto e solidarietà VIDEO e FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
Successo per la quarta edizione de “Il Bitto & Le Stelle” all’azienda Agrituristica La Fiorida di Mantello.

Evento unico

Il gusto della tradizione millenaria da cui nasce il formaggio Bitto DOP e il piacere di scoprirlo nel suo attualizzarsi attraverso la firma di oltre 15 Chef Ospiti nel cuore della Valtellina: è “il Bitto e le Stelle” 2018. L’Azienda Agricola La Fiorida di Mantello (SO) promuove per il quarto anno consecutivo l’appuntamento dedicato al Re dei Formaggi d’alpeggio, che nel corso del tempo è riuscito a richiamare le più brillanti firme del panorama culinario italiano. Giovedì sera quindi una sfida di creatività nel produrre piatti esclusivi, con un solo vincolo: interpretare il Bitto e la sua poliedricità. 

Leggi di più sul Giornale di Sondrio

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Il Bitto campione di gusto e solidarietà VIDEO e FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/il-bitto-campione-di-gusto-e-solidarieta-video-e-foto/feed/ 0
Pallacanestro in lutto, addio a Bob Lienhard https://giornaleditreviglio.it/attualita/pallacanestro-in-lutto-addio-a-bob-lienhard/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/pallacanestro-in-lutto-addio-a-bob-lienhard/#respond Sat, 22 Sep 2018 13:05:17 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61303 Pallacanestro in lutto per la perdita di un grande giocatore. Si è spento oggi all’eta di 70 anni Robert Louis Lienhard, per tutti “Bob”. Il pivot americano dal 1970 al ’78 a Cantù, una volta ottenuta la cittadinanza italiana fece la fortuna dell’allora Or.Sa. Pallacanestro Treviglio. Pallacanestro in lutto, addio Bob! Un giorno triste per la […]

Continua la lettura di Pallacanestro in lutto, addio a Bob Lienhard su Giornale di Treviglio.

]]>
Pallacanestro in lutto per la perdita di un grande giocatore. Si è spento oggi all’eta di 70 anni Robert Louis Lienhard, per tutti “Bob”. Il pivot americano dal 1970 al ’78 a Cantù, una volta ottenuta la cittadinanza italiana fece la fortuna dell’allora Or.Sa. Pallacanestro Treviglio.

Pallacanestro in lutto, addio Bob!

Un giorno triste per la pallacanestro italiana e per due piazze come Cantù e Treviglio che hanno perso uno dei giocatori simbolo della loro storia. Robert Louis Lienhard, era per tutti “Bob”, l’americano di New York che in Italia aveva trovato la sua America come ripeteva spesso nelle interviste. Ha vestito la maglia dello storico club di Cantù dal 1970 al ’78 segnando oltre 3.000 punti e vincendo una gran quantità di trofei internazionali. Tre coppe Korac, una Coppa Intercontinentale, due volte la Coppa delle Coppe, oltre allo scudetto del 1974/75.

Da “italiano” a Treviglio per la fortuna dell’Or.Sa

Una vignetta di Carmelo Silva per la promozione in C1 dell’Or.SA Pallacanestro con Bob Lienhard a sinistra (fonte La Tribuna Sportiva 4 aprile 1981)

“Ciao Bob. Treviglio piange il suo primo americano, Robert Bob Lienhard, spentosi a 70 anni. Fu giocatore dell’Orsa Pallacanestro, targata Uteco, dal 1980 al 1983, portando Treviglio dalla C2 alla B”. Con questo comunicato la società Blu Basket 1971 ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa del pivot, nato a New York il 2 aprile 1948. Quando ottenne la cittadinanza, la Federazione Italiana Pallacanestro gli permise di giocare da italiano sola tra i dilettanti. Fu così che una domenica mattina l’allora general manager Alberto Mattioli con il presidente Giuseppe Rivoltella raggiunsero Cantù e strapparono la firma del pivot americano. Con lui l’Or.Sa. Pallacanestro ottenne due promozioni consecutive dalla C2 alle B.

L’ultima volta a Treviglio per i 35 anni della società

pallacanestro in lutto
Bob Lienhard e Pietro Colnago, al PalaFacchetti nel 2006 per i 35 anni di fondazione della società di basket

L’ultima volta di Bob Lienhard davanti al pubblico di Treviglio, che anche dopo tanti anni non lo ha mai dimenticato, è stato al PalaFacchetti in occasione della festa per i 35 anni di fondazione della società. Correva l’anno 2006 e sul pivot americano i segni della malattia già si intravvedevano. Gli applausi del palazzetto, quando il suo ex compagno di squadra Pietro Colnago (voce del basket di Sky) lo ha chiamato a ritirare la maglia celebrativa, sono stati assordanti e lui, Bob, ha salutato con emozione persone che da anni non vedeva più.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Pallacanestro in lutto, addio a Bob Lienhard su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/pallacanestro-in-lutto-addio-a-bob-lienhard/feed/ 0
Epidemia legionella: tutto da rifare https://giornaleditreviglio.it/attualita/epidemia-legionella-tutto-da-rifare/ Sat, 22 Sep 2018 11:06:47 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61300 Epidemia legionella: le torri di raffreddamento presenti nelle industrie che costellano il territorio che va Brescia a Mantova e Cremona, erano state individuate come l’indiziato numero uno nella diffusione del batterio. Ma ora …. Epidemia legionella Colpo di scena sulla questione “epidemia polmonite” che ha colpito la Bassa. Come riporta BresciaSettegiorni.it, ATS Brescia, nelle ultime ore ha ritrattato […]

Continua la lettura di Epidemia legionella: tutto da rifare su Giornale di Treviglio.

]]>
Epidemia legionella: le torri di raffreddamento presenti nelle industrie che costellano il territorio che va Brescia a Mantova e Cremona, erano state individuate come l’indiziato numero uno nella diffusione del batterio. Ma ora ….

Epidemia legionella

Colpo di scena sulla questione “epidemia polmonite” che ha colpito la Bassa. Come riporta BresciaSettegiorni.it, ATS Brescia, nelle ultime ore ha ritrattato le dichiarazioni sottolineando che gli ultimi approfondimenti e analisi avrebbero dato esito negativo.

Quindi è tutto da rifare e la parola torna nuovamente nelle mani degli esperti che dovranno rivalutare dove veramente si sia generata la polmonite batterica.

Funerale sospeso

Tra l’elenco delle persone venute a mancare a seguito dell’epidemia di legionella, c’è anche Gino Daldoss. Ma l’autorità giudiziaria di Brescia vuole vederci chiaro, sulle cause della morte, e ha sospeso i funerali del pensionato, 90enne, ricoverato all’ospedale di Asola (MN) e deceduto mercoledì 119 settembre.

Continua la lettura di Epidemia legionella: tutto da rifare su Giornale di Treviglio.

]]>
Galileo Galilei, la lettera eretica ritrovata dall’Università di Bergamo https://giornaleditreviglio.it/attualita/galileo-galilei-la-lettera-eretica-ritrovata-dalluniversita-di-bergamo/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/galileo-galilei-la-lettera-eretica-ritrovata-dalluniversita-di-bergamo/#respond Sat, 22 Sep 2018 10:44:54 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61280 Costò a Galileo Galilei un processo per eresia e un’abiura forzata delle sue teorie. È stata trovata la lettera con la quale lo studioso, nel settembre del 1613, spiegava a un amico la sua tesi sul movimento della Terra intorno al Sole, opposta alla tesi della Chiesa secondo la quale la Terra era immobile. Galileo […]

Continua la lettura di Galileo Galilei, la lettera eretica ritrovata dall’Università di Bergamo su Giornale di Treviglio.

]]>
Costò a Galileo Galilei un processo per eresia e un’abiura forzata delle sue teorie. È stata trovata la lettera con la quale lo studioso, nel settembre del 1613, spiegava a un amico la sua tesi sul movimento della Terra intorno al Sole, opposta alla tesi della Chiesa secondo la quale la Terra era immobile.

Galileo Galilei

A scoprirla, nella biblioteca della Royal society di Londra, il 2 agosto, è stato lo storico della scienza italiano Salvatore Ricciardo, dell’Università di Bergamo, che l’ha studiata con Franco Giudice, della sua stessa università, e con Michele Camerota, dell’Università di Cagliari. La notizia è stata pubblicata sul sito della rivista Nature. “Non potevo credere di avere scoperto la lettera che tutti gli studiosi di Galileo credeva irrimediabilmente perduta – ha detto Ricciardo a Nature – È ancora più incredibile – ha aggiunto – perché la lettera non era custodita in un’oscura biblioteca, ma nella biblioteca della Royal Society”.

Sette pagine

La lettera di sette pagine è stata scritta il 21 dicembre 1613 e firmata “GG”: fornisce la prova più forte che, all’inizio della sua battaglia con le autorità religiose, Galileo Galilei si impegnò attivamente per smussare le sue posizioni e per cercare di dare un tono meno sovversivo alle sue affermazioni. Ha condiviso una copia di questa versione “addolcita” con Benedetto Castelli, un matematico dell’Università di Pisa in Italia, sostenendo che era il suo originale, e lo ha invitato a spedire quella lettera in Vaticano.

Cosa diceva Galilei

Galileo Galilei sosteneva che gli scarsi riferimenti nella Bibbia agli eventi astronomici non dovevano essere presi alla lettera, perché gli scribi avevano semplificato queste descrizioni in modo che potessero essere comprese dalla gente comune. Le autorità religiose che argomentavano diversamente, scrisse, non avevano la competenza per giudicare. In modo cruciale, egli ragionò che il modello eliocentrico della Terra in orbita attorno al Sole, proposto dall’astronomo polacco Niccolò Copernico 70 anni prima, non è in realtà incompatibile con la Bibbia.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Galileo Galilei, la lettera eretica ritrovata dall’Università di Bergamo su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/galileo-galilei-la-lettera-eretica-ritrovata-dalluniversita-di-bergamo/feed/ 0
Da tre giorni la terra trema al confine fra Italia e Svizzera https://giornaleditreviglio.it/attualita/da-tre-giorni-la-terra-trema-al-confine-fra-italia-e-svizzera/ Sat, 22 Sep 2018 09:52:17 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61294 Come riporta GiornalediSondrio.it, altre due scosse nelle ultime ore al confine tra Italia e Svizzera. Questa volta vicino a Livigno. LEGGI ANCHE: Confine Italia-Svizzera sorvegliato speciale per scosse di terremoto Due scosse vicino Livigno I sismografi della Sala Sismica INGV di Roma si sono mossi pochi minuti prima dell’una di notte. La prima scossa di magnitudo […]

Continua la lettura di Da tre giorni la terra trema al confine fra Italia e Svizzera su Giornale di Treviglio.

]]>
Come riporta GiornalediSondrio.it, altre due scosse nelle ultime ore al confine tra Italia e Svizzera. Questa volta vicino a Livigno.

LEGGI ANCHE: Confine Italia-Svizzera sorvegliato speciale per scosse di terremoto

Due scosse vicino Livigno

I sismografi della Sala Sismica INGV di Roma si sono mossi pochi minuti prima dell’una di notte. La prima scossa di magnitudo 1.5 è stata registrata alle 00:58:59 ad una profondità di 7 km tra St. Moritz e Livigno. Nello stesso punto all’1:27 un altro piccolo sisma pari a 1 di magnitudo è stato notato dagli strumenti sismici. Fortunatamente l’entità delle scosse è stata lieve e non si registrano danni a cose o persone.

In 48 ore

Queste ultime due scosse si aggiungono alle altre tre registrate nel giro di 48 ore sul confine tra italia e Svizzera. Ieri quella registrata non lontano da Domodossola mentre il giorno prima se ne è registrata una vicino alla Valchiavenna, in Engadina. Insomma, uno sciame sismico “dilazionato” e finora con scosse di lieve entità, che tuttavia testimoniano un’attività insolita sotto all’arco alpino.

Continua la lettura di Da tre giorni la terra trema al confine fra Italia e Svizzera su Giornale di Treviglio.

]]>
Risolto il mistero dell’Ufo avvistato nel Milanese https://giornaleditreviglio.it/attualita/risolto-il-mistero-dellufo-avvistato-nel-milanese/ Sat, 22 Sep 2018 09:36:21 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61290 Ufo avvistato nel Milanese vicino a Legnano da numerosissime persone. Ufo avvistato nel Milanese Un Ufo sopra tutto il Legnanese? Sì se si parla di “Oggetto volante non identificato” da chi lo sta osservando, no se si parla di marziani. Da questa mattina in tantissimi sono rimasti con il naso al’insù per osservare un globo bianco […]

Continua la lettura di Risolto il mistero dell’Ufo avvistato nel Milanese su Giornale di Treviglio.

]]>
Ufo avvistato nel Milanese vicino a Legnano da numerosissime persone.

Ufo avvistato nel Milanese

Un Ufo sopra tutto il Legnanese? Sì se si parla di “Oggetto volante non identificato” da chi lo sta osservando, no se si parla di marziani. Da questa mattina in tantissimi sono rimasti con il naso al’insù per osservare un globo bianco nel cielo.

I primi ad accorgersene sono stati alcuni residenti del quartiere Canazza di Legnano :

“Ho visto quell’oggetto fuori dalla mia finestra – racconta Maria Cantarella che lì ci abita -, si muoveva. Al pomeriggio era invece dietro il nostro palazzo. Si trovava verso l’autostrada”.

IL VIDEO DI UN TESTIMONE:

Era un pallone rileva-traffico

La stessa Cantarella ha un po’ svelato di che si trattava: “Assomigliava molto a un pallone rileva-inquinamento che ho trovato su internet”.

I colleghi del nostro quotidiano online Settegiorni hanno deciso di andare a dare un’occhiata in Canazza e hanno risolto il caso: si trattava di un pallone aerostatico, fatto decollare e poi atterrare in un’area verde proprio del quartiere a ridosso dell’Autrostrada, che sta fotografando e filmando i flussi di traffico sull’A8:

“Nella gironata odierna – ci spiega Marco, titolare di Immaginialvolo.it abbiamo effettuato il monitoraggio di una porzione con uno dei nostri aerostati. Molte persone si stanno chiedendo che cosa sia quell’oggetto in aria. E’ il nostro pallone per effettuare questo studio per il quale siamo stati incaricati”.

GUARDA IL PALLONE “SVELATO” IN UN ALTRO SORPRENDENTE VIDEO E TUTTE LE GALLERY SU SETTEGIORNI.IT

E LEGGI ANCHE: UFOLOGO SAVONESE COLPISCE ANCORA: frammento di un meteorite avvistato a Ventimiglia

Continua la lettura di Risolto il mistero dell’Ufo avvistato nel Milanese su Giornale di Treviglio.

]]>
Piromani identificati e ora rischiano una denuncia https://giornaleditreviglio.it/cronaca/piromani-identificati-e-ora-rischiano-una-denuncia/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/piromani-identificati-e-ora-rischiano-una-denuncia/#respond Sat, 22 Sep 2018 08:26:04 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61269 Hanno appiccato il fuoco ai cipressi di via Cimitero a Casirate. Piromani identificati dalla Polizia locale che ha indagato sull’accaduto. Piromani identificati dalla Locale Trascorsi alcuni giorni dal rogo divampato a Casirate, lungo la via che conduce al cimitero, sarebbero stati identificati i piromani. Gli agenti della Polizia locale in convenzione tra i Comuni di Casirate, […]

Continua la lettura di Piromani identificati e ora rischiano una denuncia su Giornale di Treviglio.

]]>
Hanno appiccato il fuoco ai cipressi di via Cimitero a Casirate. Piromani identificati dalla Polizia locale che ha indagato sull’accaduto.

Piromani identificati dalla Locale

Trascorsi alcuni giorni dal rogo divampato a Casirate, lungo la via che conduce al cimitero, sarebbero stati identificati i piromani. Gli agenti della Polizia locale in convenzione tra i Comuni di Casirate, Arzago e Calvenzano si sono messi sulle tracce dei responsabili che hanno scatenato l’incendio. Le indagini avrebbero già avuto un risultato: quello di aver identificato i due minorenni, anche se su questo punto il primo cittadino di Casirate mantiene il massimo riserbo.

