Giornale di Treviglio https://giornaleditreviglio.it Wed, 23 Jan 2019 06:39:17 +0000 it-IT hourly 1 Rinascita Zingonia, oltre 100 carabinieri per il maxi blitz https://giornaleditreviglio.it/cronaca/rinascita-zingonia-oltre-100-carabinieri-per-il-maxi-blitz/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/rinascita-zingonia-oltre-100-carabinieri-per-il-maxi-blitz/#respond Wed, 23 Jan 2019 06:29:33 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73545 Dalle prime luci dell’alba, oltre 100 Carabinieri sono impegnati nell’ennesima importante attività anticrimine e antidegrado della Compagnia Carabinieri di Treviglio sotto la guida del Maggiore Davide Onofrio PAPASODARO, questa volta battezzata con l’appellativo convenzionale “Rinascita Zingonia”. Rinascita zingonia opo le precedenti operazioni “ad alto impatto” di Polizia Giudiziaria e di Pubblica sicurezza terminate ogni volta […]

Continua la lettura di Rinascita Zingonia, oltre 100 carabinieri per il maxi blitz su Giornale di Treviglio.

]]>
Dalle prime luci dell’alba, oltre 100 Carabinieri sono impegnati nell’ennesima importante attività anticrimine e antidegrado della Compagnia Carabinieri di Treviglio sotto la guida del Maggiore Davide Onofrio PAPASODARO, questa volta battezzata con l’appellativo convenzionale “Rinascita Zingonia”.

Rinascita zingonia

opo le precedenti operazioni “ad alto impatto” di Polizia Giudiziaria e di Pubblica sicurezza terminate ogni volta con arresti, denunce, rintraccio ed espulsione di stranieri clandestini, ma anche importanti recuperi di droga, in queste ore è scattata un’altra operazione di “bonifica” dei condomini di fatto rimasti agibili nei complessi immobiliari “Anna” e “Athena”, con all’interno gli ultimi nuclei familiari in corso di ricollocamento da parte dell’ALER di Bergamo in altri alloggi della provincia, oltre che alcuni occupanti abusivi di origine straniera.

In cerca di droga e abusivi

L’obiettivo da parte dei Carabinieri, oltre all’eventuale recupero di sostanze stupefacenti o di armi nascoste magari negli appartamenti abbandonati utilizzati tuttora, in parte, come “deposito” della droga o “dormitori per abusivi”, anche il rintraccio di extracomunitari clandestini sul territorio nazionale da espellere o comunque contrastare il noto fenomeno delle occupazioni abusive, in attesa dell’imminente abbattimento dei sei palazzoni “Anna” e “Athena” programmato per il prossimo mese di Febbraio 2019.

I condomini Anna e Athena verranno quindi ancora una volta setacciati da cima in fondo anche con l’ausilio di unità cinofile di Orio al Serio specializzate per la ricerca di sostanze stupefacenti, di armi e per le operazioni di ordine pubblico (ben 5 le squadre di cani impiegati per le operazioni). Un elicottero del 2^ NEC di Orio al Serio, inoltre, munito di telecamera termica, monitorerà le attività dall’alto.Tra gli scopi dell’ennesima maxi operazione dei Carabinieri della Compagnia di Treviglio anche quello di neutralizzare qualsivoglia evento delittuoso in un’area sensibile del “cuore di Zingonia”, al fine così di garantire legalità e sicurezza agli abitanti della zona, ma anche contrastare il “degrado urbano”.

Abbattimento entro i primi di marzo

Passate al setaccio le torri Anna 1 e Anna 2, le ultime due rimaste agibili. All’interno sono stati trovati diversi occupanti abusivi e alcuni grammi di droga. Occupanti abusivi si sono insediati anche nei palazzi dove sono state abbattute le scale. Presenti sul posto sia il sindaco di Ciserano Enea Bagini che i vertici di Aler che hanno confermato l’imminente abbattimento. Sarà entro i primi di marzo.

TORNA ALLA HOME

Rinascita zingonia

 

Continua la lettura di Rinascita Zingonia, oltre 100 carabinieri per il maxi blitz su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/rinascita-zingonia-oltre-100-carabinieri-per-il-maxi-blitz/feed/ 0
I pullman della droga, dall’Olanda alla Bergamasca: 14 arresti https://giornaleditreviglio.it/cronaca/i-pullman-della-droga-dallolanda-alla-bergamasca-14-arresti/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/i-pullman-della-droga-dallolanda-alla-bergamasca-14-arresti/#respond Tue, 22 Jan 2019 16:29:27 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73506 E’ stata sgominata dai Finanzieri di Firenze una banda italo albanese che gestiva una grossa partita del narcotraffico verso la Lombardia, e in particolare le province di Milano, Bergamo, Monza e Lodi. Trasportavano grosse quantità di droga… in pullman. Dall’Olanda marijuana e cocaina Quattordici arresti, 520 kg di marijuana e 18 kg di cocaina sequestrati: […]

Continua la lettura di I pullman della droga, dall’Olanda alla Bergamasca: 14 arresti su Giornale di Treviglio.

]]>
E’ stata sgominata dai Finanzieri di Firenze una banda italo albanese che gestiva una grossa partita del narcotraffico verso la Lombardia, e in particolare le province di Milano, Bergamo, Monza e Lodi. Trasportavano grosse quantità di droga… in pullman.

Dall’Olanda marijuana e cocaina

Quattordici arresti, 520 kg di marijuana e 18 kg di cocaina sequestrati: è questo il bilancio dell’operazione denominata Buslijnen (“autobus di linea” in lingua olandese), condotta dai Finanzieri del Comando Provinciale Guardia di Finanza di Firenze che hanno anche eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di 11 soggetti indagati (tre dei quali erano stati già arrestati in flagranza di reato nel corso dell’indagine). Ne dà notizia Firenzesettegiorni.it. L’ennesimo colpo grosso al narcotraffico verso il Nord Italia, che già in passato aveva transitato proprio dalla Bergamasca.

Arresti anche in Lombardia

Le indagini  hanno accertato che gli indagati facevano parte di una strutturata organizzazione malavitosa italo-albanese che importava cocaina e marijuana dal Belgio e dall’Olanda. Tra l’altro, uno dei soggetti coinvolti, pluripregiudicato, era emerso in passato in indagini riguardanti varie cosche ‘ndranghetiste calabresi, impegnate nel traffico internazionale di stupefacenti sulla rotta Spagna-Italia, essendo stato già arrestato nel 2013 e condannato in via definitiva. Aveva trasportato, sul proprio pullman, 17 kg di hashish. Dodici gli arrestati: undici sono finiti in carcere e uno ha obbligo di dimora.

Le indagini durate mesi

Durante le indagini, durate molti mesi, sono stati ricostruiti ben 16 episodi di traffico di cocaina. Del trasporto della droga si facevano carico tre soggetti italiani: il titolare di una ditta di trasporti e due suoi autisti i quali – per non essere scoperti – avevano modificato abilmente il loro mezzo. Avevano infatti ricavato un doppiofondo nel vano del sottoscala del pullman, che effettuava ogni settimana la tratta tra l’Olanda e Milano. Lo stupefacente, una volta arrivato a Milano, era prelevato da un altro albanese dell’organizzazione che si occupava poi con altri trafficanti della distribuzione nel territorio locale. Durante le indagini, nei dintorni di Mantova è stato anche individuato e sequestrato un carico di 520 kg di marijuana. Sette gli arresti, in quell’occasione. Con l’operazione di servizio eseguita stamane, le Fiamme Gialle fiorentine, con la collaborazione di alcuni Reparti del Corpo operanti sul territorio nazionale, è stata data esecuzione al provvedimento emesso dal Gip del Tribunale di Firenze presso le provincie di Prato, Milano, Bergamo, Monza, Lodi e Roma.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di I pullman della droga, dall’Olanda alla Bergamasca: 14 arresti su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/i-pullman-della-droga-dallolanda-alla-bergamasca-14-arresti/feed/ 0
Caporalato, 3 euro l’ora per raccogliere abiti usati: 10 indagati VIDEO https://giornaleditreviglio.it/cronaca/sfruttamento-manodopera-irregolare-diversi-arresti-video/ Tue, 22 Jan 2019 07:52:48 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73467   Caporalato: lavoranti pagati 3 euro l’ora. L’indagine partita da un tragico incidente stradale durante il quale un furgone si ribaltò in un fosso e oltre al conducente perse la vita un richiedente asilo, che insieme ad altri era nascosto nel cassone. Caporalato: lavoranti pagati 3 euro l’ora La Polizia di Stato di Cremona sta […]

Continua la lettura di Caporalato, 3 euro l’ora per raccogliere abiti usati: 10 indagati VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>

 

Caporalato: lavoranti pagati 3 euro l’ora. L’indagine partita da un tragico incidente stradale durante il quale un furgone si ribaltò in un fosso e oltre al conducente perse la vita un richiedente asilo, che insieme ad altri era nascosto nel cassone.

Caporalato: lavoranti pagati 3 euro l’ora

La Polizia di Stato di Cremona sta eseguendo delle ordinanze di custodia cautelare in carcere, degli arresti domiciliari e dell’obbligo di dimora a carico di un sodalizio criminale accusato di aver reclutato e sfruttato manodopera irregolare (il cosiddetto caporalato). Le indagini dei poliziotti della squadra mobile, condotte tra l’aprile e il novembre del 2018, hanno accertato che gli indagati hanno sfruttato dei cittadini extracomunitari nel redditizio business della raccolta degli indumenti usati, destinati alla distribuzione nei mercati del nord Africa.

Coinvolte diverse province

I reati sono stati commessi principalmente nella provincia di Cremona (in particolar modo, nel circondario della cittadina di Soresina) ma anche in altre province del nord Italia (quali Como, Bergamo e Reggio Emilia). Alle vittime veniva corrisposto una retribuzione di 3 € l’ora, del tutto sproporzionata rispetto al lavoro prestato e senza alcun rispetto delle norme in materia di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro ed in condizioni di lavoro degradanti.

10 persone indagate

Nell’ambito dell’operazione denominata “Stracci d’oro” sono dieci le persone indagate. In carcere sono finiti un tunisino di 37 anni, il capo dell’organizzazione, e due fratelli marocchini, di 45 e 43 anni, suoi collaboratori. L’unico italiano del gruppo, 62 anni, napoletano ma residente nella provincia di Varese, si trova agli arresti domiciliari. Per  tre marocchini, è stata disposta la misura dell’obbligo di dimora, eseguita solo nei confronti di uno di loro domiciliato in provincia di Lodi, in quanto gli altri due risultano irreperibili. Altre tre persone, infine, sono indagate a piede libero.

La banda era dedita allo sfruttamento del lavoro di soggetti stranieri, spesso richiedenti asilo o irregolari sul territorio, costretti a lavorare per 3 euro l’ora e a volte neppure pagati. Centro principale di attività del gruppo era Soresina, anche se vi erano soggetti provenienti da province limitrofe.