Rischiano una denuncia

“Non voglio dire nulla al riguardo – ha dichiarato il sindaco Mauro Faccà, giovedì – prima di aver incontrato l’agente Marco Ghislandi (che coordina il servizio di Polizia locale, ndr). Riguardo ai danni provocati dal rogo, aspetto una relazione dall’ufficio Tecnico comunale per conoscere quanto verrà a costare rimuovere le piante bruciate”. Una spesa che cadrebbe in capo ai responsabili (e alle loro famiglie), se venisse confermata che è stata la loro mano ad appiccare le fiamme. I responsabili, inoltre, andrebbero incontro con ogni probabilità ad una sanzione amministrativa e rischiano una denuncia per danneggiamento di beni pubblici.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Piromani identificati e ora rischiano una denuncia su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/piromani-identificati-e-ora-rischiano-una-denuncia/feed/ 0
Emergenza cinghiali in Lombardia, Lega “Cacciatori come operatori volontari” https://giornaleditreviglio.it/attualita/emergenza-cinghiali-in-lombardia-lega-cacciatori-come-operatori-volontari/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/emergenza-cinghiali-in-lombardia-lega-cacciatori-come-operatori-volontari/#respond Sat, 22 Sep 2018 08:17:55 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61270 Emergenza cinghiali in Lombardia: la richiesta al Ministro pavese Centinaio. Emergenza cinghiali in Lombardia Che l’emergenza cinghiali sia un cruccio della Lombardia è notizia ormai nota. L’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi ha scritto, questa mattina, una lettera al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Gian Marco Centinaio per evidenziare il problema legato alla presenza di […]

Continua la lettura di Emergenza cinghiali in Lombardia, Lega “Cacciatori come operatori volontari” su Giornale di Treviglio.

]]>
Emergenza cinghiali in Lombardia: la richiesta al Ministro pavese Centinaio.

Emergenza cinghiali in Lombardia

Che l’emergenza cinghiali sia un cruccio della Lombardia è notizia ormai nota. L’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi ha scritto, questa mattina, una lettera al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Gian Marco Centinaio per evidenziare il problema legato alla presenza di cinghiali in Lombardia.

“Situazione fuori controllo”

“La situazione e’ fuori controllo – scrive Rolfi -, a causa di leggi anacronistiche. Rilancio l’appello fatto ai parlamentari lombardi e chiedo un intervento anche del ministro, affinche’ ci sia un’azione politica congiunta per cambiare la legge 157, prevedendo espressamente la figura del cacciatore come operatore volontario“. “Un contenimento piu’ efficace del cinghiale – spiega l’assessore – rappresenta anche una forma di ulteriore prevenzione contro la peste suina africana, visti i casi registrati in Belgio“.

“Operatore a servizio della collettività”

La mancanza del riconoscimento del cacciatore come operatore volontario ha generato un conflitto tra leggi regionali e nazionale, rendendo questa figura borderline, con interventi anche da parte delle Procure – prosegue -. Chiediamo venga messa in sicurezza l’azione dei cacciatori per tutelare il territorio dalla fauna selvatica. I cacciatori svolgono in questo ruolo un servizio gratuito alla collettivita’, visto che l’attivita’ di contenimento dei pochi agenti di polizia provinciale rimasti risulta insufficiente. Di fatto in gran parte della nostra regione l’attivita’ extra caccia e’ ferma al palo e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, con allarmi lanciati dai sindaci di tutti gli schieramenti e di tutte le province. L’attivita’ di contenimento effettuata dai cacciatori e’ necessaria per tutelare
la sicurezza delle coltivazioni agricole e anche delle persone, visti i danni generati dei cinghiali – conclude Rolfi -. E’ necessario e improcrastinabile un intervento del legislatore nazionale”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Emergenza cinghiali in Lombardia, Lega “Cacciatori come operatori volontari” su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/emergenza-cinghiali-in-lombardia-lega-cacciatori-come-operatori-volontari/feed/ 0
Street Food, al via la quarta edizione https://giornaleditreviglio.it/attualita/street-food-al-via-la-quarta-edizione/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/street-food-al-via-la-quarta-edizione/#respond Sat, 22 Sep 2018 08:02:13 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61206 Street Food, a Treviglio è cominciata ieri sera la tre giorni dedicata alla gastronomia internazionale. Fino a domani ce ne sarà per tutti i gusti. Street Food E’ stata inaugurata ufficialmente ieri pomeriggio la quarta edizione dello Street Food Market, che arricchirà il centro di Treviglio fino a domani con piatti provenienti da tutto il […]

Continua la lettura di Street Food, al via la quarta edizione su Giornale di Treviglio.

]]>
Street Food, a Treviglio è cominciata ieri sera la tre giorni dedicata alla gastronomia internazionale. Fino a domani ce ne sarà per tutti i gusti.

Street Food

E’ stata inaugurata ufficialmente ieri pomeriggio la quarta edizione dello Street Food Market, che arricchirà il centro di Treviglio fino a domani con piatti provenienti da tutto il mondo. Dopo il successo delle edizioni precedenti, anche quest’anno torna l’appuntamento che delizia il palato dei trevigliesi grazie alle proposte culinarie tipiche dei Paesi rappresentati, con gli stands che saranno dislocati lungo via Matteotti, via XXV aprile e Piazza Garibaldi.

Organizzatori soddisfatti

“Treviglio è una piazza bellissima ed accogliente -ha affermato il Presidente di Promozioni Confersercenti Giulio Zambelli– Negli anni scorsi abbiamo riscontrato un’ottima partecipazione della gente, e anche per questa edizione sentiamo l’attesa dei cittadini. Per Gabriele Anghinoni, presidente dell’Associazione Commercianti Trevigliesi, “non poteva esserci evento migliore per chiudere in bellezza l’estate. Dopo “Treviglio Vintage” ed altre manifestazioni di successo, ci aspetta lo Street Food, che sarà capace di attirare molti visitatori nella nostra città per vivere tre giorni all’insegna del gusto”.

“Il rilancio della città prosegue”

Non poteva mancare il commento e la considerazione del “padrone di casa” Juri Imeri, sindaco di Treviglio: “Si è lavorato molto in questi anni per il rilancio di Treviglio, e lo Street Food è una delle tante iniziative che sono entrate nel nostro ricco programma della promozione della città. Si cerca sempre, con gli organizzatori, di consolidare la collaborazione e migliorare l’offerta. Mi pare che anche quest’anno ci siano tutte le carte in regola per tre giorni da vivere nella nostra bella città”.

 

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Street Food, al via la quarta edizione su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/street-food-al-via-la-quarta-edizione/feed/ 0
Scroccava il gas, condannato a 8 mesi https://giornaleditreviglio.it/cronaca/scroccava-il-gas-condannato-a-8-mesi/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/scroccava-il-gas-condannato-a-8-mesi/#respond Sat, 22 Sep 2018 07:47:09 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61259 Scroccava il gas dalla rete, dopo che gli era stato distaccato per morosità. Un 40enne di Brembate è stato arrestato e condotto in carcere per scontare otto mesi di reclusione. Scroccava il gas E’ stato arrestato e portato in carcere dai carabinieri della Compagnia di Treviglio il 40enne italiano domiciliato a Brembate colpito da un […]

Continua la lettura di Scroccava il gas, condannato a 8 mesi su Giornale di Treviglio.

]]>
Scroccava il gas dalla rete, dopo che gli era stato distaccato per morosità. Un 40enne di Brembate è stato arrestato e condotto in carcere per scontare otto mesi di reclusione.

Scroccava il gas

E’ stato arrestato e portato in carcere dai carabinieri della Compagnia di Treviglio il 40enne italiano domiciliato a Brembate colpito da un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bergamo. Tra il 2012 ed il 2013 venne accertato – a più riprese – che l’uomo, dopo la “piombatura” del proprio contatore del gas per morosità, scroccava il gas dalla rete, compiendo di fatto un furto continuato aggravato dal mezzo fraudolento, nonché rimuovendo i sigilli precedentemente apposti.

La segnalazione dei vicini

Fu la segnalazione dei vicini di casa ad allertare i carabinieri in quanto si sentiva uno “strano odore di gas”. Militari dell’Arma e tecnici del gas accertarono quindi il collegamento illecito alla rete creata appositamente dal 40enne, che in questo modo scroccava il gas senza pagare. Tale operazione fraudolenta venne ripetuta più volte, costringendo così gli operatori del gas ad intervenire in più circostanze, anche per evitare rischi per la sicurezza pubblica.

Denunciato e poi arrestato

Denunciato a piede libero alla Magistratura Bergamasca, a distanza di circa 6 anni dagli episodi contestati la sentenza di condanna è diventata esecutiva. Per tale ragione, ieri sera il 40enne che scroccava il gas è stato arrestato dai crabinieri della Stazione di Brembate e poi condotto presso la Casa Circondariale di Bergamo dai militari dell’Arma. Dovrà espiare 8 mesi di reclusione.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Scroccava il gas, condannato a 8 mesi su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/scroccava-il-gas-condannato-a-8-mesi/feed/ 0
Parcheggi disabili: paese che vai, usanza che trovi https://giornaleditreviglio.it/attualita/parcheggi-disabili-paese-che-vai-usanza-che-trovi/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/parcheggi-disabili-paese-che-vai-usanza-che-trovi/#respond Sat, 22 Sep 2018 07:45:22 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61258 Sta facendo molto discutere il tema dei parcheggi disabili a Treviglio. Il sindaco Juri Imeri ha stabilito infatti che, trovando occupato lo stallo riservato, i disabili che in alternativa decidono di lasciare l’auto nei parcheggi a pagamento debbano pagare la sosta. Una decisione che, per quanto legittima, si è rivelata assolutamente impopolare. Ma come funziona […]

Continua la lettura di Parcheggi disabili: paese che vai, usanza che trovi su Giornale di Treviglio.

]]>
Sta facendo molto discutere il tema dei parcheggi disabili a Treviglio. Il sindaco Juri Imeri ha stabilito infatti che, trovando occupato lo stallo riservato, i disabili che in alternativa decidono di lasciare l’auto nei parcheggi a pagamento debbano pagare la sosta. Una decisione che, per quanto legittima, si è rivelata assolutamente impopolare. Ma come funziona negli altri comuni?

Parcheggi disabili: ogni Comune decide per sé

La legge prevede che ciascuna Amministrazione possa decidere se far pagare o meno la sosta nei parcheggi blu alle auto munite di apposito contrassegno. Un disabile che si trovi a spostarsi dal proprio comune di residenza dunque prima di partire dovrebbe informarsi sul comportamento da tenere nel caso in cui non trovi uno stallo riservato libero vicino al luogo che deve raggiungere. Va detto che Treviglio nella Bassa è quasi un unicum. In tutti gli altri Comuni infatti le Amministrazioni hanno deciso di non far pagare ai disabili la sosta negli stalli blu.

Gli abusi: un problema culturale

Oltre a questo esiste anche l’odioso problema degli abusi. Nonostante le campagne di sensibilizzazione c’è ancora chi si ostina a parcheggiare nei parcheggi disabili pur non avendone diritto. La maglia nera in questo senso va agli automobilisti di Arcene che, pur vivendo su un territorio dove di certo i parcheggi non mancano, preferiscono privare un disabile di un sacrosanto diritto piuttosto che fare qualche metro in più a piedi. I più virtuosi invece sono i Verdellesi: nemmeno una sanzione nel corso di tutto il 2017 per questa violazione al codice della strada.

Martinengo: maglia nera per l’Amministrazione Nozza

Il Comune che rende la vita più difficile ai disabili è senza dubbio quello di Martinengo. Su una popolazione di oltre 10mila persone ci sono solo 30 stalli per disabili. Un terzo di quelli presenti a Cologno, che ha solo poche centinaia di abitanti in più. Non ci sono stalli a pagamento sul territorio comunale così l’Amministrazione ha spostato la propria discrezionalità sui parcheggi a tempo. Anche i disabili, spiega la Polizia locale, devono esibire il disco orario. Peccato che la legge dica esattamente il contrario.

Leggi l’inchiesta completa sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Parcheggi disabili: paese che vai, usanza che trovi su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/parcheggi-disabili-paese-che-vai-usanza-che-trovi/feed/ 0
Doppia caduta a Mozzanica e Covo SIRENE DI NOTTE https://giornaleditreviglio.it/altro/doppia-caduta-a-mozzanica-e-covo-sirene-di-notte/ https://giornaleditreviglio.it/altro/doppia-caduta-a-mozzanica-e-covo-sirene-di-notte/#respond Sat, 22 Sep 2018 07:11:56 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61256 Nottata di lavoro per i soccorritori della Bassa con interventi a Mozzanica, Covo, Ciserano (due volte) e Cologno al Serio. Coinvolte tutte persone giovani. Doppia caduta Ieri sera, nel giro di otto minuti, la Croce rossa di Treviglio e la Croce Bianca di Brescia sono dovute intervenire rispettivamente a Mozzanica e Covo. Entrambe in codice […]

Continua la lettura di Doppia caduta a Mozzanica e Covo SIRENE DI NOTTE su Giornale di Treviglio.

]]>
Nottata di lavoro per i soccorritori della Bassa con interventi a Mozzanica, Covo, Ciserano (due volte) e Cologno al Serio. Coinvolte tutte persone giovani.

Doppia caduta

Ieri sera, nel giro di otto minuti, la Croce rossa di Treviglio e la Croce Bianca di Brescia sono dovute intervenire rispettivamente a Mozzanica e Covo. Entrambe in codice giallo per cadute al suolo, con protagonisti in tutti e due i casi due 17enni, che sono stati poi ricoverati in codice verde a Treviglio e Chiari.

Due interventi a Ciserano

Successivamente c’è stato un doppio intervento in Corso Europa a Ciserano, ovvero a Zingonia. Poco dopo mezzanotte il personale della Croce bianca di Boltiere ha soccorso un 38enne colpito da malore. Verso le 2.30, per cause ancora non note, un 40enne è stato condotto all’ospedale Pala Giovanni XXIII di Bergamo in codice giallo.

Malore a Cologno

La nottata dei soccorritori della Bassa si è conclusa poco dopo le 3 in via Bergamo a Cologno. Un 27enne era stato colpito da malore ma fortunatamente si è ripreso poco dopo e non ha necessitato nemmeno di un ricovero in ospedale per accertamenti.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Doppia caduta a Mozzanica e Covo SIRENE DI NOTTE su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/altro/doppia-caduta-a-mozzanica-e-covo-sirene-di-notte/feed/ 0
Nuovo concept Nissan Navara presentato al Motor Show https://giornaleditreviglio.it/motori/nuovo-concept-nissan-navara-motor-show/ Fri, 21 Sep 2018 18:51:16 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61253 Il nuovo concept Nissan Navara è stato presentato al Motor Show di Hannover. Si tratta dei nuovi Navara Dark Sky Concept e Navara N-Guard. Entrambi i modelli evidenziano la versatilità dei veicoli commerciali Nissan, per i quali gli allestimenti hanno registrato un aumento delle vendite del 300% nell’ultimo triennio. Protagonista dell’evento è Nissan Navara Dark […]

Continua la lettura di Nuovo concept Nissan Navara presentato al Motor Show su Giornale di Treviglio.

]]>
Il nuovo concept Nissan Navara è stato presentato al Motor Show di Hannover. Si tratta dei nuovi Navara Dark Sky Concept e Navara N-Guard. Entrambi i modelli evidenziano la versatilità dei veicoli commerciali Nissan, per i quali gli allestimenti hanno registrato un aumento delle vendite del 300% nell’ultimo triennio. Protagonista dell’evento è Nissan Navara Dark Sky Concept. Sviluppato nel Regno Unito in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA). E’ dotato di una versione avanzata della tecnologia di assistenza alla guida Nissan ProPILOT. Mette in risalto la capacità del pick-up Nissan di trainare e alimentare un laboratorio astronomico mobile. Il concept include un sofisticato telescopio PlaneWave con modulo di trasporto ad hoc. Grazie alle capacità di traino di Navara, è possibile trasportare il telescopio in zone remote e sui percorsi off-road più impegnativi, fino a trovare le condizioni di oscurità ideali per l’osservazione del cielo stellato.

Nuovo concept Nissan Navara, ecco la N-Guard

Al Salone di Hannover debutta anche Navara N-Guard, una versione speciale che unisce forza ed eleganza. Novità di design per gli interni e gli esterni conferiscono a questa versione del pickup Nissan un aspetto ancora più grintoso. Il lancio commerciale in Italia è previsto entro il mese di settembre. Ispirato al concept Nissan Navara EnGuard svelato al Motor Show di Hannover nel 2016, Navara N-Guard è disponibile presso lo stand Nissan con allestimento “OFF-ROADER AT32”. Più alta da terra ed equipaggiata con protezioni sottoscocca e snorkel opzionale, è la versione Navara più estrema mai offerta ai clienti europei.

Il pick-up Nissan più venduto al mondo

Capaci di affrontare ogni situazione di guida e dotati delle sofisticate tecnologie Nissan Intelligent Mobility, gli LCV Nissan continuano a conquistare nuovi clienti in tutto il mondo, aiutando Nissan a concretizzare l’obiettivo strategico per questa categoria di veicoli: raggiungere il 40% di crescita sostenibile entro il 2022. Le vendite globali di LCV nella prima metà del 2018 hanno raggiunto 464.900 unità, con un incremento del 5,7% rispetto allo scorso anno. Navara occupa una posizione chiave nella gamma globale degli LCV Nissan ed è il pick-up Nissan più venduto al mondo.

Continua la lettura di Nuovo concept Nissan Navara presentato al Motor Show su Giornale di Treviglio.

]]>
Nuova Seat Tarraco, sorella maggiore di Ateca e Arona https://giornaleditreviglio.it/motori/nuova-seat-tarraco-ateca-e-arona/ Fri, 21 Sep 2018 18:05:48 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61250 La nuova Seat Tarraco è arrivata. Il nuovo SUV deve il suo nome alla città mediterranea di Tarragona, centro storico e culturale caratterizzato da una maestosa architettura e, al contempo, da uno spirito giovanile e avventuroso. Il nome Tarraco è stato scelto con una votazione popolare da oltre 140.000 appassionati che hanno partecipato alla fase […]

Continua la lettura di Nuova Seat Tarraco, sorella maggiore di Ateca e Arona su Giornale di Treviglio.

]]>
La nuova Seat Tarraco è arrivata. Il nuovo SUV deve il suo nome alla città mediterranea di Tarragona, centro storico e culturale caratterizzato da una maestosa architettura e, al contempo, da uno spirito giovanile e avventuroso. Il nome Tarraco è stato scelto con una votazione popolare da oltre 140.000 appassionati che hanno partecipato alla fase finale del progetto #SEATSeekingName.

Nuova Seat Tarraco, la sorella maggiore

L’ultima nata di casa SEAT, disegnata e sviluppata a Martorell e prodotta a Wolfsburg, completa l’offensiva del Marchio nel segmento dei SUV, insieme ad Ateca e Arona. Ed è inoltre un assaggio del futuro linguaggio stilistico SEAT. La Tarraco avvicinerà al marchio un nuovo target di clienti. Ne fortificherà l’immagine. E avrà inoltre un effetto positivo sui profitti, trattandosi di un modello ad alto margine di contribuzione. Trattasi, a tutti gli effetti, della nuova ammiraglia SEAT. La SEAT Tarraco si posiziona al vertice della famiglia dei SUV SEAT, in veste di sorella maggiore, e combina tecnologie all’avanguardia, dinamismo, piacere di guida, praticità e funzionalità a un design elegante e nuovo.

A cinque o sette post

La Tarraco combina alla perfezione i numerosi vantaggi legati alle sue dimensioni importanti. Lo scopo è offrire un’auto in grado di adattarsi a ogni circostanza della vita moderna. Il nuovo SUV riunisce gli elementi più emblematici di ogni modello SEAT. Design e funzionalità, sportività e comfort, accessibilità e qualità, tecnologia ed emozioni. Sposandosi con un ventaglio ancora più ampio di stili di vita. La SEAT Tarraco nasce per soddisfare le esigenze di chi cerca la flessibilità di una vettura a 5 o 7 posti e la praticità di una posizione di guida rialzata, sapendo nel contempo apprezzare l’estetica di un’auto, che nella Tarraco si traduce in perfetto equilibrio tra carattere ed eleganza. E questa armonia percepita si ritrova in entrambi gli allestimenti disponibili, Style ed XCellence.

Continua la lettura di Nuova Seat Tarraco, sorella maggiore di Ateca e Arona su Giornale di Treviglio.

]]>
Treni sfrecciano ai passaggi a livello senza sbarre: sulla Treviglio-Cremona interviene il ministro https://giornaleditreviglio.it/politica/treni-sfrecciano-ai-passaggi-a-livello-senza-sbarre-sulla-treviglio-cremona-interviene-il-ministro/ https://giornaleditreviglio.it/politica/treni-sfrecciano-ai-passaggi-a-livello-senza-sbarre-sulla-treviglio-cremona-interviene-il-ministro/#respond Fri, 21 Sep 2018 17:05:53 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61248 Treni sfrecciano dal passaggio a livello senza sbarre, terzo caso in pochi giorni sulla Treviglio-Cremona. Interviene anche il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli. “Agire tempestivamente” “Dopo l’ennesimo caso in Lombardia di un passaggio a livello rimasto aperto durante il transito dei treni, sono tornato a chiedere a Rfi di agire tempestivamente per i necessari adeguamenti […]

Continua la lettura di Treni sfrecciano ai passaggi a livello senza sbarre: sulla Treviglio-Cremona interviene il ministro su Giornale di Treviglio.

]]>
Treni sfrecciano dal passaggio a livello senza sbarre, terzo caso in pochi giorni sulla Treviglio-Cremona. Interviene anche il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli.

“Agire tempestivamente”

“Dopo l’ennesimo caso in Lombardia di un passaggio a livello rimasto aperto durante il transito dei treni, sono tornato a chiedere a Rfi di agire tempestivamente per i necessari adeguamenti tecnologici su queste linee ormai obsolete. Episodi come quelli di questi giorni non devono ripetersi”. Lo dice in una nota il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Il riferimento è all’ennesimo caso di passaggio del treno senza abbassamento delle sbarre, ancora una volta sulla Treviglio-Cremona. A denunciare il terzo episodio in poche settimane è stato il consigliere regionale Pd Matteo Piloni, stamani. Dopo Farinate e Castelleone, stavolta è successo in zona Guzzafame.

“Lavori a Castelleone e Capralba entro il 15 ottobre”

“La questione – aggiunge – rimane all’attenzione del Ministero. Si tratta, come già detto, di passaggi a livello la cui tecnologia deve essere ammodernata, e Rfi è stata nuovamente sollecitata in tal senso. Rete Ferroviaria Italiana ha assicurato che è a lavoro, e la criticità sarà risolta con un adeguamento tecnologico dei passaggi a livello di Castelleone e Capralba entro il 15 ottobre prossimo. Sarà mia cura accertarmi dell’effettiva risoluzione del problema”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Treni sfrecciano ai passaggi a livello senza sbarre: sulla Treviglio-Cremona interviene il ministro su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/treni-sfrecciano-ai-passaggi-a-livello-senza-sbarre-sulla-treviglio-cremona-interviene-il-ministro/feed/ 0
Abio, il 29 settembre un concerto in piazza Setti https://giornaleditreviglio.it/attualita/a-treviglio-un-concerto-per-abio-il-29-settembre/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/a-treviglio-un-concerto-per-abio-il-29-settembre/#respond Fri, 21 Sep 2018 16:43:41 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61223 Abio, un concerto in Piazza Setti per sostenere l’associazione Abio e migliorare la degenza dei bambini in ospedale. Abio E’ in programma per il 29 settembre, alle 21.30. il concerto del gruppo musicale “Gladioli”, che si esibirà in Piazza Setti per sostenere un progetto di fondamentale importanza, a cui tutta la cittadinanza è invitata a […]

Continua la lettura di Abio, il 29 settembre un concerto in piazza Setti su Giornale di Treviglio.

]]>
Abio, un concerto in Piazza Setti per sostenere l’associazione Abio e migliorare la degenza dei bambini in ospedale.

Abio

E’ in programma per il 29 settembre, alle 21.30. il concerto del gruppo musicale “Gladioli”, che si esibirà in Piazza Setti per sostenere un progetto di fondamentale importanza, a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. Nel corso della serata infatti, si potrà offrire liberamente il proprio contributo da destinare all’associazione  Abio da sempre in prima linea per migliorare la qualità della degenza dei bambini ricoverati in ospedale, rendendo la loro esperienza meno traumatica possibile.

Musica

L’evento di raccolta fondi per Abio, organizzato da “Noi per Treviglio e la Gera d’Adda” in collaborazione con il Comune di Treviglio e la Pro Loco di Treviglio, vedrà dunque esibirsi il gruppo rock “Gladioli”. Non mancheranno cibo e bevande per tutti, grazie alpub “Revel Theather”, il cui ricavato andrà parzialmente alla stessa Abio. L’associazione sarà presente nel centro storico già nel corso del pomeriggio con il proprio stand, dove sarà possibile acquistare un cesto di frutta per contribuire ai progetti destinati ai bambini in ospedale.

“Una bella realtà”

A spiegare il significato e la finalità profonda della serata è Francesca Mangano, presidente dell’associazione “Noi per Treviglio” organizzatrice dell’intero evento. “Abbiamo deciso di appoggiare una realtà bella e unica – ha detto – La nostra associazione è sempre vicina ad iniziative di fragilità sociale e quest’anno abbiamo voluto puntare sui bambini in ospedale. La serata è stata organizzata non solo con l’obiettivo di raccogliere fondi, ma per far comprendere la realtà di un’associazione che vuol rendere più funzionale e vivace il reparto pediatrico nelle strutture ospedaliere, formando volontari grazie ai loro corsi”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Abio, il 29 settembre un concerto in piazza Setti su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/a-treviglio-un-concerto-per-abio-il-29-settembre/feed/ 0
Pedalare in bicicletta fra benessere e inquinamento https://giornaleditreviglio.it/salute/pedalare-in-bicicletta-fra-benessere/ Fri, 21 Sep 2018 16:32:54 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61242 Pedalare in bicicletta è una delle attività più gettonate nella bella stagione. E ora che sta volgendo lentamente al termine è bene non lasciarsi scappare questi ultimi scampoli di bel tempo. Questo mezzo di trasporto in Italia è utilizzato prevalentemente per il tempo libero, all’estero e soprattutto nei paesi nordici, è invece insostituibile veicolo per […]

Continua la lettura di Pedalare in bicicletta fra benessere e inquinamento su Giornale di Treviglio.

]]>
Pedalare in bicicletta è una delle attività più gettonate nella bella stagione. E ora che sta volgendo lentamente al termine è bene non lasciarsi scappare questi ultimi scampoli di bel tempo. Questo mezzo di trasporto in Italia è utilizzato prevalentemente per il tempo libero, all’estero e soprattutto nei paesi nordici, è invece insostituibile veicolo per la mobilità quotidiana. Secondo i dati snocciolati dall’Agenzia europea, autentici campioni in fatto di ciclismo sono gli olandesi che usano la bicicletta nel 26% degli spostamenti. Subito dietro di loro i danesi (19%), i tedeschi (10%), poi gli austriaci (9%), quindi i belgi (8%), gli svedesi 7%), i francesi (5%) e, buoni ultimi, gli italiani (4%). Una tendenza da invertire, per tante buone ragioni.

Pedalare in bicicletta, quanti vantaggi…

In effetti, incrementare l’utilizzo della bicicletta avrebbe tanti vantaggi. Primo tra tutti, come dimostra uno studio di ricercatori danesi, chi fa ciclismo recupera un ottimo stato di salute (per esempio prevenendo problemi alle articolazioni). Restando ai vantaggi per la salute ricordiamo una regolare attività fisica in sella riduce i rischi di disturbi cardiaci. Previene il diabete e la pressione alta, limita il rischio di sviluppare il tumore del colon-retto e quello del seno. In second’ordine, la bicicletta è un mezzo di locomozione che non inquina ed è silenzioso. Ridurre i viaggi in automobile diminuirebbe non solo l’effetto serra, ma anche lo smog, le piogge acide e l’inquinamento acustico.

Tagliare le emissioni di CO2 e risparmiare

Triplicando invece gli spostamenti in bici, limitando quelli sui veicoli a motore, cioè passando dal 5% al 15%, per la Federazione Europea dei Ciclisti si arriverebbe ad un risparmio del 5% delle emissioni del settore trasporti. Con un vantaggio evidente per la salute, l’ambiente, ma anche per il portafogli, contro il caro-carburante. Un’ultima stima arriva dall’Associazione belga ProVelo secondo la quale percorrendo 6 km al giorno per 5 giorni a settimana, si stima un taglio a persona ogni anno di 196 kg di emissioni di CO2, con un risparmio soldi in benzina. Un’attività fisica di questo tipo permette anche di bruciare un cospicuo numero di calorie.

Continua la lettura di Pedalare in bicicletta fra benessere e inquinamento su Giornale di Treviglio.

]]>
Volontario inarrestabile: Pandino piange Arturo Molardi https://giornaleditreviglio.it/attualita/volontario-inarrestabile-pandino-piange-arturo-molardi/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/volontario-inarrestabile-pandino-piange-arturo-molardi/#respond Fri, 21 Sep 2018 16:25:55 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61235 Addio Arturo Molardi, pilastro della comunità. Volontario instancabile, era stato tra i fondatori dell’associazione Aiutaci  ad aiutare. Noto in paese con il soprannome di Aldo, dopo una lunga malattia è spirato a 70 anni, lasciando famiglia e amici. Volontario inarrestabile Dagli anni ‘90, ma non solo, era attivissimo in paese con la sua associazione “Aiutaci […]

Continua la lettura di Volontario inarrestabile: Pandino piange Arturo Molardi su Giornale di Treviglio.

]]>
Addio Arturo Molardi, pilastro della comunità. Volontario instancabile, era stato tra i fondatori dell’associazione Aiutaci  ad aiutare. Noto in paese con il soprannome di Aldo, dopo una lunga malattia è spirato a 70 anni, lasciando famiglia e amici.

Volontario inarrestabile

Dagli anni ‘90, ma non solo, era attivissimo in paese con la sua associazione “Aiutaci ad aiutare”, di calcio e gare podistiche, ha raccolto fondi per tanti pandinesi e ricordato la memoria di altrettanti, aveva contribuito alla sistemazione di un appartamento in via Fontana, faceva le castagne al cimitero o davanti all’asilo, e consegnava l’incasso alla suora, dichiarandosi comunque ateo.

Arturo Molardi, un curriculum al servizio della società

“Lo ricordiamo anche quando, brontolando, serviva il vin brulè sotto i portici e con il ricavato delle iniziative” ha raccontato il suo caro amico Giovanni Tisacchi. “Ha donato una vettura per i servizi sociali. Per 19 anni, con impegno ed entusiasmo, ha collaborato alla raccolta di fondi che abbiamo portato in Serbia, nel periodo della guerra civile, consegnandoli all’orfanotrofio Kolevka ed alla Croce Rossa della città di Subotica”.

TORNA ALLA HOME

Leggi di più su Cremascoweek in edicola

Continua la lettura di Volontario inarrestabile: Pandino piange Arturo Molardi su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/volontario-inarrestabile-pandino-piange-arturo-molardi/feed/ 0
Corso preparto, ecco perché è utile https://giornaleditreviglio.it/salute/corso-preparto-ecco-perche-e-utile/ Fri, 21 Sep 2018 16:24:43 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61236 Serve il corso preparto? In realtà non è d’obbligo e al momento del travaglio e del parto il personale dell’ospedale presso cui andrà a partorire saprà seguire la gestante offrendole tutti consigli per sostenerla. Tuttavia il corso preparto è un’ottima occasione per allacciare dei rapporti con altre donne che stanno vivendo l’esperienza della gravidanza e […]

Continua la lettura di Corso preparto, ecco perché è utile su Giornale di Treviglio.

]]>
Serve il corso preparto? In realtà non è d’obbligo e al momento del travaglio e del parto il personale dell’ospedale presso cui andrà a partorire saprà seguire la gestante offrendole tutti consigli per sostenerla. Tuttavia il corso preparto è un’ottima occasione per allacciare dei rapporti con altre donne che stanno vivendo l’esperienza della gravidanza e che saranno mamme nello stesso periodo. Diventare “compagne” di avventura può essere molto utile e piacevole soprattutto dopo il parto, quando si insinuano i normali dubbi e le preoccupazioni circa la salute del bambino, circa il proprio modo di essere mamma.

Corso preparto, sdrammatizzare o fonte di stress?

Allora confrontarsi può aiutare a sdrammatizzare e a scacciare quel po’ di malinconia che generalmente accompagna le neomamme. Inoltre, durante il corso, è possibile avere suggerimenti da personale qualificato circa l’allattamento, il riposo del bambino, l’igiene. Tutte informazioni che possono essere molto utili. I corsi generalmente durano 10 incontri, per cui, chi è interessata, dovrebbe informarsi e a iscriversi entro il termine del sesto mese. La scelta di partecipare non deve però essere fonte di stress. Se la sede è troppo lontana da casa, se si deve fare un lungo percorso in auto o in pullman, se l’orario è scomodo…

Un’opportunità d’incontro

Forse è meglio godere della compagnia di un’amica e fare qualche piacevole passeggiata. Ma se le condizioni sono favorevoli perché non cogliere questa opportunità di incontro? Per chiacchierare con altre mamme, fare un po’ di ginnastica dolce e apprendere qualche informazione sui bebè? Sarà il modo migliore per calarsi nella miglior atmosfera d’attesa!

Continua la lettura di Corso preparto, ecco perché è utile su Giornale di Treviglio.

]]>
La stazione ferroviaria di Verdellino diventerà un centro culturale https://giornaleditreviglio.it/attualita/la-stazione-ferroviaria-di-verdellino-diventera-un-centro-culturale/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/la-stazione-ferroviaria-di-verdellino-diventera-un-centro-culturale/#respond Fri, 21 Sep 2018 16:14:25 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61230 Ottime notizie per l’amministrazione e i cittadini di Verdellino. E’ già fissato per martedì 25 l’appuntamento tra il sindaco Silvano Zanoli e i dirigenti di Rfi per firmare il documento ufficiale di cessione in comodato gratuito dei locali della stazione ferroviaria di Verdellino. Diventerà un centro culturale L’accordo rientra in un più ampio progetto di […]

Continua la lettura di La stazione ferroviaria di Verdellino diventerà un centro culturale su Giornale di Treviglio.