L’incidente a Trigolo

L’indagine ha preso inizio il 15 aprile 2018, in seguito a un tragico incidente verificatosi sulla statale tra Trigolo e Soresina, quando un furgone si ribaltò in un fosso e oltre al conducente perse la vita un richiedente asilo, che insieme ad altri era nascosto nel cassone. Il conducente venne successivamente individuato come uno dei membri della rete. 

LEGGI ANCHE: Tragico incidente a Trigolo, due morti e sei feriti

Le indagini, hanno poi consentito di risalire all’attività di stoccaggio di vestiti usati, che andava avanti almeno dal 2017, e di individuare la struttura della banda. Gli abiti venivano raccolti con lo stesso sistema che utilizzano le associazioni benefiche: mediante l’utilizzo di cassoni per la raccolta oppure passando di casa in casa.

Abiti rivenduti in Tunisia

Gli indumenti raccolti venivano poi portati in depositi presi in affitto per l’occasione: ne sono stati individuati sette, tra Bergamo, Reggio Emilia, Como e Cremona, in particolare a Grumello Cremonese e Gallignano, una frazione di Soncino.  Una volta recuperati, i vestiti venivano stoccati dai lavoratori irregolari, che operavano in condizioni pessime. Successivamente il tutto veniva caricato in container che arrivavano appositamente dalla Tunisia grazie a contatti in loco dell’organizzazione, e quindi rispedito a Tunisi attraverso il porto di Genova. Tra i carichi identificati dagli agenti, uno in particolare era composto da 20mila chili di vestiti, per un valore complessivo di 7mila euro. I vestiti poi venivano rivenduti in Tunisia a prezzi più alti, creando così un notevole giro d’affari.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Caporalato, 3 euro l’ora per raccogliere abiti usati: 10 indagati VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>
Maxi operazione di Finanza e Polizia di Lecco: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro https://giornaleditreviglio.it/cronaca/maxi-operazione-di-finanza-e-polizia-di-lecco-professionista-in-manette-e-sequestrati-12-milioni-di-euro/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/maxi-operazione-di-finanza-e-polizia-di-lecco-professionista-in-manette-e-sequestrati-12-milioni-di-euro/#respond Tue, 22 Jan 2019 17:36:01 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73533 Maxi operazione di Finanza e Polizia di Lecco: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro. Indebite compensazioni: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecco e gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Lecco, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bergamo, […]

Continua la lettura di Maxi operazione di Finanza e Polizia di Lecco: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro su Giornale di Treviglio.

]]>
Maxi operazione di Finanza e Polizia di Lecco: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro.

Indebite compensazioni: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecco e gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Lecco, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bergamo, oggi, martedì 22 gennaio, hanno dato esecuzione, ad una misura cautelare in carcere nei confronti di un commercialista di Bergamo, accusato di associazione a delinquere finalizzata alle indebite compensazioni. Non solo ma contemporaneamente è stato effettuato il sequestro preventivo di 12 milioni di euro.

Una lunga e complicata indagine

L’arresto e il sequestro di oggi sono il frutto e la prosecuzione di una più vasta attività di indagine nei confronti un sodalizio criminale, composto anche da vari consulenti. Il gruppo finito sotto la lente di Fiamme Gialle e Questura  aveva  utilizzato crediti d’imposta, di fatto inesistenti, per compensare debiti tributari e contributivi.

Era già stato arrestato  il direttore dell’Inps di Sondrio

Le indagini avevano già portato, nel maggio del 2018, all’arresto del direttore dell’INPS di Sondrio Angelo D’Ambrosio, e nel novembre dello stesso anno all’esecuzione di numerosi sequestri di quote societarie, denaro contante e automezzi di lusso nei confronti di numerosi professionisti  e di società operanti in varie provincie d’Italia.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Maxi operazione di Finanza e Polizia di Lecco: professionista in manette e sequestrati 12 milioni di euro su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/maxi-operazione-di-finanza-e-polizia-di-lecco-professionista-in-manette-e-sequestrati-12-milioni-di-euro/feed/ 0
Polizia locale Treviglio: il 2018 in numeri. E allacciate quelle cinture! https://giornaleditreviglio.it/attualita/polizia-locale-treviglio-il-2018-in-numeri-e-allacciate-quelle-cinture/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/polizia-locale-treviglio-il-2018-in-numeri-e-allacciate-quelle-cinture/#respond Tue, 22 Jan 2019 17:31:49 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73521 Aumentano i trevigliesi sorpresi a guidare senza cintura di sicurezza e le richieste di accesso alla Ztl. Giù invece le multe per autovelox e quelle per chi guida parlando al cellulare. Ecco com’è andato il 2018 a Treviglio quanto all’attività del Corpo di Polizia locale cittadino guidato dal comandante Antonio Nocera. I numeri della Polizia […]

Continua la lettura di Polizia locale Treviglio: il 2018 in numeri. E allacciate quelle cinture! su Giornale di Treviglio.

]]>
Aumentano i trevigliesi sorpresi a guidare senza cintura di sicurezza e le richieste di accesso alla Ztl. Giù invece le multe per autovelox e quelle per chi guida parlando al cellulare. Ecco com’è andato il 2018 a Treviglio quanto all’attività del Corpo di Polizia locale cittadino guidato dal comandante Antonio Nocera.

I numeri della Polizia locale Treviglio

I dai non mostrano particolari stravolgimenti delle abitudini alla guida dei trevigliesi, che hanno complessivamente infranto il Codice della strada ben 11mila 803 volte nel corso dello scorso anno. Con un lievissimo trend al rialzo rispetto al 2017.