]]>
Ottime notizie per l’amministrazione e i cittadini di Verdellino. E’ già fissato per martedì 25 l’appuntamento tra il sindaco Silvano Zanoli e i dirigenti di Rfi per firmare il documento ufficiale di cessione in comodato gratuito dei locali della stazione ferroviaria di Verdellino.

Diventerà un centro culturale

L’accordo rientra in un più ampio progetto di riqualificazione di tutto il territorio ed è previsto per questo motivo anche un contributo regionale a fondo perduto per la sistemazione dell’edificio. E così la stazione, che dispone di uno spazio enorme rimasto per lunghi anni vuoto e abbandonato a sè stesso, con tutti i problemi che ne conseguono in termini di ordine pubblico, diventerà un vero e proprio centro culturale e sociale.

Un’esposizione permanente

Al piano terra la grande sala diventerà un’esposizione fotografica permanente a cura del locale circolo fotografico, mentre il piano superiore sarà adibito a sede delle associazioni. Nuovi spazi per i tantissimi volontari che si adoperano per la comunità.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di La stazione ferroviaria di Verdellino diventerà un centro culturale su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/la-stazione-ferroviaria-di-verdellino-diventera-un-centro-culturale/feed/ 0
Elezioni comunali 2019, Andrea Capelletti a caccia del bis https://giornaleditreviglio.it/politica/elezioni-comunali-2019-andrea-capelletti-a-caccia-del-bis/ https://giornaleditreviglio.it/politica/elezioni-comunali-2019-andrea-capelletti-a-caccia-del-bis/#respond Fri, 21 Sep 2018 15:23:49 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61213 In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi l’attuale sindaco di Covo, Andrea Capelletti (in foto), ha reso nota la propria intenzione a candidarsi per il secondo mandato alle elezioni comunali del 2019. Capelletti si ricandida Andrea Capelletti, sindaco di Covo dal 2014 e consigliere provinciale, non vuole fermarsi. Nei giorni scorsi ha infatti annunciato di volersi ripresentare […]

Continua la lettura di Elezioni comunali 2019, Andrea Capelletti a caccia del bis su Giornale di Treviglio.

]]>
In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi l’attuale sindaco di Covo, Andrea Capelletti (in foto), ha reso nota la propria intenzione a candidarsi per il secondo mandato alle elezioni comunali del 2019.

Capelletti si ricandida

Andrea Capelletti, sindaco di Covo dal 2014 e consigliere provinciale, non vuole fermarsi. Nei giorni scorsi ha infatti annunciato di volersi ripresentare alle elezioni comunali a caccia del secondo mandato da sindaco.

La dichiarazione

“Ci ho pensato a lungo nell’ultimo anno, e in quest’ultimo periodo ho deciso di ricandidarmi – ha dichiarato il sindaco – Quello che più mi attrae è la conferma: nel 2014 sono stato eletto sulla fiducia, l’anno prossimo invece verrò votato in base ai risultati ottenuti in questi anni. Se vincerò continuerò i progetti in corso e in programma, se perderò, giustamente, lascerò spazio ad altri”.

E le minoranze?

Se Capelletti  è già sicuro di ricandidarsi, forte del sostegno dell’attuale gruppo d’Amministrazione, più incerta è la posizione delle attuali minoranze. Difficile sembra una ricandidatura del capogruppo di minoranza Pietro Facchetti, apparso negli ultimi mesi sempre più lontano dalla vita politica cittadina, mentre il leader dell’altra minoranza, Andrea Brambilla, è ancora in alto mare: “Non sappiamo se ci ricandideremo – ha dichiarato il suo consigliere e braccio destro Alvaro Bellicini – Ad oggi direi di no. Penso che Capelletti corra il serio rischio di gareggiare da solo, e mi dispiace, perché certamente raggiungerebbe il quorum per via delle elezioni europee”.

 

Puoi leggere l’articolo e le interviste complete sul Giornale di Treviglio e RomanoWeek in edicola da oggi, venerdì 21 settembre.

TORNA ALLA HOME.

Continua la lettura di Elezioni comunali 2019, Andrea Capelletti a caccia del bis su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/elezioni-comunali-2019-andrea-capelletti-a-caccia-del-bis/feed/ 0
Eradicazione nutrie: protocollo operativo siglato da Regione Lombardia https://giornaleditreviglio.it/attualita/eradicazione-nutrie-protocollo-operativo-siglato-da-regione-lombardia/ Fri, 21 Sep 2018 15:22:46 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61226 Eradicazione nutrie: l’assessore Rolfi ha siglato protocollo operativo. Eradicazione nutrie L’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia Fabio Rolfi ha siglato, questa mattina, con il vicepresidente della Provincia di Brescia Andrea Ratti, i rappresentanti dell’Associazione nazionale Comuni italiani e i presidenti degli Enti interessati, il protocollo operativo provinciale per efficentare e uniformare il contenimento e l’eradicazione […]

Continua la lettura di Eradicazione nutrie: protocollo operativo siglato da Regione Lombardia su Giornale di Treviglio.

]]>
Eradicazione nutrie: l’assessore Rolfi ha siglato protocollo operativo.

Eradicazione nutrie

L’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia Fabio Rolfi ha siglato, questa mattina, con il vicepresidente della Provincia di Brescia Andrea Ratti, i rappresentanti dell’Associazione nazionale Comuni italiani e i presidenti degli Enti interessati, il protocollo operativo provinciale per efficentare e uniformare il contenimento e l’eradicazione della nutria.

Problema enorme

“E’ necessario coordinare le forze tra Istituzioni, associazioni di categoria ed Enti coinvolti come Parchi e Consorzi di bonifica – ha dichiarato Rolfi -. La nutria in Lombardia rappresenta un enorme problema, perche’ causa danni all’economia agricola, alle arginature dei corpi idrici, in cui costruisce le tane, e rischia di contaminare i prodotti alimentari agricoli. La novita’
dell’accordo riguarda il coinvolgimento attivo degli Enti Parco e dei Consorzi irrigui. “Ognuno deve fare la propria parte – ha esortato l’assessore -: grazie a questo protocollo l’attivita’ di contenimento della nutria non si fermera’ ai confini delle aree protette, come successo finora, ma proseguira’ anche all’interno dei parchi per rendere efficaci le operazioni su tutto il territorio. Ruolo importante anche per i Consorzi di bonifica: il know how degli operatori nella loro area di competenza garantira’ risultati concreti”.

Da regione più risorse

“Regione Lombardia ha aumentato le risorse e, per il 2018, ha previsto un investimento di 400.000 euro per il contenimento e
l’eradicazione – ha fatto sapere il responsabile dell’Agricoltura lombarda -. Non e’ sufficiente e ho gia’ chiesto al Governo un Fondo nazionale su questo tema. Il protocollo provinciale siglato oggi a Brescia mira a stabilire i compiti di ogni singolo ente e a coordinare tutte le azioni affinche’ nessuna energia e nessuna risorsa vada dispersa – ha concluso Rolfi -. Nelle prossime settimane sigleremo il documento anche in altre province. Non c’e’ tempo da perdere, la capacita’ riproduttiva delle nutrie non lascia spazio a tempi morti”.

I DATI REGIONALI

Di seguito un prospetto della situazione relativa alle nutrie in Lombardia con il numero di nutrie stimate e quello di nutrie prelevate per l’anno 2017, divisi per province:

Provincia – nutrie stimate – nutrie prelevate nel 2017

Bergamo – 22.013 – 1.598
Milano – 43.259 – n.d.
Lodi – 104.276 – 13.815
Pavia – 110.845 – 632
Cremona – 120.172 – 24.841
Brescia – 139.324 – 14.950
Mantova – 168.132 – 29.557
Lombardia – 708.021 – 85.393.

LEGGI ANCHEInvasione di nutrie: ce le siamo portate noi in casa quando faceva chic

Continua la lettura di Eradicazione nutrie: protocollo operativo siglato da Regione Lombardia su Giornale di Treviglio.

]]>
Frutta secca, proprietà e benefici https://giornaleditreviglio.it/cucina/frutta-secca-proprieta-e-benefici/ Fri, 21 Sep 2018 14:37:02 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61210 Con il termine frutta secca si indica la frutta con il guscio, come noci, mandorle pistacchi e così via. Anche la frutta polposa come i fichi, l’uva e le pesche che vengono disidratate in diverse maniere si può comunque definire secca. Frutta secca, l’uso nelle ricette La frutta “a guscio” è utilizzata nelle ricette, intera, […]

Continua la lettura di Frutta secca, proprietà e benefici su Giornale di Treviglio.

]]>
Con il termine frutta secca si indica la frutta con il guscio, come noci, mandorle pistacchi e così via. Anche la frutta polposa come i fichi, l’uva e le pesche che vengono disidratate in diverse maniere si può comunque definire secca.

Frutta secca, l’uso nelle ricette

La frutta “a guscio” è utilizzata nelle ricette, intera, macinata o sfarinata per decorare l’esterno di dolci e biscotti, oltre che nell’interno degli impasti. Noci, mandorle, nocciole, oltre al guscio duro, sono coperte da una buccia pellicolare e sono usate, sia sbucciate, sia con buccia. In molte ricette si utilizzano nocciole o mandorle che sono tostate leggermente in forno prima dell’impiego.

Ipercalorica e…

La frutta secca è ipercalorica, è un alimento lipidico cioè ricco di grassi; contrariamente alla frutta fresca che è un alimento glicidico, ricco di carboidrati. E’ in genere presente nei regimi alimentari poveri proprio per l’alto consumo calorico, non consigliata nelle diete.

Continua la lettura di Frutta secca, proprietà e benefici su Giornale di Treviglio.

]]>
Equinozio d’autunno oggi 21 settembre? No, è domenica 23 https://giornaleditreviglio.it/attualita/equinozio-dautunno-oggi-21-settembre-no-e-domenica-23/ Fri, 21 Sep 2018 14:29:30 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61207 Con l’equinozio d’autunno si fa sempre una gran confusione… Già, perché se l’estate e l’inverno sono di fatto “fissi” (ovvero iniziano il 21 giugno e il 21 dicembre), per la primavera invece, ma soprattutto per l’autunno, le cose cambiano anche spesso di anno in anno. Equinozio d’autunno, perché cambia? Ecco, perché? Sostanzialmente per lo stesso […]

Continua la lettura di Equinozio d’autunno oggi 21 settembre? No, è domenica 23 su Giornale di Treviglio.

]]>
Con l’equinozio d’autunno si fa sempre una gran confusione… Già, perché se l’estate e l’inverno sono di fatto “fissi” (ovvero iniziano il 21 giugno e il 21 dicembre), per la primavera invece, ma soprattutto per l’autunno, le cose cambiano anche spesso di anno in anno.

Equinozio d’autunno, perché cambia?

Ecco, perché? Sostanzialmente per lo stesso motivo per cui ogni quattro anni, un anno è bisestile.

Come abbiamo studiato fin dalle elementari, la Terra, infatti, non gira attorno al Sole in un anno preciso e “spaccato” al minuto… anzi. Ci mette i famosi “365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 49 secondi” che… fanno inevitabilmente saltare i conti.

Far quadrare i conti

Insomma per farli tornare, quelle quasi 6 ore in più vengono periodicamente accorpate nel 29 febbraio “supplementare”, ma non basta.

Per farla breve, anche l’orario e il giorno degli equinozi, subiscono di anno in anno delle variazioni.

Autunno “ballerino”

Insomma, controllate sempre, perché la primavera in genere è il 21 marzo, ma a volte può iniziare anche il 20.

L’autunno, ancor più ballerino, può iniziare il 21, ma anche il 22 o il 23 di settembre, a seconda.

Questa volta l’autunno inizierà domenica 23 settembre 2018 (se volete la precisione, alle 3.54 del mattino).

Continua la lettura di Equinozio d’autunno oggi 21 settembre? No, è domenica 23 su Giornale di Treviglio.

]]>
Ricette con la farina di mais, polenta e miascia https://giornaleditreviglio.it/cucina/ricette-con-la-farina-di-mais-polenta-e-miascia/ Fri, 21 Sep 2018 14:19:20 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61203 Andiamo a riscoprire due ricette con la farina di mais, ingrediente tipicamente lombardo. Molto diffuso sulle tavole fino a qualche anno fa e oggi ancora molto apprezzato particolarmente in Brianza. Ricette con la farina di mais: polenta con la salvia Ingredienti: 350 g. farina di mais; 1 cipolla; erba salvia (q.b.); prezzemolo (q.b.); 3 acciughe […]

Continua la lettura di Ricette con la farina di mais, polenta e miascia su Giornale di Treviglio.

]]>
Andiamo a riscoprire due ricette con la farina di mais, ingrediente tipicamente lombardo. Molto diffuso sulle tavole fino a qualche anno fa e oggi ancora molto apprezzato particolarmente in Brianza.

Ricette con la farina di mais: polenta con la salvia

Ingredienti: 350 g. farina di mais; 1 cipolla; erba salvia (q.b.); prezzemolo (q.b.); 3 acciughe acciughe salate; 50 g. di funghi secchi; 100 g. olio; 50 g. di farina bianca. Preparare la polenta con la farina gialla facendola cuocere per 50 minuti. Nel frattempo mettere a fuoco vivo la casseruola con 70 g di olio, aggiungere la cipolla tagliata a pezzettini, l’erba salvia ed il prezzemolo tritati, nonché le acciughe sminuzzate. Aggiungere i funghi secchi, precedentemente messi a mollo in acqua tiepida e sminuzzati. Quando il composto sarà rosolato, versarlo sulla polenta e rimestare fino a completa cottura. Versare la polenta sull’apposita asse, tagliarla a fette, infarinare e cuocere brevemente nel restante olio già riscaldato, sempre con un po’ di erba salvia.

Ricette con la farina di mais: miascia

Ingredienti: 500 g di farina bianca e gialla impastate, 1/2 litro di latte intero, 2 uova, 3 amaretti, 1 mela, 1 pera, pinoli qb, uvette qb, 1 bicchiere di liquore amaretto, 30 g di burro , 1 cucchiaio di farina bianca, 50 g. di cioccolato amaro in scaglia, 75 g. di zucchero. Mettere a mollo nel latte per circa 2 ore l’impasto tra le due farine utilizzando una zuppiera. Stemperarlo con un cucchiaio, aggiungere le uova, le uvette precedentemente poste in acqua tiepida, i pinoli, la mela e la pera tagliate a fettine, lo zucchero, gli amaretti sbriciolati e il liquore.

E per concludere…

Lavorare l’impasto con il cucchiaio e versare in una tortiera imburrata e infarinata. Spolverare il composto con lo zucchero e il cioccolato in scaglie e guarnire con il burro. Cuocere in forno a 200°C per 15 minuti, quindi a 150°C per altri 15 minuti. Sfornare e servire tiepida o a temperatura ambiente.

Continua la lettura di Ricette con la farina di mais, polenta e miascia su Giornale di Treviglio.

]]>
Il Gruppo Remer torna sulle canotte Blu Basket https://giornaleditreviglio.it/sport/il-gruppo-remer-torna-sulle-canotte-blu-basket/ https://giornaleditreviglio.it/sport/il-gruppo-remer-torna-sulle-canotte-blu-basket/#respond Fri, 21 Sep 2018 14:15:57 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61197 Colpo di scena in casa Blu Basket Treviglio, il Gruppo Remer rubinetterie di Cassano torna sulle canotte biancoblu. La separazione tra il sodalizio guidato dal presidente Gianfranco Testa e l’azienda della famiglia Repici – main sponsor per 5 stagioni consecutive – era stato comunicato a fine maggio. L’accordo era giunto a scadenza, ma poi… La […]

Continua la lettura di Il Gruppo Remer torna sulle canotte Blu Basket su Giornale di Treviglio.

]]>
Colpo di scena in casa Blu Basket Treviglio, il Gruppo Remer rubinetterie di Cassano torna sulle canotte biancoblu. La separazione tra il sodalizio guidato dal presidente Gianfranco Testa e l’azienda della famiglia Repici – main sponsor per 5 stagioni consecutive – era stato comunicato a fine maggio. L’accordo era giunto a scadenza, ma poi…

La Blu Basket ritrova il Gruppo Remer come main sponsor

L’annuncio ufficiale è arrivato poco fa con un comunicato della Blu Basket 1971. Dopo (pochi) mesi di incertezza la squadra di basket cittadina, impegnata nel secondo campionato nazionale (la serie A2), ha il suo main sponsor. Ed è un piacevole ritorno… di fiamma, dopo che la dirigenza biancoblu aveva fatto appello alle realtà imprenditoriali del territorio. Il Gruppo Remer rubinetterie di Cassano, guidato da Antonio Repici e dalla figlia Nancy, abbinerà il suo marchio alla società cittadina ancora per un anno.