Nel grafico, i vari interventi nel corso del 2018 e la variazione percentuale rispetto all’anno precedente. In verde quelli in aumento rispetto al dato del 2017, in rosso quelli in calo. E a voi com’è andato l’anno automobilistico?

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola da venerdì 25 gennaio.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Polizia locale Treviglio: il 2018 in numeri. E allacciate quelle cinture! su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/polizia-locale-treviglio-il-2018-in-numeri-e-allacciate-quelle-cinture/feed/ 0
Chi convive sceglie il peccato: niente comunione e nemmeno il funerale https://giornaleditreviglio.it/attualita/chi-convive-sceglie-il-peccato-niente-comunione-e-nemmeno-il-funerale/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/chi-convive-sceglie-il-peccato-niente-comunione-e-nemmeno-il-funerale/#respond Tue, 22 Jan 2019 16:18:04 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73502 La frase è una di quelle che di certo non passano inosservate. A maggior ragione se questa si trova inserita proprio in fondo a una comunicazione distribuita in chiesa. Il messaggio era chiaro: chi convive non può fare la comunione perché vive nel peccato. Per lui o per lei neanche il funerale. Niente funerale, comunione […]

Continua la lettura di Chi convive sceglie il peccato: niente comunione e nemmeno il funerale su Giornale di Treviglio.

]]>
La frase è una di quelle che di certo non passano inosservate. A maggior ragione se questa si trova inserita proprio in fondo a una comunicazione distribuita in chiesa. Il messaggio era chiaro: chi convive non può fare la comunione perché vive nel peccato. Per lui o per lei neanche il funerale.

Niente funerale, comunione e riconciliazione

Il foglietto è stato distribuito nel fine settimana a Rudiano, nel bresciano, e da allora non si parla d’altro. La scritta della discordia è apparsa sul volantino con gli appuntamenti settimanali:

Ricordo che per chi convive non si può fare la comunione perché vivendo in uno stato di peccato non ci si può accostare
al sacramento della riconciliazione e per lo stesso motivo non si può fare neanche il funerale.

Polemiche nella piazza virtuale e reale

Il volantino, era immaginabile, ha alzato un gran polverone contro il parroco don Luigi Pellegrini. Polemiche sui social da parte di moltissimi rudianesi che non hanno gradito le parole del parroco e vorrebbero chiarimenti. Una presa di posizione, quella di don Luigi, che seppur in linea con le prescrizioni religiose, si discosta – e non poco – dall’attuale apertura della Chiesa con Papa Francesco che punta sempre più all’inclusione piuttosto che all’esclusione.

Sulla vicenda, come riporta BresciaSettegiorni.it, è stato chiesto anche un commento al diretto interessato, ma con Luigi ha preferito, per ora, non commentare la vicenda.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Chi convive sceglie il peccato: niente comunione e nemmeno il funerale su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/chi-convive-sceglie-il-peccato-niente-comunione-e-nemmeno-il-funerale/feed/ 0
Eredità Nicoli, Fornovo al voto il 10 febbraio https://giornaleditreviglio.it/attualita/eredita-nicoli-fornovo-al-voto-il-10-febbraio/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/eredita-nicoli-fornovo-al-voto-il-10-febbraio/#respond Tue, 22 Jan 2019 14:52:08 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73488 Fornovo al voto, domenica 10 febbraio, per decidere come investire la cospicua eredità dell’ex sindaco Carlo Nicoli. La consultazione popolare – istituita formalmente con un decreto del sindaco Gian Carlo Piana – sarà aperta anche ai 16enni che si dovranno iscrivere in una lista aggiuntiva a quella degli aventi diritto. Fornovo al voto per investire […]

Continua la lettura di Eredità Nicoli, Fornovo al voto il 10 febbraio su Giornale di Treviglio.

]]>
Fornovo al voto, domenica 10 febbraio, per decidere come investire la cospicua eredità dell’ex sindaco Carlo Nicoli. La consultazione popolare – istituita formalmente con un decreto del sindaco Gian Carlo Piana – sarà aperta anche ai 16enni che si dovranno iscrivere in una lista aggiuntiva a quella degli aventi diritto.

Fornovo al voto per investire 2,5 milioni di euro

Una cifra importante. Sono i 2,5 milioni di euro del lascito Nicoli, la parte “mobile” (tra conti correnti, fondi e titoli) che il commercialista ed ex primo cittadino di Fornovo ha lasciato in eredità al suo Comune. Dopo un lungo lavoro, svolto dalle commissioni consiliari, il Consiglio comunale è arrivato ad una quadra. Quattro sono i pacchetti di possibili investimenti, tra i quali ciascun abitante del paese sarà chiamato ad esprimere una solo preferenza domenica 10 febbraio nella consultazione popolare che si terrà nella sala consiliare di piazza San Giovanni.

Seggi aperti tutto il giorno, anche agli “over 16 anni”

I seggi della consultazione popolare a Fornovo resteranno aperti dalle 8 sino alle 21, domenica 10 febbraio, nella sala consiliare in piazza San Giovanni. Ad esprimersi tutti i fornovesi residenti che sono regolarmente iscritti alle liste elettorali del Comune, come risulterà nella revisione che verrà fatta prima della consultazione. Ma non solo. Accogliendo un suggerimento della minoranza “Nuova Fornovo” il Consiglio ha deciso di aprire i seggi anche ai minorenni con almeno 16 anni compiuti. Dovranno confermare la loro volontà di votare, iscrivendosi ad un’apposita lista aggiuntiva tenuta dall’ufficio Anagrafe del Comune sino a 15 giorni prima della data della consultazione. A tale lista potranno iscriversi, con le stesse modalità temporali, anche i cittadini stranieri, residenti in paese da almeno 5 anni, purché almeno 16enni alla data della consultazione.

Validità del voto e quorum

Garantire la massima partecipazione alla consultazione popolare e avere così davvero il polso delle priorità dei cittadini. E’ questa la ratio dell’apertura al voto ai 16enni. L’altra scelta votata all’unanimità in Consiglio comunale è stata quella di abbassare il quorum di validità della consultazione. Non il 50% più uno degli aventi diritto al voto – come successo alle comunali del 2016, quando si presentò una sola lista agli elettori, dichiarate nulle – ma il 33%. Una scelta voluta per scongiurare lo spettro dell’astensionismo al voto che, in caso di quorum più alto, rischierebbe di invalidare la consultazione e gettare al vento mesi di lavoro.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Eredità Nicoli, Fornovo al voto il 10 febbraio su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/eredita-nicoli-fornovo-al-voto-il-10-febbraio/feed/ 0
Attacco incendiario alla sede della Lega a Milano: condanna unanime https://giornaleditreviglio.it/politica/attacco-incendiaro-sede-lega-milano/ Tue, 22 Jan 2019 16:19:35 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73508 Nella notte ignoti hanno dato fuoco alla saracinesca di una sede della Lega a Milano, in zona Darsena. Lo ha rivelato questa mattina, martedì 22 gennaio 2019, Paolo Grimoldi, deputato e segretario della Lega Lombarda, dalla sua pagina Facebook. Di recente scritte offensive sulla sede centrale di via Bellerio (e prima ancora sul pratone di […]

Continua la lettura di Attacco incendiario alla sede della Lega a Milano: condanna unanime su Giornale di Treviglio.

]]>
Nella notte ignoti hanno dato fuoco alla saracinesca di una sede della Lega a Milano, in zona Darsena. Lo ha rivelato questa mattina, martedì 22 gennaio 2019, Paolo Grimoldi, deputato e segretario della Lega Lombarda, dalla sua pagina Facebook.

Di recente scritte offensive sulla sede centrale di via Bellerio (e prima ancora sul pratone di Pontida): CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOTIZIA

Il segretario della Lega Lombarda

“Si tratta dell’ennesimo atto intimidatorio contro una nostra sezione – afferma in una nota Paolo Grimoldi – e’ da inizio estate che in Lombardia si ripetono attentati contro le nostre sedi, a Cremona, a Varese, a Bergamo, in Brianza, nel Milanese. Qui si sta scherzando con il fuoco, questa caccia al leghista rischia di degenerare in tragedia: auguriamoci che non ci scappi il morto”.

Il presidente della Regione

“La mia solidarietà ai militanti della Lega della sezione Darsena di Milano, colpita la scorsa notte dall’ennesimo grave atto ai danni di una nostra sede. Ancora una volta condanno un’azione inaccettabile e inqualificabile, e rinnovo l’invito ad abbassare i toni e rispettare le regole della civile convivenza”.

Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando l’attentato incendiario ai danni di una sede milanese della
Lega.

“Il dibattito e il confronto politico sono sinonimo di un Paese democratico, ma non hanno niente a che vedere con le intimidazioni, che non ci spaventano, e la violenza”.

M5S Lombardia

Dopo l’incendio appiccato questa notte alla saracinesca della sede della Laga in Darsena, il Movimento Cinque Stelle esprime la propria condanna attraverso le parole del Consigliere Regionale Massimo De Rosa:

“Si tratta di un episodio grave che condanniamo senza se e senza ma. È evidente che esasperare i toni del dibattito non serve e può essere dannoso. La politica ha il dovere di mettere un freno a questa escalation. Come? Coinvolgendo i cittadini, favorendone la partecipazione in prima persona al dibattito, attraverso proposte e risposte concrete, che è poi il motivo per cui è nato il Movimento, non giocando sui mal di pancia, o peggio, sulla rabbia delle persone”.

Continua la lettura di Attacco incendiario alla sede della Lega a Milano: condanna unanime su Giornale di Treviglio.

]]>
Elezioni comunali 2019, Palladini si ricandida a sindaco https://giornaleditreviglio.it/politica/palladini-si-ricandida-a-sindaco/ https://giornaleditreviglio.it/politica/palladini-si-ricandida-a-sindaco/#respond Tue, 22 Jan 2019 15:29:29 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73496 Per i vailatesi si avvicina il momento di recarsi alle urne. Le Amministrative sono alle porte e Paolo Palladini si ricandida. Lo fa con poche, semplici parole attraverso un comunicato stampa che segue di pochi giorni la prima apparizione pubblica del suo sfidante Antonio Maffioli. Palladini si ricandida «Sono passati quasi 5 anni da quando mi avete […]

Continua la lettura di Elezioni comunali 2019, Palladini si ricandida a sindaco su Giornale di Treviglio.

]]>
Per i vailatesi si avvicina il momento di recarsi alle urne. Le Amministrative sono alle porte e Paolo Palladini si ricandida. Lo fa con poche, semplici parole attraverso un comunicato stampa che segue di pochi giorni la prima apparizione pubblica del suo sfidante Antonio Maffioli.