Il comunicato ufficiale

“La Blu Basket 1971, la famiglia Repici e tutto il gruppo Remer sono lieti di comunicare che, anche per la stagione 2018/2019, sulle canotte della squadra comparirà, come main sponsor, la REMER RUBINETTERIE”. Questo l’incipit del comunicato che prosegue. “A pochi giorni dall’inizio del campionato, non avendo ancora concluso la trattativa per il primo sponsor, la famiglia Repici, riconoscendo lo speciale connubio tra le due eccellenze instauratosi nel quinquennio, ricco di grandi soddisfazioni per entrambe le realtà, ha deciso di sostenere e rinnovare anche per quest’anno la fiducia alla società trevigliese di A2. Continuità, affidabilità e serietà sono tre aggettivi che accomunano sia la Blu Basket, sia la Remer”.

La parole dei patron Remer

“Cogliamo questa bella occasione per ringraziare – dichiarano all’unisono Antonio e Nancy Repici – la Blu Basket, lo staff, i giocatori e tutti i tifosi che in questi 5 anni ci hanno sempre dimostrato gratitudine e affetto. Il 7 ottobre cominceremo insieme una nuova avventura, un campionato con derby attesissimi e avversari sempre più competitivi; avremo una squadra agguerrita ed equilibrata, con 2 nuovi americani che promettono grande spettacolo e un gruppo di giocatori giovani guidati dal neo capitano Andrea Pecchia. Sulla panchina ci sarà sempre Adriano Vertemati, in tutti questi anni vero valore aggiunto della squadra, insieme al suo staff. Mai come quest’anno ci sarà bisogno del calore di tutti i tifosi a partire dai Rangers, dai Rangers Boys e di tutte le famiglie che, numerosissime, riempiono ogni domenica il Palafacchetti. La Remer ci sarà ancora, staremo ancora insieme, vivremo ancora mille emozioni”.

Il Gruppo Remer e la Blu Basket

Il gruppo Remer di Cassano d’Adda, guidato da Antonio e Nancy Repici, si è consolidato tra i leader italiani nella produzione di rubinetteria, con distributori presenti in ben 140 nazioni al mondo. La Blu Basket Treviglio griffata Remer, sin dal suo esordio in serie A2 nel 2013, è stata stabilmente presente nel secondo campionato nazionale, dove è considerata come una delle realtà più stimate e serie. In questi anni, grazie anche il supporto economico della Remer, ha allestito squadre competitive, raggiungendo ogni anno ottimi risultati, con una particolare attenzione alla crescita, alla valorizzazione e allo sviluppo di giovani talenti, tanto che alcuni di loro hanno raggiunto la serie A e la nazionale (Flaccadori, Gaspardo, Tambone, Mezzanotte).
In questo fortunato quinquennio, Treviglio ha avuto la possibilità di misurarsi nei palazzetti di tutta Italia contro realtà storiche della pallacanestro come Treviso, Fortitudo Bologna, Siena, Roma fino ad arrivare a traguardi impensabili da raggiungere, come le epiche sfide play-off contro Biella e Trieste, gare che ci hanno visto competere nientemeno che nella corsa per un posto in Serie A.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Il Gruppo Remer torna sulle canotte Blu Basket su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/sport/il-gruppo-remer-torna-sulle-canotte-blu-basket/feed/ 0
Bocce, è cremasco il nuovo campione italiano https://giornaleditreviglio.it/attualita/bocce-e-cremasco-il-nuovo-campione-italiano/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/bocce-e-cremasco-il-nuovo-campione-italiano/#respond Fri, 21 Sep 2018 12:25:14 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61188 Si chiama Nicolas Testa e compirà 17 anni il mese prossimo. Il 9 settembre, insieme al compagno di squadra Cristiano Manzoni, ha ottenuto il titolo di campione italiano nel gioco delle bocce ai campionati disputatisi a Verbania. Una passione “di famiglia” Come ha raccontato in una recente intervista al nostro giornale, quella delle bocce per Nicolas è […]

Continua la lettura di Bocce, è cremasco il nuovo campione italiano su Giornale di Treviglio.

]]>
Si chiama Nicolas Testa e compirà 17 anni il mese prossimo. Il 9 settembre, insieme al compagno di squadra Cristiano Manzoni, ha ottenuto il titolo di campione italiano nel gioco delle bocce ai campionati disputatisi a Verbania.

Una passione “di famiglia”

Come ha raccontato in una recente intervista al nostro giornale, quella delle bocce per Nicolas è una passione di famiglia: “A farmi innamorare di questo sport sono stati mio padre e mio nonno. Ho iniziato a praticarlo circa 11 anni fa e me ne sono subito appassionato”.

La vita sportiva di Nicolas

“Dopo i primi due o tre anni di affiliazione alla società bocciofila sergnanese sono passato al Trescore, in cui sono rimasto fino a quando è stata in attività la società – ha raccontato Nicolas – Da due anni a questa parte sono invece iscritto alla “Achille Grandi” di Crema”.

Da sinistra Nicolas e il compagno di squadra Cristiano.

La vittoria e i ringraziamenti

Già vicecampione nazionale agli Italiani 2017 e campione regionale in carica dalla primavera scorsa, Nicolas ha ottenuto, insieme al compagno di squadra Cristiano, il titolo italiano a Verbania, il 9 settembre. “Una vittoria che mi ha dato grande soddisfazione – ha detto il giovane – Vorrei ringraziare la mia società e soprattutto i miei genitori, che ogni domenica si prendono l’impegno di portarmi alle gare”.

 

Puoi leggere l’intervista completa sul Giornale di Treviglio e sul CremascoWeek in edicola da oggi, venerdì 21 settembre.

TORNA ALLA HOME.

Continua la lettura di Bocce, è cremasco il nuovo campione italiano su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/bocce-e-cremasco-il-nuovo-campione-italiano/feed/ 0
Troppa velocità, nel centro storico arriva la “zona 30” https://giornaleditreviglio.it/attualita/troppa-velocita-nel-centro-storico-arriva-la-zona-30/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/troppa-velocita-nel-centro-storico-arriva-la-zona-30/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:54:36 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61171 Rivoluzione per la circolazione delle vetture nelle vie centrali di Pagazzano. La Giunta Moriggi ha, infatti, ritenuto necessario riorganizzare la viabilità del centro storico, in particolare nella zona tra la chiesa e l’oratorio. Maggior sicurezza Lo scopo è quello di evitare un appesantimento del traffico, garantendo così maggiore vivibilità del centro storico e, ancora più […]

Continua la lettura di Troppa velocità, nel centro storico arriva la “zona 30” su Giornale di Treviglio.

]]>
Rivoluzione per la circolazione delle vetture nelle vie centrali di Pagazzano. La Giunta Moriggi ha, infatti, ritenuto necessario riorganizzare la viabilità del centro storico, in particolare nella zona tra la chiesa e l’oratorio.

Maggior sicurezza

Lo scopo è quello di evitare un appesantimento del traffico, garantendo così maggiore vivibilità del centro storico e, ancora più importante, maggior sicurezza. Ad oggi, nonostante il limite massimo di 50 chilometri all’ora, sulle vie Paissoni, Verdi e Fontana, si registrano velocità che oltrepassano il limite consentito. Dando origine così a situazioni di potenziale pericolo, soprattutto per via dei numerosi pedoni e ciclisti che passano vicino all’oratorio. Ecco perché il Comune ha voluto porre un rimedio al tutto.

Ecco le novità

Ecco quali sono le novità. Nel tratto di via Fontana – compreso tra il parcheggio pubblico di via Fontana e via Verdi – verrà applicato il divieto d’accesso, circolazione e sosta a tutti i veicoli, eccetto i residenti. Nel medesimo tratto di strada verrà, inoltre, istituito il senso unico di marcia. Da via Fontana verso via Paissoni, nel tratto del parcheggio pubblico di via Fontana ci sarà l’obbligo di svolta a sinistra per tutti i mezzi. Infine, sempre per garantire maggiore sicurezza, in via Paissoni verrà istituito un limite di velocità pari a 30 chilometri all’ora con l’installazione di un dosso artificiale. Il periodo di validità è permanente, fino a revoca dell’ordinanza.

Anche un’altra zona interessata ai cambiamenti

Ma le novità per quanto riguarda la circolazione non riguardano solo le vie del centro storico. Anche un altro punto del paese è stato interessato da questo tipo di cambiamenti.

Leggi di più sul numero in edicola del Giornale di Treviglio

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Troppa velocità, nel centro storico arriva la “zona 30” su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/troppa-velocita-nel-centro-storico-arriva-la-zona-30/feed/ 0
Manuela Bailo, l’assassino: “Eravamo solo amici”. E si cerca ancora Iuschra https://giornaleditreviglio.it/cronaca/manuela-bailo-lassassino-eravamo-solo-amici-e-si-cerca-ancora-iuschra/ Fri, 21 Sep 2018 08:51:28 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61173 Il nostro BresciaSettegiorni.it torna sulla vicenda dell’omicidio di Manuela Bailo, perché la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dall’assassino Fabrizio Pasini è stata respinta, inoltre la Procura è sicura di avere nuove prove contro il sindacalista Uil responsabile della morte dell’amante 35enne. Intanto sono riprese anche le ricerche di Iuschra, la bimba autistica di origini pakistane […]

Continua la lettura di Manuela Bailo, l’assassino: “Eravamo solo amici”. E si cerca ancora Iuschra su Giornale di Treviglio.

]]>
Il nostro BresciaSettegiorni.it torna sulla vicenda dell’omicidio di Manuela Bailo, perché la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dall’assassino Fabrizio Pasini è stata respinta, inoltre la Procura è sicura di avere nuove prove contro il sindacalista Uil responsabile della morte dell’amante 35enne. Intanto sono riprese anche le ricerche di Iuschra, la bimba autistica di origini pakistane scomparsa nei boschi di Serle.

Manuela Bailo e Pasini solo amici?

Pochi giorni fa, il 17 settembre, i carabinieri della scientifica (Sis) di Brescia sono tornati in via Allende, a Ospitaletto, per ulteriori verifiche e per un nuovo sopralluogo nel luogo che ha visto gli ultimi momenti in vita di Manuela. I militari hanno esaminato le due autovetture presenti nel garage e rimaste sotto sequestro. La Procura è convinta di avere in mano prove importanti che smontano la già fragile posizione di Pasini, che per prendere ulteriormente le distanze nei giorni scorsi aveva anche dichiarato come lui e la vittima fossero solo amici e non amanti.

Un minuto di silenzio per Manuela

Un minuto di silenzio in memoria di Manuela Bailo ha aperto, nella mattinata di giovedì 20 settembre, la presentazione del libro sulla violenza di genere “Pistole Cariche”, che ha avuto luogo nella sede regionale della Uil Milano Lombardia di via Campanini. Manifestazione introdotta dal Segretario Generale Danilo Margaritella e alla quale sono intervenute anche l’autrice Caterina Grisanzio, Laura Pulcini, responsabile del coordinamento Pari Opportunità della Uil, Anna Maisto, responsabile dello sportello Mobbing e Stalking e Clara Lazzarini, segretaria regionale della Uil Milano Lombardia. Davanti al tavolo dei relatori, una sedia vuota a simboleggiare le vittime dei femminicidi e in particolare Manuela Bailo, dipendente del Caf Uil di Brescia

Iuschra, giorno di ricerche supplementare

Sono passati oramai due mesi dalla scomparsa di Iuschra, la 12enne svanita nei boschi dell’altopiano di Serle. Si trovava in quei luoghi per una gita con educatori e amici ma di lei si sono perse le tracce.

Fra martedì 18 e mercoledì 19 settembre gli inquirenti sono tornati sul posto con Enrico Ragnoli, il 30enne testimone che il giorno dopo la scomparsa della ragazza aveva detto di averla notata nel bosco. Ribattuta a tappeto la zona, per ora nessun risultato.

Continua la lettura di Manuela Bailo, l’assassino: “Eravamo solo amici”. E si cerca ancora Iuschra su Giornale di Treviglio.

]]>
Il “sì” di Elena e Alessia contro la paura https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-si-di-elena-e-alessia-contro-la-paura/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-si-di-elena-e-alessia-contro-la-paura/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:47:54 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61166 Alessia e Elena hanno detto il fatidico “sì”. Il 12 settembre, infatti, a Palazzo Visconti è stata celebrata la prima unione civile brignanese. Un momento importante per la giovane coppia formata dalla fotografa di Brignano Elena Gatti e la sua consorte Alessia Fabiano, cantante e originaria della Campania. Il primo incontro (social) un anno fa […]

Continua la lettura di Il “sì” di Elena e Alessia contro la paura su Giornale di Treviglio.

]]>
Alessia e Elena hanno detto il fatidico “sì”. Il 12 settembre, infatti, a Palazzo Visconti è stata celebrata la prima unione civile brignanese. Un momento importante per la giovane coppia formata dalla fotografa di Brignano Elena Gatti e la sua consorte Alessia Fabiano, cantante e originaria della Campania.

Il primo incontro (social) un anno fa

Le due si sono conosciute un anno fa circa. Cioè, quando entrambe hanno deciso di iscriversi ad un gruppo Facebook per sole donne. Galeotto fu la risposta di Alessia ad un post di Elena. “Alessia è stata l’unica a dare una risposta intelligente e matura a quel post che voleva essere una sorta di esca per cercare qualcuno che andasse oltre il semplice “Buongiornissimo… caffé?” – ha raccontato Elena – E così è iniziata, prima parlando su Messanger, poi Whatsapp, poi la prima infinita telefonata durata dalle 22 alle 4 del mattino”.

Un colpo di fulmine

Un vero e proprio colpo di fulmine che ha saputo vincere anche il più difficile degli ostacoli: la distanza. Ebbene sì, perché Alessia viveva allora a Copenhagen. Tantissimi i voli in aereo e le videochiamate in quei mesi estivi, quando poi il 2 novembre finalmente la coppia si è riunita nella Bassa, dove attualmente vivono. Un anno di convivenza fino a quel fatidico 12 settembre, quando le due hanno potuto finalmente pronunciare “lo voglio”.

Legge Cirinnà accolta con felicità

“Alessia ha sempre sognato di sposarsi ed ha accolto felicemente l’approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili – ha raccontato Elena – Dal canto mio invece ho iniziato a pensare seriamente al matrimonio quando ho conosciuto Alessia. Non avevo davvero mai pensato al matrimonio forse proprio perché non avevo ancora trovato l’esatta metà della mela. Con Alessia invece non ho avuto il minimo dubbio, le ho fatto la proposta di matrimonio la sera prima del suo compleanno, il 7 gennaio 2018, ma entrambe sapevamo già la risposta ancor prima di dire il fatidico sì”.

Anticipata l’unione civile per paura del nuovo governo

La coppia ha però confessato di aver anticipato di un anno la data dell’unione. Infatti, il recente cambio di governo, con certe dichiarazioni, aveva allarmato le ragazze.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Il “sì” di Elena e Alessia contro la paura su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-si-di-elena-e-alessia-contro-la-paura/feed/ 0
Senza biglietto, passeggero e conducente finiscono per prendersi a botte https://giornaleditreviglio.it/attualita/senza-biglietto-passeggero-e-conducente-finiscono-per-prendersi-a-botte/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/senza-biglietto-passeggero-e-conducente-finiscono-per-prendersi-a-botte/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:37:26 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61161 Sale sul bus senza biglietto: lite violenta tra passeggero e conducente, che finiscono per prendersi a botte. Botte tra passeggero e conducente L’episodio è accaduto venerdì scorso, verso le 11 di mattina. Protagonista della vicenda è un ragazzo straniero residente a Pagazzano, salito su uno dei bus Sai diretti a Brignano e poi a Bergamo. […]

Continua la lettura di Senza biglietto, passeggero e conducente finiscono per prendersi a botte su Giornale di Treviglio.

]]>
Sale sul bus senza biglietto: lite violenta tra passeggero e conducente, che finiscono per prendersi a botte.

Botte tra passeggero e conducente

L’episodio è accaduto venerdì scorso, verso le 11 di mattina. Protagonista della vicenda è un ragazzo straniero residente a Pagazzano, salito su uno dei bus Sai diretti a Brignano e poi a Bergamo. Salito a Pagazzano, alla ripartenza del mezzo gli è stato chiesto di esibire il titolo di viaggio, che non aveva acquistato.

L’escamotage del passeggero

A quel punto l’autista l’avrebbe intimato di scendere, spiegandogli che senza biglietto non è possibile  effettuare la corsa. L’extracomunitario non ha però voluto sentire ragioni, e per smorzare la tensione ha deciso di farsi “prestare” da una terza persona presente sull’autobus, un biglietto nuovo. Ma il controllore non ha avvallato l’escamotage. Ne è nato un alterco che in breve è arrivato alle mani. Quando l’autobus si è infatti fermato a Brignano, di fronte alle scuole elementari, i due si sono affrontati corpo a corpo.