Palladini si ricandida

«Sono passati quasi 5 anni da quando mi avete chiamato a guidare la nostra comunità – si legge nel comunicato – Fra pochi mesi sarete chiamati ad esprimere il vostro voto per scegliere chi sarà il prossimo Sindaco. Ho deciso di ripresentarmi, con la mia squadra e nuove persone che si sono offerte di sostenerci. Mi ripresento con rinnovato entusiasmo, con l’umiltà, la semplicità e lo spirito di servizio che mi hanno guidato in questi anni, belli ma non sempre facili». Onestà e vicinanza sono i sentimenti che Palladini intende mettere a disposizione del paese. «Non voglio fare promesse irrealizzabili o mirabolanti previsioni: si deve essere ogni giorno “sul pezzo”, a fianco e non sopra i cittadini che si amministrano, con realismo e la convinzione di fare del proprio meglio».

La squadra

Non c’è ancora un team definito alla perfezione, ma Palladini fa i nomi di alcuni compagni di viaggio. «Inizia ora il periodo della campagna elettorale e non mancherò di presentarvi la mia squadra – prosegue il comunicato – Ho chiesto agli amici di sempre, Pierangelo Cofferati e Mauro Berticelli, di organizzare questa fase di preparazione verso l’appuntamento con le urne, confidando pienamente nel loro supporto tecnico, politico e, soprattutto umano».

Mandato di completamento

«Sarà per me un mandato che amerei definire “di completamento” in quanto di cose ne sono state fatte molte ed altre , già avviate, devono essere portate a termine nel migliore dei modi – conclude il comunicato – Conto sul vostro appoggio, sui vostri suggerimenti e, perché no, anche sulle vostre critiche: sarò più che mai attento ad ascoltarvi per modificare e correggere le scelte che, Voi cittadini mi indicherete».

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Elezioni comunali 2019, Palladini si ricandida a sindaco su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/palladini-si-ricandida-a-sindaco/feed/ 0
Meteo pazzo: previsioni da 26 centimetri a zero… ma allora, nevica o no? https://giornaleditreviglio.it/attualita/meteo-pazzo-previsioni-nevica-o-no/ Tue, 22 Jan 2019 14:51:12 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73491 Avete presente la mitologica Sfinge? Ecco, uguale, o quasi. Le previsioni meteo degli ultimi giorni sembrano davvero insondabili a causa della mutevolezza dei modelli matematici. Non ci stancheremo mai di ripeterlo: com’è noto modelli meteorologici che formulino previsioni oltre 4/5 giorni non sono affidabili. Ma fa comunque impressione che la scorsa settimana c’è chi abbia […]

Continua la lettura di Meteo pazzo: previsioni da 26 centimetri a zero… ma allora, nevica o no? su Giornale di Treviglio.

]]>
Avete presente la mitologica Sfinge? Ecco, uguale, o quasi. Le previsioni meteo degli ultimi giorni sembrano davvero insondabili a causa della mutevolezza dei modelli matematici. Non ci stancheremo mai di ripeterlo: com’è noto modelli meteorologici che formulino previsioni oltre 4/5 giorni non sono affidabili. Ma fa comunque impressione che la scorsa settimana c’è chi abbia visto nella sfera di cristallo addirittura 26 centimetri di neve (precisione centimetrica, è il caso di dirlo) su alcune specifiche zone d’Italia, che oggi… sono scesi a zero!

L’esperto meteo brianzolo

“Prevedere neve con cinque giorni d’anticipo non ha alcun senso. Parlare addirittura di centimetri ancora meno… un terrorismo meteo che lascia allibiti”

Così l’esperto meteo brianzolo Christian Brambilla. Ecco le sue ultime previsioni aggiornate:

Mercoledì: al mattino poco nuvoloso, durante la giornata aumento delle nuvolosità. Tra il tardo pomeriggio e notte cieli nuvolosi su pianura, irregolarmente nuvolosi sui monti.

Tra metà serata/notte fenomeni nevosi su bassa pianura, specie nelle zone a ridosso del Po. Su media pianura qualche fiocco di neve coreografico. Su alta pianura e monti in generale assenza di precipitazioni.

NESSUN ACCUMULO, fatta eccezione per il medio/basso Pavese, il basso lodigiano, basso cremasco dove saranno possibili minimi accumuli tra 2/4 cm.

Giovedì: al primo mattino ancora un po’ di nuvole ma fenomeni assenti od in esaurimento su bassa pianura. Altrove asciutto. Durante la giornata graduale passaggio a cieli poco nuvolosi.

Focus sulle temperature

Ecco le temperature registrate  stamattina da Meteo Val San Martino tra il Lecchese e la Bergamasca, anche se in Lombardia il valore più basso registrato questa mattina è -22.8°C a Livigno (stazione CML Palipert).

AGGIORNAMENTO alle 14

Continua la lettura di Meteo pazzo: previsioni da 26 centimetri a zero… ma allora, nevica o no? su Giornale di Treviglio.

]]>
#Amicidellaneve slittata a Bergün VIDEO https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/amicidellaneve-slittata-a-bergun-video/ Tue, 22 Jan 2019 16:58:14 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73514 Eccoci con la seconda puntata di Amici della Neve, questa volta vi portiamo sulle Alpi per una slittata davvero indimenticabile. Insieme al nostro Luca Bottazzi siamo saliti sul celebre treno rosso del Bernina, dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2008 e, dopo un meraviglioso viaggio tra la natura bianca e selvaggia, faremo tappa a Preda. La […]

Continua la lettura di #Amicidellaneve slittata a Bergün VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>

Eccoci con la seconda puntata di Amici della Neve, questa volta vi portiamo sulle Alpi per una slittata davvero indimenticabile.
Insieme al nostro Luca Bottazzi siamo saliti sul celebre treno rosso del Bernina, dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2008 e, dopo un meraviglioso viaggio tra la natura bianca e selvaggia, faremo tappa a Preda.
La pista per slittino Preda-Bergün si snoda per sei chilometri lungo un percorso adatto a tutti, anche ai più piccoli. Per i più esperti sarà possibile invece cimentarsi sulla pista Darlux-Bergün con 4,5 chilometri davvero impegnativi.
Vi lasciamo al video della giornata, buona visione!

Continua la lettura di #Amicidellaneve slittata a Bergün VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>
Un viaggio patrimonio dell’UNESCO https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/un-viaggio-patrimonio-dellunesco/ Tue, 22 Jan 2019 16:12:21 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73517 “La Ferrovia Retica è un esempio eccezionale di tecnologia, ingegneria e architettura, un unicum armonico e spettacolare in cui l’intervento umano è riuscito ad integrarsi in un paesaggio di alta montagna ed ha contribuito a sbloccare l’isolamento delle comunità montane, favorendo la circolazione di idee, culture e persone.” Parole che descrivono bene come la linea […]

Continua la lettura di Un viaggio patrimonio dell’UNESCO su Giornale di Treviglio.

]]>
“La Ferrovia Retica è un esempio eccezionale di tecnologia, ingegneria e architettura, un unicum armonico e spettacolare in cui l’intervento umano è riuscito ad integrarsi in un paesaggio di alta montagna ed ha contribuito a sbloccare l’isolamento delle comunità montane, favorendo la circolazione di idee, culture e persone.”

Parole che descrivono bene come la linea del Bernina Express rappresenti un motivo di orgoglio per il Canton Grigioni e per tutta la Svizzera. Ecco le immagini spettacolari nel VIDEO

Capolavoro tecnico

Il viadotto di Brusio rappresenta uno dei fiori all’occhiello della ferrovia Retica e dell’ingegneria del XX secolo. La sua forma elicoidale a cielo aperto ne fa un elemento unico di altissima tecnica costruttiva ferroviaria.
La Ferrovia del Bernina è una delle ferrovie ad aderenza naturale più ripide al mondo e la Tratta Tirano-St. Moritz è la tratta della trasversale alpina più alta di tutta Europa con un dislivello di 1800 metri. Lunga 61 chilometri è quasi completamente a cielo aperto ed e l’unica in grado di valicare le Alpi senza un tunnel alla base o in quota.

Riconoscimento prezioso

Quella del riconoscimento della ferrovia Retica da parte dell’UNESCO è una storia come poche, iniziata quasi in punta di piedi. Inizialmente la candidatura era stata avanzata solo per la linea dell’Albula. Nel 2004 la richiesta della popolazione della Val Poschiavo di inserire tutta la tratta ha cambiato l’esito della storia e ha riempito il finale di un futuro promettente.
La consapevolezza di possedere un vero e proprio viaggio nella natura più selvaggia e nascosta, ha fatto sì che la candidatura fosse rivista e che venisse inclusa anche la tratta del Bernina. Una richiesta senza possibili confronti e prima nel suo genere.
Nel 2008 è arrivato il riconoscimento ufficiale da parte dell’Unesco, che ha spiegato come le due linee si iscrivono «in modo particolarmente armonioso nei paesaggi alpini attraversati» e rappresentano «una costruzione ferroviaria esemplare per rompere l’isolamento delle Alpi». La ferrovia dell’Albula, che collega Thusis e St. Moritz, e la linea del Bernina, che collega St. Moritz a Tirano, sono divenute così patrimonio dell’Umanità.

————————————————–

Info utili

Quello che dovreste sapere prima di mettervi in viaggio

Moneta

Il viaggio è per gran parte in territorio svizzero dove si utilizza il Franco Svizzero. L’Euro può essere accettato in alcuni negozi, ma il resto vien sempre dato in franchi.

Dogana

Anche se i controlli sistematici alle frontiere sono stati aboliti, è comunque obbligatorio avere con sé un documento personale valido per l’espatrio. La Carta di Identità è sufficiente.

Disabili

Il Treno è attrezzato di monta carrozzelle attivo nelle stazioni di Saint Moritz e Tirano.

Animali

Se di piccola taglia e nel trasportino ammessi gratuitamente, altrimenti pagano metà biglietto.

Continua la lettura di Un viaggio patrimonio dell’UNESCO su Giornale di Treviglio.

]]>
Treno rosso del Bernina, un viaggio da scoprire https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/treno-rosso-del-bernina-un-viaggio-da-scoprire/ Tue, 22 Jan 2019 16:01:59 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73526 Immersi nella natura più autentica e selvaggia, restando comodi su una poltrona. Questa è l’esperienza che promette (e mantiene) il viaggio a bordo del trenino rosso del Bernina, nel cuore delle Alpi Retiche svizzere. Valutato dal National Geographic come “uno dei dieci viaggi ferroviari più belli del mondo” e consacrato patrimonio dell’UNESCO, questa avventurosa traversata […]

Continua la lettura di Treno rosso del Bernina, un viaggio da scoprire su Giornale di Treviglio.

]]>
Immersi nella natura più autentica e selvaggia, restando comodi su una poltrona. Questa è l’esperienza che promette (e mantiene) il viaggio a bordo del trenino rosso del Bernina, nel cuore delle Alpi Retiche svizzere.
Valutato dal National Geographic come “uno dei dieci viaggi ferroviari più belli del mondo” e consacrato patrimonio dell’UNESCO, questa avventurosa traversata delle Alpi raccontata nel VIDEO si perde tra le infinite bellezze naturali del Canton Grigioni, partendo dalla stazione di Tirano, in Valtellina.