L’intervento delle forze dell’ordine

Per riportare la situazione all’ordine è intervenuto dapprima il controllore responsale dell’autolinea, e insieme a questo sono arrivati sul luogo della rissa gli agenti della Polizia locale di Brignano. Questi hanno cercato di calmare sia conducente che passeggero. Ma quest’ultimo non ne voleva proprio sapere e nonostante la presenza delle forze dell’ordine ha continuato a inveire contro tutti, agenti compresi. Gli agenti, di nuovo, pazientemente hanno cercato di tranquillizzare l’uomo ma quest’ultimo non solo non dava retta al comandante Giovanna Farina, ma, superato il limite, si è pure rifiutato di salire sull’automobile della Locale. A questo punto, gli agenti hanno condotto il pagazzanese al comando di Polizia in stato di fermo. L’uomo – che, poi, si è scoperto avere alcuni precendenti –  è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato a piede libero. Ancora da chiarire il rapporto tra passeggero e conducente e quindi le relative responsabilità per quanto riguarda la rissa.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Senza biglietto, passeggero e conducente finiscono per prendersi a botte su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/senza-biglietto-passeggero-e-conducente-finiscono-per-prendersi-a-botte/feed/ 0
Randagismo in Sicilia, la missione delle volontarie di Verdello https://giornaleditreviglio.it/cronaca/randagismo-in-sicilia-la-missione-delle-volontarie-di-verdello/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/randagismo-in-sicilia-la-missione-delle-volontarie-di-verdello/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:35:42 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61160 Da Verdello alla Sicilia per aiutare i cani randagi. Sono arrivate alla loro quarta missione nell’isola le volontarie dell’associazione «Dimensione animale Bergamo Onlus» di Verdello che oltre a gestire il canile di Levate si occupano anche di favorire le adozioni dei randagi, in particolare dal sud Italia. Randagismo in Sicilia “Una piaga” Perchè nel meridione, […]

Continua la lettura di Randagismo in Sicilia, la missione delle volontarie di Verdello su Giornale di Treviglio.

]]>
Da Verdello alla Sicilia per aiutare i cani randagi. Sono arrivate alla loro quarta missione nell’isola le volontarie dell’associazione «Dimensione animale Bergamo Onlus» di Verdello che oltre a gestire il canile di Levate si occupano anche di favorire le adozioni dei randagi, in particolare dal sud Italia.

Randagismo in Sicilia “Una piaga”

Perchè nel meridione, e in Sicilia in particolare, la situazione è davvero tragica. «Il problema del randagismo in Sicilia – ha spiegato la presidente dell’associazione Laura – è una vera piaga. Dopo aver collaborato con diverse realtà siciliane per favorire le adozioni abbiamo deciso di andare in prima persona a vedere la situazione in quelle che chiamiamo “missioni”. Ogni 3 o 4 mesi ci rechiamo sul posto per occuparci di sterilizzazioni, vaccinazioni e microchip».

Servono fondi

Missioni che, come è prevedibile, hanno un costo piuttosto elevato «Sterilizzazioni, antiparassitari e vermifughi – prosegue la presidente – costano molto. E’ tutto a carico nostro. Ogni tanto riceviamo qualche donazione ma, anche se postiamo regolarmente tutte le fatture sulla nostra pagina Facebook, sono in pochi quelli che ci aiutano».

Un clima decisamente ostile

Senza contare il fatto che, dopo tutti gli sforzi e la fatica, spesso le volontarie si trovano davanti a notizie raccapriccianti che non possono non gettarle nello sconforto. Come il caso di Spinone, un randagio dolcissimo in cerca di adozione, ucciso tramite impiccagione a Campobello di Mazara nel mese di febbraio. Un episodio raccapricciante che fa capire anche l’ambiente decisamente ostile nel quale le volontarie si trovano ad operare in Sicilia, con persone che le insultano e le minacciano per il loro impegno nei confronti dei randagi.

A novembre una nuova missione

Ma loro non si lasciano scoraggiare. A novembre partiranno nuovamente alla volta della Sicilia, sobbarcandosi ancora una volta tutte le spese. «La nostra pagina Facebook – ha detto Laura – è seguita da oltre 12mila persone. Se tutti donassero anche un solo euro potremmo fare molto, molto di più».

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Randagismo in Sicilia, la missione delle volontarie di Verdello su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/randagismo-in-sicilia-la-missione-delle-volontarie-di-verdello/feed/ 0
Bicipolitana Treviglio, domani la posa della prima pietra https://giornaleditreviglio.it/attualita/bicipolitana-treviglio-domani-la-posa-della-prima-pietra/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/bicipolitana-treviglio-domani-la-posa-della-prima-pietra/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:30:58 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61157 Sembrava un sogno. E invece il primo mattone di quella che diventerà la «Bicipolitana» di Treviglio verrà posato domani, sabato 22 settembre, alle 10.15. Bicipolitana Treviglio, un progetto ambizioso divenuto realtà Il ritrovo in rigorosamente in bicicletta sarà all’incrocio tra via Redipuglia e via Roggia Vignola. Si inaugurerà la Linea 2 che dal Pip2 porta […]

Continua la lettura di Bicipolitana Treviglio, domani la posa della prima pietra su Giornale di Treviglio.

]]>
Sembrava un sogno. E invece il primo mattone di quella che diventerà la «Bicipolitana» di Treviglio verrà posato domani, sabato 22 settembre, alle 10.15.

Bicipolitana Treviglio, un progetto ambizioso divenuto realtà

Il ritrovo in rigorosamente in bicicletta sarà all’incrocio tra via Redipuglia e via Roggia Vignola. Si inaugurerà la Linea 2 che dal Pip2 porta a Castel Cerreto. Un progetto ambizioso, che ha messo insieme Comune, associazioni, scuola e privati, ognuno con il proprio prezioso contributo. Il progetto finale ha come obiettivo la realizzazione di percorsi ciclabili e pedonali che collegano aree residenziali con luoghi di pubblica utilità nell’area urbana trevigliese, includendo le Frazioni

leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Bicipolitana Treviglio, domani la posa della prima pietra su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/bicipolitana-treviglio-domani-la-posa-della-prima-pietra/feed/ 0
Virtual Dementia Tour: come provare sulla propria pelle l’Alzheimer https://giornaleditreviglio.it/attualita/virtual-dementia-tour-come-provare-sulla-propria-pelle-lalzheimer/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/virtual-dementia-tour-come-provare-sulla-propria-pelle-lalzheimer/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:30:14 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61156 Un metodo rivoluzionario per capire cos’è la demenza: al Vaglietti direttamente dagli States arriva il Virtual Dementia Tour (Vdt), un modo pratico per toccare con mano cosa vuol dire essere affetti da Alzheimer. Cos’è il Vdt? Il Vdt è un metodo innovativo e scientificamente provato per generare una maggiore comprensione del tema della demenza, attraverso […]

Continua la lettura di Virtual Dementia Tour: come provare sulla propria pelle l’Alzheimer su Giornale di Treviglio.

]]>
Un metodo rivoluzionario per capire cos’è la demenza: al Vaglietti direttamente dagli States arriva il Virtual Dementia Tour (Vdt), un modo pratico per toccare con mano cosa vuol dire essere affetti da Alzheimer.

Cos’è il Vdt?

Il Vdt è un metodo innovativo e scientificamente provato per generare una maggiore comprensione del tema della demenza, attraverso l’uso di istruzioni e strumenti sensoriali brevettati. In sostanza, grazie a dei macchinari sarà possibile sperimentare sulla propria pelle cosa vuol dire avere una demenza.

Toccare con mano la malattia

“Per fare degli esempi concreti – ha spiegato il presidente della Rsa Vaglietti Corsini di Cologno al Serio,  Maurizio Cansone – grazie alla macchina la vista pian piano si riduce. I colori si fanno via via più giallastri. I suoni hanno tutti la stessa priorità e così la voce è sentita con la stessa forza come un aeroplano che vola sopra le nostre teste. Grazie a Vdt qualsiasi persona può capire cosa prova un malto di Alzheimer. E ciò gli è utile per poi relazionarsi con un malato”.

Domenica la prova gratuita

Ecco perché la casa di riposo colognese ha deciso di portare domenica all’interno della prorpia Rsa questo metodo innovativo. Parenti e visitatori potranno provare le conseguenze della malattia sulla propria pelle. “L’Rsa ha deciso questa volta di far provare il virtual dementia tour ai parenti e visitatori – ha continuato Cansone – per un massimo di 30 persone. Successivamente organizzermo una giornata per gli operatori della casa di riposo. Crediamo molto in questi metodi innovativi e da sempre il tema dell’Alzheimer e della demenza è cruciale per noi”.

Leggi di più sul numero del Romanoweek in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Virtual Dementia Tour: come provare sulla propria pelle l’Alzheimer su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/virtual-dementia-tour-come-provare-sulla-propria-pelle-lalzheimer/feed/ 0
Ancora lettere anonime a Basella, stavolta contro la piscina di Natali https://giornaleditreviglio.it/attualita/ancora-lettere-anonime-a-basella-stavolta-contro-la-piscina-di-natali/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/ancora-lettere-anonime-a-basella-stavolta-contro-la-piscina-di-natali/#respond Fri, 21 Sep 2018 08:23:05 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61149 Lettera anonima contro il consigliere Paolo Natali: tornano i “corvi” nella frazione di Basella. Lettera anonima contro Natali Una lettera senza firma è giunta negli scorsi giorni all’Ufficio tecnico del Comune, oltre che al nostro Giornale e alla Procura. Dopo alcuni mesi di relativa “tranquillità” sul fronte politico nella litigiosa frazione urgnanese, il clima sembra […]

Continua la lettura di Ancora lettere anonime a Basella, stavolta contro la piscina di Natali su Giornale di Treviglio.

]]>
Lettera anonima contro il consigliere Paolo Natali: tornano i “corvi” nella frazione di Basella.

Lettera anonima contro Natali

Una lettera senza firma è giunta negli scorsi giorni all’Ufficio tecnico del Comune, oltre che al nostro Giornale e alla Procura. Dopo alcuni mesi di relativa “tranquillità” sul fronte politico nella litigiosa frazione urgnanese, il clima sembra insomma tornare a qualche mese fa, quando tra le varie anime di Basella era scoppiata una vera battaglia a colpi di lettere e accuse reciproche. Sistematicamente anonime.

Un attacco al consigliere

Il contenuto, smentito dall’interessato, è un attacco contro il consigliere comunale che abita in via Tasso a Basella, Paolo Natali . Secondo quanto afferma l’anonimo, la piscina (fuori terra) installata nel giardino del consigliere sarebbe infatti “abusiva”.

Tutte falsità

Tutte falsità, questa è la replica del consigliere comunale. “Innanzitutto tengo a precisare che io non sono proprietario di nulla in quella via – ha detto Natali – La casa dove vivo è di proprietà di mia moglie, non mia. Ma oltre a questo fatto, passando a piedi in via Tasso e guardando oltre la recinzione, si vede chiaramente la piscina. Una normale vasca di plastica, intorno alla quale ho messo una serie di pietre per creare una sorta di scala per entrarci. Di fatto, non è un’opera in muratura, ma una comunissima piscina in plastica come si vedono per le altre vie della frazione. Non vedo dove stia l’abuso edilizio di cui si sta parlando”.

Leggi di più sul numero in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Ancora lettere anonime a Basella, stavolta contro la piscina di Natali su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/ancora-lettere-anonime-a-basella-stavolta-contro-la-piscina-di-natali/feed/ 0
Consigli per vivere meglio, si parte dalla casa https://giornaleditreviglio.it/casa/consigli-per-vivere-meglio-casa/ Fri, 21 Sep 2018 08:17:26 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61153 Consigli per vivere meglio, in pole position c’è la casa. Partire dall’abitazione per fare qualcosa per l’ambiente. Un’affermazione proposta dall’autorevole Time che mette la prospettiva di una ‘abitazione verde’ ben al secondo posto nelle sue cinquantuno cose che possiamo fare per rallentare il processo di riscaldamento del globo. Una piccola guida con alcune delle ‘migliori […]

Continua la lettura di Consigli per vivere meglio, si parte dalla casa su Giornale di Treviglio.

]]>
Consigli per vivere meglio, in pole position c’è la casa. Partire dall’abitazione per fare qualcosa per l’ambiente. Un’affermazione proposta dall’autorevole Time che mette la prospettiva di una ‘abitazione verde’ ben al secondo posto nelle sue cinquantuno cose che possiamo fare per rallentare il processo di riscaldamento del globo. Una piccola guida con alcune delle ‘migliori idee per il pianeta’ semplificate, nella formula ‘consumare meno, condividere di più, vivere in maniera semplice’.

Consigli per vivere meglio riducendo l’impatto sull’ambiente

La casa, si diceva. Quella casa i cui consumi domestici solo negli Stati Uniti contribuiscono con il 16% all’emissione di gas serra sul totale nazionale. Ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente non è solo questione di ciò che si guida (il riferimento è ovviamente al monossido di carbonio prodotto dalle auto). Ma anche una questione del luogo in cui si vive. L’importante però è agire, per così dire, dalle fondamenta: ovvero far installare fin dal momento della costruzione soluzioni e materiali che contribuiscano a massimizzare l’efficienza energetica della propria abitazione. Un’osservazione rilevante anche perché intervenire a casa ultimata risulta senz’altro più dispendioso. E poi, pensare semplice. Solo pochi e facili accorgimenti possono infatti ridurre ben del 40% i costi in bolletta, perché ‘non c’è bisogno di soluzioni da 24° secolo per problemi da 18°’.

Piccoli accorgimenti e interventi strutturali

Qualche esempio? Controllare la perdita di calore o aria proteggendo, all’occorrenza, finestre, porte e tutte le fessure; isolare dall’interno i pavimenti di solai, garage o cantine con materiali non tossici come, sembra impossibile, la stoffa dei jeans; sistemare il termostato un paio di gradi in meno in inverno e un paio in più in estate. Ci sono però anche interventi strutturali che dovrebbero venir presi in considerazione per favorire l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Impianti a energia elettrica solare, generatori eolici e pompe di calore geotermico e sistemi per sfruttare la ventilazione naturale, come i passaggi d’aria.

Una casa “green”

Altro consiglio, preferire sempre, se possibile, le case piccole e non solo perché le costruzioni grandi dal punto di vista architettonico possono trasformarsi in un’offesa all’ambiente, anche e soprattutto perché richiedono un dispendio di energia proporzionato alle dimensioni, oltre a un numero più elevato di materiali da costruzione con relativi scarti. In ogni caso è bene ricordare che una casa di medie dimensioni, ma pensata in ‘verde’, consuma comunque meno di una più piccola ma inefficiente per i consumi.

Continua la lettura di Consigli per vivere meglio, si parte dalla casa su Giornale di Treviglio.

]]>
Come risparmiare sulle bollette di casa? Ecco il test dell’ermeticità https://giornaleditreviglio.it/casa/come-risparmiare-sulle-bollette-di-casa/ Fri, 21 Sep 2018 08:05:44 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61146 Come risparmiare sulle bollette di casa? Domanda da un milione di dollari. Quello dell’efficienza energetica degli edifici è diventato un ritornello quasi quotidiano. Non solo per tutti coloro che operano nel settore casa, ma anche per chi in una casa, per quanto vecchia, ha la fortuna di abitare. Certo, chi ha una mentalità green, qualche […]

Continua la lettura di Come risparmiare sulle bollette di casa? Ecco il test dell’ermeticità su Giornale di Treviglio.

]]>
Come risparmiare sulle bollette di casa? Domanda da un milione di dollari. Quello dell’efficienza energetica degli edifici è diventato un ritornello quasi quotidiano. Non solo per tutti coloro che operano nel settore casa, ma anche per chi in una casa, per quanto vecchia, ha la fortuna di abitare. Certo, chi ha una mentalità green, qualche soldo da parte e la voglia di imbarcarsi in un trasloco, può scegliere di fare un investimento importante trasferendosi con la famiglia in una nuova abitazione caratterizzata da criteri costruttivi di ultima generazione. Sul territorio, oggi, abitare in classe di efficienza energetica B, A e anche A+, è possibile.

Come risparmiare sulle bollette di casa?

Ma se cambiare casa non è possibile, è almeno ipotizzabile dare un bel taglio alle bollette domestiche? E se sì, come ottenerlo? Tralasciando i soliti consigli (spegnete la tv col pulsante, spegnete la luce quando uscite dalla stanza, non aprite e chiudete in continuazione la porta del frigorifero e altre banalità del genere…) forse il suggerimento più utile per ottenere un risparmio concreto nella bolletta può essere quello di fare eseguire a un tecnico specializzato (elenchi aggiornati sul portale di Casaclima) il cosiddetto “Blower door test” ovvero il test dell’ermeticità dell’immobile nel quale abitate. Una volta verificata la presenza di infiltrazioni e spifferi d’aria, sarà un gioco da ragazzi riuscire a tapparle ottenendo un immediato e consistente risparmio energetico.

Investire sulla propria abitazione

Solitamente, punti deboli degli edifici in fatto di dispersione termica sono il sottotetto e gli scantinati. In modo particolare vicino alle finestre e nei punti in cui tubi e cavi entrano in casa dall’esterno. Nel momento in cui il test evidenzi la presenza di spifferi d’aria intorno alle finestre, non c’è miglior consiglio che quello di cambiare i serramenti con altri di ultima generazione che, tra l’altro, fino a dicembre godono ancora delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica. Investire oggi nella propria casa, significa migliorare la qualità dell’abitare, ridurre gli sprechi e produrre risparmio.

Continua la lettura di Come risparmiare sulle bollette di casa? Ecco il test dell’ermeticità su Giornale di Treviglio.

]]>
Il platano monumentale sarà abbattuto https://giornaleditreviglio.it/altro/il-platano-monumentale-sara-abbattuto/ https://giornaleditreviglio.it/altro/il-platano-monumentale-sara-abbattuto/#respond Fri, 21 Sep 2018 07:33:58 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61137 Il platano monumentale di Casirate è affetto dal fungo “Ceratocystis platani”, agente della malattia nota come “cancro colorato”. Una patologia che obbligherà all’abbattimento della pianta secolare di via Cimitero come previsto dalle normative ministeriali. Gravemente malato il platano monumentale Il sospetto che il platano di via Cimitero a Casirate fosse malato c’era da un paio di […]

Continua la lettura di Il platano monumentale sarà abbattuto su Giornale di Treviglio.

]]>
Il platano monumentale di Casirate è affetto dal fungo “Ceratocystis platani”, agente della malattia nota come “cancro colorato”. Una patologia che obbligherà all’abbattimento della pianta secolare di via Cimitero come previsto dalle normative ministeriali.

Gravemente malato il platano monumentale

Il sospetto che il platano di via Cimitero a Casirate fosse malato c’era da un paio di mesi. Parte della sua folta chioma, infatti, era spoglia di foglie e i suoi rami apparivano insolitamente secchi. Una situazione che ha subito messo in allarme l’Amministrazione comunale che ha affidato ad un agronomo specializzato le verifiche del caso. L’esperto, essendo il platano inserito tra le 188 piante monumentali presenti in Lombardia dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, ha chiesto l’intervento del Servizio fitoterapico della Regione. I risultati della perizia sono arrivati stamattina. L’albero dovrà essere abbattuto.

E’ affetto dal “cancro colorato”

platano monumentale
Il platano monumentale di via Cimitero

“A seguito del sopralluogo effettuato in data 5 settembre e dalle risultanze delle analisi di laboratorio di tessuto
vegetale prelevato dal nostro platano, è stata accertata la presenza del fungo Ceratocystis platani, agente della malattia nota come “cancro colorato” – ha scritto l’Amministrazione casiratese in una nota -. Pertanto, ai sensi dell’art. 6 del D. M. 29/02/2012 e tramite l’ordinanza n° 74/2018, l’Ersaf ordina l’abbattimento del platano da effettuarsi utilizzando le tecniche atte a limitare la diffusione nell’ambiente di segatura infetta contenente le spore del fungo e nel periodo compreso tra l’1 dicembre 2018 e il 31 marzo 2019”.

L’invito a non avvicinarsi all’albero

Per abbattere l’albero bisognerà seguire un preciso protocollo previsto dalla normativa. Il legname verrà smaltito in luoghi idonei – discariche o industrie di lavorazione atte a garantire la distruzione termica o la trasformazione dopo adeguato trattamento termico – o sottoposto a bruciatura sul luogo o in altro luogo isolato e lontano da altre piante di platano entro e non oltre le 48 ore successive all’abbattimento. L’invito dell’Amministrazione, che per tutelare la sicurezza delle persone ha recintato l’area antistante l’albero, è quello di non avvicinarsi al Platano per il rischio di caduta dei rami ormai secchi.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Il platano monumentale sarà abbattuto su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/altro/il-platano-monumentale-sara-abbattuto/feed/ 0
Vaccino Hpv, l’ambulatorio apre anche agli uomini https://giornaleditreviglio.it/attualita/vaccino-hpv-lambulatorio-apre-anche-agli-uomini/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/vaccino-hpv-lambulatorio-apre-anche-agli-uomini/#respond Fri, 21 Sep 2018 06:29:29 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61134 La prevenzione del Papilloma Virus (HPV), causa di un gran numero di tumori, ha a disposizione una nuova arma, il vaccino bivalente Gardasil® 9, efficace contro 9 varianti del virus. In parole semplici la nuova formulazione ha un maggiore potenziale di prevenzione rispetto ai vaccini precedenti, e a partire da fine settembre sarà disponibile in […]

Continua la lettura di Vaccino Hpv, l’ambulatorio apre anche agli uomini su Giornale di Treviglio.

]]>
La prevenzione del Papilloma Virus (HPV), causa di un gran numero di tumori, ha a disposizione una nuova arma, il vaccino bivalente Gardasil® 9, efficace contro 9 varianti del virus. In parole semplici la nuova formulazione ha un maggiore potenziale di prevenzione rispetto ai vaccini precedenti, e a partire da fine settembre sarà disponibile in co-pagamento per entrambi i sessi all’ambulatorio vaccinale HPV dell’Asst Bergamo Ovest.

Cos’è il Papilloma Virus

L’infezione cronica da HPV predispone a sviluppare forme tumorali che colpiscono prevalentemente l’apparato riproduttivo e le prime vie aeree. Vaccinare entrambi i sessi risulta più efficace nel ridurre infezioni e malattie HPV correlate, rispetto al sottoporre a vaccinazione le sole donne.
In Italia ogni anno si verificano circa 6.500 casi di tumori collegati al Papilloma Virus, un terzo dei quali colpisce gli uomini. All’Italia le patologie legate al papilloma virus costano circa 528 milioni di Euro, di cui 211 milioni per le malattie che colpiscono gli uomini. Si calcola che il diffondersi della vaccinazione antiHPV potrebbe tradursi in un risparmio per il nostro sistema sanitario nazionale di circa 70 milioni l’anno, senza contare i costi sociali ed emotivi per chi è colpito da queste forme di tumore, in molti casi ancora mortali.

Vaccino Hpv, ecco come fare

Grazie alla collaborazione fra le Unità di Citologia, Ostetricia e Ginecologia ed Urodinamica, l’ASST Bergamo Ovest propone tre dosi di vaccino alle donne dai 14 ai 45 anni e agli uomini dai 14 ai 26 anni. Al paziente verranno somministrate tre dosi di vaccino Gardasil 9.
Chi desidera sottoporsi alla vaccinazione può prenotare al CUP dell’Ospedale di Treviglio, tel. 0363/304241, senza la richiesta del medico. Prima della vaccinazione verrà effettuato un counseling di gruppo, nella sala verde al piano 0 (livello del CUP), dalle 13.30 alle 14.30, un mercoledì ogni due mesi (l’ultimo dei mesi di gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre e novembre). La vaccinazione viene eseguita, al termine del counseling, a partire dalle 14.30 all’ambulatorio n.18 e prevede un breve counseling individuale, la somministrazione del vaccino e l’attesa di 20 minuti in ambiente protetto per verificare eventuali reazioni.  Al termine della somministrazione verranno fornite indicazioni per il pagamento e la prenotazione delle dosi successive. Il costo delle prestazioni è di 78,80 Euro per ciascuna dose, oltre a 28,50 Euro per il counseling iniziale, per un costo totale di 264,90 Euro. Per le ragazze sotto i 14 anni la vaccinazione viene proposta gratuitamente.

Continua la lettura di Vaccino Hpv, l’ambulatorio apre anche agli uomini su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/vaccino-hpv-lambulatorio-apre-anche-agli-uomini/feed/ 0
Business nello sport giovanile: quanto costa diventare calciatore? https://giornaleditreviglio.it/sport/business-nello-sport-giovanile-quanto-costa-diventare-calciatore/ https://giornaleditreviglio.it/sport/business-nello-sport-giovanile-quanto-costa-diventare-calciatore/#respond Fri, 21 Sep 2018 06:18:12 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61132 Il calcio è principalmente business ed il serbatoio del calcio sono i piccoli calciatori in erba. Business nel calcio giovanile Attualmente non c’è alcuna normativa che regola l’ingresso degli spettatori alle manifestazioni di calcio giovanile e così nonni e genitori, parenti ed amici si trovano a sborsare anche 5 euro per assistere a due misere partite dei pulcini in tornei […]

Continua la lettura di Business nello sport giovanile: quanto costa diventare calciatore? su Giornale di Treviglio.

]]>
Il calcio è principalmente business ed il serbatoio del calcio sono i piccoli calciatori in erba.

Business nel calcio giovanile

Attualmente non c’è alcuna normativa che regola l’ingresso degli spettatori alle manifestazioni di calcio giovanile e così nonni e genitori, parenti ed amici si trovano a sborsare anche 5 euro per assistere a due misere partite dei pulcini in tornei di periferia, spesso lontani decine di chilometri da casa. Tornei organizzati ad hoc, in strutture spesso non all’altezza che spesso e volentieri mettono in ginocchio la delicata economia domestica delle famiglie che hanno uno o più figli impegnati nel mondo del calcio e che già versano già la quota di iscrizione dei figli. In tempi non sospetti era emersa chiara la contrarietà nel far pagare l’accesso al campo alle famiglie almeno fino alla categoria dei Giovanissimi. Una battaglia ormai persa, perchè esistono società, che non hanno squadre, che si occupano soltanto di organizzare tornei per ragazzini di 8-9-10 anni facendo pagare l’ingresso a tutti.

Quanto costa diventare calciatore?

Ma quanto costa fare il calciatore, o almeno tentare di diventarlo? L’inchiesta è partita da Sport Legnano. I genitori di un bambino che si approccia al calcio sono chiamati a sborsare una cifra dai 250 ai 600 euro all’anno per iscrizione e per il kit di abbigliamento, ma nel caso di affiliazioni importanti con società di serie A, si arriva anche a mille euro. L’intero percorso giovanile di 6 anni fino ai 18 anni di età, può superare anche i 9 mila euro. Ovviamente nel calderone entrano poi carburante per l’auto, biglietto per l’entrata della partita ed il pranzo fuori casa che per alcuni tornei diventa obbligatorio almeno per i bambini. Un business costruito a regola d’arte e che va moltiplicato in maniera esponenziale. In Italia le scuole calcio sono più di 7 mila, con 300 mila calciatori. Fate voi il calcolo e considerate anche che una cinquantina soltanto di questi “fenomeni” esordirà in serie A in futuro.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Business nello sport giovanile: quanto costa diventare calciatore? su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/sport/business-nello-sport-giovanile-quanto-costa-diventare-calciatore/feed/ 0
Quindicenne morto al centro commerciale, la consigliera comunale: “A me non dispiace” https://giornaleditreviglio.it/cronaca/quindicenne-morto-al-centro-commerciale-la-consigliera-comunale-a-me-non-dispiace/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/quindicenne-morto-al-centro-commerciale-la-consigliera-comunale-a-me-non-dispiace/#respond Fri, 21 Sep 2018 05:35:27 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61129 E’ bufera sulla consigliera comunale del Comune di Pradalunga  Stefania Berzi Cuni, autrice di un post su Facebook dedicato ad Andrea Barone, quindicenne morto dopo essere caduto in un condotto di aerazione al Centro Sarca di Sesto San Giovanni. Quindicenne morto al Centro commerciale, il commento shock “A me queste morti non dispiacciono – ha […]

Continua la lettura di Quindicenne morto al centro commerciale, la consigliera comunale: “A me non dispiace” su Giornale di Treviglio.

]]>
E’ bufera sulla consigliera comunale del Comune di Pradalunga  Stefania Berzi Cuni, autrice di un post su Facebook dedicato ad Andrea Barone, quindicenne morto dopo essere caduto in un condotto di aerazione al Centro Sarca di Sesto San Giovanni.

Quindicenne morto al Centro commerciale, il commento shock

“A me queste morti non dispiacciono – ha commentato l’esponente politica, consigliere di minoranza nelle fila del gruppo Fare sul Serio-Lega, nel Comune bergamasco, che poi se l’è presa con i genitori – E voler anche aver ragione sul fatto che nessuno ha impedito a tuo figlio di cacciarsi dove non avrebbe dovuto dimostra solo quanto siate incapaci di fare i genitori. Zitti e pedalare, che di processi inutili ce ne sono già troppi”.

Polemiche roventi

Sui social si sono scatenate le polemiche. Il post della Berzi Cuni è rimbalzato su Facebook e Twitter e il “popolo della rete” si è diviso tra coloro che hanno dato ragione alla consigliera e tra coloro che invece le hanno rinfacciato una mancanza di sensibilità verso una famiglia devastata dal dolore per la perdita del figlio. La consigliera poi ha rimosso il profilo, raccontando di aver ricevuto anche minacce di morte e spiegando di aver scritto il post di fretta, con parole sbagliate.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Quindicenne morto al centro commerciale, la consigliera comunale: “A me non dispiace” su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/quindicenne-morto-al-centro-commerciale-la-consigliera-comunale-a-me-non-dispiace/feed/ 0
Premio Arte Treviglio 2018 pochi giorni all’inaugurazione https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/premio-arte-treviglio-2018-pochi-giorni-allinaugurazione/ https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/premio-arte-treviglio-2018-pochi-giorni-allinaugurazione/#respond Fri, 21 Sep 2018 05:25:43 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61127 Il 29 settembre, presso la Sala Crociera del Museo Civico Ernesto e Teresa Della Torre, verrà inaugurata la quinta edizione del Premio d’arte “Città di Treviglio”, indetta dal Comune di Treviglio, sul tema “Colore semprevivo”, e verranno proclamati i vincitori del Concorso Giovani Talenti 2018. Premio Arte Treviglio 2018 L’iniziativa si articola in due mostre: […]

Continua la lettura di Premio Arte Treviglio 2018 pochi giorni all’inaugurazione su Giornale di Treviglio.

]]>
Il 29 settembre, presso la Sala Crociera del Museo Civico Ernesto e Teresa Della Torre, verrà inaugurata la quinta edizione del Premio d’arte “Città di Treviglio”, indetta dal Comune di Treviglio, sul tema “Colore semprevivo”, e verranno proclamati i vincitori del Concorso Giovani Talenti 2018.

Premio Arte Treviglio 2018

L’iniziativa si articola in due mostre: il Premio d’arte “Città di Treviglio”, su invito, e il Concorso Giovani Talenti, riservato agli under 35, su selezione. Per due di loro sono in palio due premi acquisto: il vincitore del concorso riceverà dal Comune di Treviglio un premio di 3.000 euro e una personale che verrà allestita nel 2019 presso la Sala Crociera del Museo Civico. Sarà inoltre reso disponibile un premio di 2.000 euro da SanPaolo Invest e una personale che verrà allestita nel 2019 presso lo Spazio SanPaolo Invest a Treviglio.

I giovani

I dodici artisti selezionati quest’anno sono: Federico Arani (Roma, 1995), Andrea Bocca (Crema, 1996), Francesco De Bernardi (Vimercate, 1995), Giovanni Maria De Cataldo (Roma, 1990), Gabriele Dini (Viareggio, 1985), Irene Fenara (Bologna, 1990), Antonio Fiorentino (Barletta, 1987), Alessandro Fogo (Thiene, 1992), Andrea Magnani (Faenza, 1983), Jacopo Martinotti (Milano, 1995), Simone
Monsi (Fiorenzuola d’Arda, 1988), Vera Portatadino (Varese, 1984).

La giuria

La giuria è composta da Sara Fontana, critico e storico dell’arte, curatore del Premio; Diego Bergamaschi, collezionista; Ettore Favini, artista; Sara Fumagalli, curatore della GAMeC di Bergamo; Angiola Scandella Del Monte, collezionista; Federica Schiavo, gallerista; Juri Imeri, Sindaco del Comune di Treviglio; Giuseppe Pezzoni, Assessore alla Cultura del Comune di Treviglio; Elisabetta Ciciliot, Direttore del Museo Civico “Ernesto e Teresa Della Torre” di Treviglio.

Gli artisti

I dieci artisti invitati in questa quinta edizione del Premio sono invece Alberto Garutti (Galbiate, 1948), Kikki Ghezzi (Milano, 1967), Piero Gilardi (Torino, 1942), Margherita Leoni (Bergamo, 1974), Paola Mattioli (Milano, 1948), Maria Morganti (Milano, 1965), Michelangelo Penso (Venezia, 1964), Aldo Spinelli (Milano, 1948), Jorrit Tornquist (Graz, 1938), Patrick Tuttofuoco (Milano, 1974).

Mostre e premiazioni

La premiazione avverrà in occasione dell’inaugurazione della mostra sabato 29 settembre 2018 alle ore 18.00 presso la Sala Crociera del Museo Civico Ernesto e Teresa Della Torre (vicolo Bicetti, 11 Treviglio). La mostra, allestita in varie sedi (Sala Crociera, spazio menouno, spazio +2, Sanpaolo Invest), rimarrà aperta fino a domenica 28 ottobre 2018 con i seguenti orari: Sala Crociera e spazio menouno (da martedì a venerdì 15.00-18.00, sabato e domenica: 15.30-18.30), Sanpaolo Invest (da domenica a venerdì 15.00-18.00 o su appuntamento info 0363 48160).

Continua la lettura di Premio Arte Treviglio 2018 pochi giorni all’inaugurazione su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/premio-arte-treviglio-2018-pochi-giorni-allinaugurazione/feed/ 0
Riscaldamento globale e non solo: forum “Uniti per il clima” a Milano https://giornaleditreviglio.it/economia/riscaldamento-globale-e-non-solo-forum-uniti-per-il-clima-a-milano/ Thu, 20 Sep 2018 16:26:45 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61124 Cambiare prospettiva è l’unica via per il futuro. Recità così il claim dell’importante appuntamento in calendario venerdì 28 settembre 2018 a Milano: il forum “Uniti per il clima” sarà l’occasione per parlare di riscaldamento globale, ma non solo con tanti importanti protagonisti. Uniti per il clima a Milano A promuovere l’evento, Engie e Università Bicocca. […]

Continua la lettura di Riscaldamento globale e non solo: forum “Uniti per il clima” a Milano su Giornale di Treviglio.

]]>
Cambiare prospettiva è l’unica via per il futuro. Recità così il claim dell’importante appuntamento in calendario venerdì 28 settembre 2018 a Milano: il forum “Uniti per il clima” sarà l’occasione per parlare di riscaldamento globale, ma non solo con tanti importanti protagonisti.

Uniti per il clima a Milano

A promuovere l’evento, Engie e Università Bicocca. Il tutto nell’ambito della “Milano Green Week” in programma dal 27 al 30 settembre. L’agenda dei lavori si aprirà alle 13 alla Torre Breda Bicocca di viale Sarca 230.

Il climatologo Luca Mercalli

C’è anche il climatologo Mercalli

Alle 14 prenderanno parola il ceo di Engie Italia Olivier Jacquier, il rettore dell’Università degli Studi Milano-Bicocca Cristina Messa, il noto climatologo Luca Mercalli e il direttore del dipartimento di Scienze dell’Ambiente in Bicocca Marco Orlandi.

Talk show con i politici

Ma alle 14.45 Mercalli modererà un vero e proprio dibattito, secondo la formula talk show, al quale prenderanno parte anche il viceministro allo Sviluppo economico Dario Galli, l’assessore all’Ambiente del Comune di Milano Marco Granelli, la presidente del comitato scientifico BASE-Bicocca Livia Pomodoro, il numero due di Regione Lombardia Fabrizio Sala e il presidente di ENEA Federico Testa.

Hastag ufficiale dell’evento: #engiegreenfriday

Continua la lettura di Riscaldamento globale e non solo: forum “Uniti per il clima” a Milano su Giornale di Treviglio.

]]>
Salvini telefona al Comitato sicurezza: “Avanti con il Modello Zingonia” https://giornaleditreviglio.it/politica/salvini-telefona-al-comitato-sicurezza-avanti-con-il-modello-zingonia/ https://giornaleditreviglio.it/politica/salvini-telefona-al-comitato-sicurezza-avanti-con-il-modello-zingonia/#respond Thu, 20 Sep 2018 16:05:25 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61116 Salvini telefona al Comitato sicurezza: “Avanti con il Modello Zingonia”. Si è svolto oggi in Prefettura a Bergamo il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sulla riqualificazione dell’area di Zingonia, cui ha preso parte, in rappresentanza della Regione Lombardia, l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini. Reati in diminuzione “Il prefetto Elisabetta […]

Continua la lettura di Salvini telefona al Comitato sicurezza: “Avanti con il Modello Zingonia” su Giornale di Treviglio.

]]>
Salvini telefona al Comitato sicurezza: “Avanti con il Modello Zingonia”. Si è svolto oggi in Prefettura a Bergamo il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sulla riqualificazione dell’area di Zingonia, cui ha preso parte, in rappresentanza della Regione Lombardia, l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini.

Reati in diminuzione

“Il prefetto Elisabetta Margiacchi – ha spiegato Bolognini – ha fatto il punto sui risultati riguardanti i primi otto mesi del 2018 relativamente ai cinque Comuni dell’area di Zingonia, ovvero Boltiere, Ciserano, Osio Sotto, Verdellino e Verdello. La buona notizia è che, rispetto allo stesso periodo del 2017, i reati sono sensibilmente diminuiti”.

Nel dettaglio, si è registrata una flessione dei reati nei comuni di Boltiere (- 18, 5%), di Verdellino (- 13,7%) e di Ciserano (- 8,6%). Un lieve aumento della delittuosità (+2,7%) si è rilevato nel comune di Verdello, mentre il numero dei reati risulta invariato nel territorio del comune di Osio Sotto.

Oltre ai sindaci, erano presenti il questore di Bergamo Girolamo Fabiano, il comandante provinciale dei carabinieri Biagio Storniolo, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Mario Salerno.

Salvini al telefono: “Giù le torri per metà febbraio”

“Siamo al lavoro per fare in modo che tutte le torri siano abbattute per metà febbraio – ha detto l’assessore Bolognini – Il nostro modo d’agire è apprezzato anche a livello nazionale e durante l’incontro di oggi il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, mi ha telefonato per complimentarsi con tutti coloro che stanno dando il proprio contributo alla causa della legalità e per confrontarsi con il prefetto per il lavoro fin qui svolto. Il ministro ha anche assicurato che sarà presente a uno dei prossimi Comitati”.

Quattro aziende disponibili a lavorare

Nel corso del Comitato è stato comunicato che, rispetto alle 13 aziende intervenute al sopralluogo per verificare i lavori necessari
all’abbattimento delle Torri, quattro hanno presentato l’offerta e che l’intervento sarà diviso in due fasi: gli edifici di Athena e Anna verranno abbattuti non contemporaneamente ma in successione.

Il punto della situazione

Gli uffici dell’Assessorato regionale dalle Politiche sociali, con l’Aler di Bergamo, hanno fatto poi il punto della situazione sulla situazione abitativa: sono solo quattro le famiglie negli edifici Anna 1 e Athena 3 che sono in cerca di una definizione finale.

“Possiamo dire di essere giunti agli sgoccioli di un’annosa vicenda – ha spiegato Bolognini -, ma occorre mantenere viva l’attenzione per sorvegliare adeguatamente l’area contro delinquenza e degrado”.

Dopo la Locale in arrivo anche la tenenza?

“Inoltre grazie all’azione del Ministro dell’Interno e della Difesa, del prefetto e dell’Assessorato regionale, sono state avviate le richieste per una Tenenza dei carabinieri nella zona, con il rafforzamento dell’organico nelle caserme attuali – ha aggiunto Bolognini – e la richiesta di un piano innovativo che consenta l’incremento dell’organico delle forze di Polizia municipale, un prolungamento del loro orario di servizio e la realizzazione probabile di un Comando unificato”.

No alla tensostruttura

 “Il modo integrato con quale abbiamo lavorato – ha concluso Bolognini – ci ha consentito di risparmiare anche i 75mila euro previsti per
la realizzazione di una tensostruttura per accogliere le persone sfollate. Per tutti abbiamo ormai trovato un tetto o lo stiamo per assicurare. Così abbiamo potuto utilizzare quelle risorse per politiche sociali di altra natura”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Salvini telefona al Comitato sicurezza: “Avanti con il Modello Zingonia” su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/salvini-telefona-al-comitato-sicurezza-avanti-con-il-modello-zingonia/feed/ 0
Carabinieri in stazione, controlli a tappetto in tutti gli scali della Bassa FOTO https://giornaleditreviglio.it/cronaca/carabinieri-in-stazione-controlli-a-tappetto-in-tutti-gli-scali-della-bassa/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/carabinieri-in-stazione-controlli-a-tappetto-in-tutti-gli-scali-della-bassa/#respond Thu, 20 Sep 2018 15:35:18 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61108 Carabinieri in stazione, controlli a tappetto in tutti gli scali della Bassa contro degrado e criminalità. Decine di militari dell’Arma impegnati anche con l’ausilio delle unità cinofile. Carabinieri in stazione   Oggi pomeriggio, a partire dalle 17 circa, alcune decine di militari dell’Arma dei carabinieri della Compagnia di Treviglio, con l’ausilio di unità cinofile del […]

Continua la lettura di Carabinieri in stazione, controlli a tappetto in tutti gli scali della Bassa FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
Carabinieri in stazione, controlli a tappetto in tutti gli scali della Bassa contro degrado e criminalità. Decine di militari dell’Arma impegnati anche con l’ausilio delle unità cinofile.

Carabinieri in stazione

 

Oggi pomeriggio, a partire dalle 17 circa, alcune decine di militari dell’Arma dei carabinieri della Compagnia di Treviglio, con l’ausilio di unità cinofile del Nucleo Cinofili di Orio al Serio (cani specializzati nella ricerca di droga, armi e di ordine pubblico), stanno ripetendo il controllo straordinario di pubblica sicurezza nelle stazioni ferroviarie di Treviglio (Centrale e Ovest), Caravaggio, Vidalengo Romano di Lombardia, Bariano-Morengo, Arcene, Verdello-Dalmine e Calcio.

Controlli e perquisizioni

Come già svolto nelle settimane precedenti (sia di mattina che nella fascia oraria pomeridiano-serale), questa volta i carabinieri della Bassa Bergamasca hanno proceduto in orario pomeridiano e a seguire serale, in concomitanza con le partenze e gli arrivi dei pendolari nelle stazioni ferroviarie, a effettuare nuovi controlli e perquisizioni, per contrastare degrado e criminalità.

Sicurezza per i pendolari

Ancora una volta è stato così testimoniato l’attivo impegno sul territorio dei militari dell’Arma per garantire così ordine e sicurezza pubblica a tutela della cittadinanza e in particolare degli utenti che, giornalmente, utilizzano gli scali ferroviari per spostarsi nell’ambito della provincia di Bergamo ma non solo.

Seguono aggiornamenti sull’esito dell’operazione

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Carabinieri in stazione, controlli a tappetto in tutti gli scali della Bassa FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/carabinieri-in-stazione-controlli-a-tappetto-in-tutti-gli-scali-della-bassa/feed/ 0
Ludovica Pagani su YouTube per raccontarsi ai suoi fan https://giornaleditreviglio.it/attualita/ludovica-pagani-sbarca-su-youtube-ed-e-gia-un-successo/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/ludovica-pagani-sbarca-su-youtube-ed-e-gia-un-successo/#respond Thu, 20 Sep 2018 15:24:36 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61099 L’influencer bergamasca Ludovica Pagani sbarca su YouTube e in poco tempo ha già collezionato più di 5 milioni di visualizzazioni per il suo nuovo canale. Ludovica Pagani stella social Ludovica Pagani, una delle principali influencer italiane, a metà maggio 2018, ha aperto il suo canale YouTube. L’ha fatto, come racconta nel primo video girato anche […]

Continua la lettura di Ludovica Pagani su YouTube per raccontarsi ai suoi fan su Giornale di Treviglio.

]]>
L’influencer bergamasca Ludovica Pagani sbarca su YouTube e in poco tempo ha già collezionato più di 5 milioni di visualizzazioni per il suo nuovo canale.

Ludovica Pagani stella social

Ludovica Pagani, una delle principali influencer italiane, a metà maggio 2018, ha aperto il suo canale YouTube. L’ha fatto, come racconta nel primo video girato anche nella sua camera, per far conoscere da più vicino la sua vita. Per poter raccontare un po’ di più di sé rispetto a quanto si può fare con semplici foto su Instagram, un social in cui è davvero seguitissima (ha ben un milione e 400mila follower), YouTube è un mezzo davvero efficace. In pochi mesi il successo del canale è notevole: gli iscritti sono oltre 160mila e le visualizzazioni totali oltre 5 milioni.

Video per ragazze e ragazzi

Su YouTube Ludovica Pagani pubblica video su diversi temi, dedicati a ragazze e ragazzi. Energia, risate, scherzi: non sorridere guardando questi video è difficile. Tra i protagonisti ci sono YouTuber ed influencer come iPantellas, Dexter o Xmurry, ma pure la famiglia di Ludovica, che si diverte con lei in challenge e video di ogni tipo, non solo connessi allo sport, tema a cui è da sempre legata.

“Sono molto contenta che il canale stia crescendo in fretta, in così poco tempo – spiega Ludovica Pagani – In futuro non proporrò solo challenge ma ci saranno anche video che mi vedranno partecipe in prima persona. Saranno sia divertenti, sia personali, ovvero racconteranno qualcosa di me che i miei fan ancora non sanno. Chi ha voglia di scoprire qualcosa di più non deve far altro che seguirmi”.

Chi è Ludovica Pagani?

Chi frequenta i social e ha meno di vent’anni lo sa: ma chi è Ludovica Pagani? E’ considerata una delle principali influencer italiane. Nata a Bergamo il 25 giugno del 1995, ha frequentato il Liceo Linguistico ad indirizzo Giuridico ed Economico per poi iscriversi all’università di Management a Milano. Nel 2016 ha iniziato l’attività di influencer sui social collaborando con diversi brand di moda. Ha poi condotto una serie web serie, We live shopping e co-condotto Milanonow, un programma in onda su Telelombardia. E’ da sempre legata all’universo dello sport. Nel 2017 ha iniziato la co-conduzione del programma sportivo Gokartv su Sportialia. E’ stata una delle protagoniste di un video degli Autogol, “La serie A va al mare”, una partecipazione che le ha regalato il primo grande successo con i suoi follower.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Ludovica Pagani su YouTube per raccontarsi ai suoi fan su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/ludovica-pagani-sbarca-su-youtube-ed-e-gia-un-successo/feed/ 0
Violenza sulle donne: in arrivo un’App per contattare i centri sul territorio https://giornaleditreviglio.it/cronaca/violenza-sulle-donne-in-arrivo-unapp-per-contattare-i-centri-sul-territorio/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/violenza-sulle-donne-in-arrivo-unapp-per-contattare-i-centri-sul-territorio/#respond Thu, 20 Sep 2018 15:04:24 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=61091 Violenza sulle donne: in arrivo un App per contattare i centri sul territorio. I dati parlano chiaro: nel primo semestre del 2018 si sono rivolte ai centri antiviolenza 7.213 donne, mentre il 2017 si era chiuso con 5892 richieste. Violenza sulle donne: arriva un’App Un’App per facilitare il contatto fra le donne vittime di violenza […]

Continua la lettura di Violenza sulle donne: in arrivo un’App per contattare i centri sul territorio su Giornale di Treviglio.

]]>
Violenza sulle donne: in arrivo un App per contattare i centri sul territorio. I dati parlano chiaro: nel primo semestre del 2018 si sono rivolte ai centri antiviolenza 7.213 donne, mentre il 2017 si era chiuso con 5892 richieste.

Violenza sulle donne: arriva un’App

Un’App per facilitare il contatto fra le donne vittime di violenza e i centri antiviolenza. La presenterà a breve l’assessore alle Politiche per la famiglia, Genitorialità e Pari opportunità della Regione Lombardia, Silvia Piani, come ha annunciato chiudendo, presso l’Ordine dei Medici
chirurghi e odontoiatri di Milano, la Tavola rotonda sulla “violenza alle donne”.

App e nuovo piano

“L’App – ha spiegato Piani – permetterà alle donne di trovare in tempo reale il centro antiviolenza più vicino a loro, dove poter ricevere un aiuto immediato e sarà collegata al sito regionale “Non sei da sola”.
L’assessore ha anche confermato che a breve cominceranno i lavori del nuovo Piano quadriennale antiviolenza “che dovrà essere sempre più attuale e più rappresentativo della realtà”.

I dati del primo semestre

Piani ha poi anticipato i dati del primo semestre 2018: le donne che hanno avuto un primo contatto coi Centri antiviolenza lombardi sono state 7.213. Sono state 5.892 in tutto il 2017.

“Quest’anno – ha spiegato Silvia Piani – ci aspettiamo dunque un aumento esponenziale dei numeri, che potrebbero raddoppiare rispetto all’anno scorso. Per questo è importante favorire l’autonomia economica delle donne, poiché l’aspetto finanziario è necessario per farle uscire dal contesto familiare in cui si verificano le violenze”.

LEGGI ANCHE: #IODICOBASTA LE DONNE DI TREVIGLIO DICONO NO ALLA VIOLENZA

Formazione di medici e professionisti

“Ecco perché la formazione dei professionisti che si occupano di violenza contro le donne – ha concluso l’assessore Piani – come medici di base, avvocati e personale delle Forze dell’ordine, è fondamentale: spesso sono loro il primo contatto delle donne maltrattate. La sensibilizzazione dell’opinione pubblica è inoltre essenziale per garantire l’emersione dell’intero fenomeno e favorire la fuoriuscita dal contesto di violenza”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Violenza sulle donne: in arrivo un’App per contattare i centri sul territorio su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/violenza-sulle-donne-in-arrivo-unapp-per-contattare-i-centri-sul-territorio/feed/ 0