Tutti a bordo

La città di Tirano, importante centro economico e culturale della Valtellina, segna la partenza dell’itinerario. La destinazione finale sarà Preda, piccolo paese sperduto tra i monti, dove i turisti cambiano il treno per la slitta, affrontando una tra le discese più lunghe d’Europa.
Ma veniamo al nostro viaggio in treno. Lasciata Tirano, dopo un chilometro si entra già in territorio svizzero e la tappa di Campocologno dà il benvenuto ai passeggeri nella valle di Poschiavo. Qui si affronta uno dei percorsi più famosi dell’intero viaggio: un vero miracolo dell’ingegneria del XX secolo, lo spettacolare viadotto elicoidale che fa compiere al treno un giro completo di 360°con un dislivello di circa 30 metri di quota.

Tappe meravigliose

Il viaggio prosegue lento e magnifico, con panorami che mutano in continuazione. Si sale fino ai 2253 metri sul livello del mare del Passo Bernina dove ha sede la stazione dell’Ospizio. Il bianco è il dominatore assoluto del panorama. Alle fermate delle stazioni sciistiche Bernina Lagalb e del Bernina Diavolezza con un passaggio in funivia, chi vuole ne può approfittare per sciare tutto il giorno. Poco più avanti, la linea ferroviaria sosta davanti al magnifico ghiacciaio del Morteratsch

Due cambi e si “slitta”

Giunti a Pontresina si cambia per Samaden. I tempi di attesa sono ridotti grazie alla proverbiale puntualità svizzera con cui partono i convogli. Da Samedan, in circa 15’ si prosegue alla volta di Preda, dove ha inizio il percorso riservato alle slitte. L’avventura non è finita: ci aspetta un tuffo a valle lungo 6 chilometri di pista.

Chiuso o panoramico?

Il Bernina Express offre ai propri ospiti di viaggiare nei cosiddetti “treni panoramici”, ossia vagoni con vetrate a cupola non abbassabili che permettono una visuale ampia sul panorama circostante. Da Tirano a St. Moritz il treno impiega 2 ore e 15 minuti e per assicurarsi un posto nello scompartimento panoramico è obbligatoria la prenotazione. Nei mesi estivi è possibile approfittare delle carrozze completamente aperte, per le quali però non vale la prenotazione (chi prima arriva, meglio alloggia).

Continua la lettura di Treno rosso del Bernina, un viaggio da scoprire su Giornale di Treviglio.

]]>
Avventura con la slitta https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/avventura-con-la-slitta/ Tue, 22 Jan 2019 16:02:02 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73539 Emozioni sulla pista di Bergün Durante la stagione invernale, gran parte dei viaggiatori della linea che da St. Moritz porta a Coira, si ferma a Preda. Questo perché qui è attiva una tra le più lunghe piste di slittino aperte al pubblico di tutta Europa. Fino al 17 marzo la strada di norma adibita alle […]

Continua la lettura di Avventura con la slitta su Giornale di Treviglio.

]]>
Emozioni sulla pista di Bergün

Durante la stagione invernale, gran parte dei viaggiatori della linea che da St. Moritz porta a Coira, si ferma a Preda. Questo perché qui è attiva una tra le più lunghe piste di slittino aperte al pubblico di tutta Europa.

Fino al 17 marzo la strada di norma adibita alle auto viene chiusa al transito e messa totalmente a disposizione dei cultori di questo sport, nella sua veste più “amatoriale”, e proposta a grandi e piccini.
Alla stazione di Preda non mancano i punti presso i quali noleggiare le slitte, a posto singolo o in coppia, oltre all’attrezzatura utile per compiere in sicurezza la discesa.
La Preda-Bergün si snoda per sei chilometri lungo facili rettilinei e qualche semplice curva. La pista è praticabile anche in notturna per discese ricche d’atmosfera, seguendo il medesimo percorso che di notte è illuminato. Giunti a Bergün si può tornare a Preda in treno e rifare la discesa, oppure riconsegnare la slitta e fare rotta verso casa. Ecco la slittata nel VIDEO

Per gli appassionati che intendono cimentarsi con qualcosa di più impegnativo sempre con la slitta, a Bergün c’è la possibilità di prendere la seggiovia per Darlux. Da qui parte la pista di 4,5 chilometri, dove curve e discese hanno pendenze e difficoltà ben più difficili, che poi termina sempre a Bergün.

Info utili

  • Orari pista Preda – Bergün: Lunedì 9:30 – 17 – da Martedì a Domenica 9:30 – 23
  • Orari pista Darlux – Bergün: tutti i giorni 9 – 16.30
  • Costo piste: 6 CHF adulti e 3 CHF bambini
  • La pista deve essere pagata anche se in possesso degli slittini


Noleggio slitte e caschi:
Mark Sport
Preda: presso la stazione
Bergün: in centro paese

Club 99
Preda: presso Hotel Kulm
Bergün: presso stazione

Regole per slittare

  • Slittare solo da seduti
  • Vietato slittare sulla pancia o legare insieme le slitte
  • Indossare il casco
  • Bambini piccoli ammessi solo se accompagnati
  • Freni meccanici e bob di plastica non sono permessi
  • Vietato risalire a piedi
  • Adeguare la velocità

Continua la lettura di Avventura con la slitta su Giornale di Treviglio.

]]>
Basket giovanile: i genitori insultano dalle tribune e il coach ritira la squadra https://giornaleditreviglio.it/attualita/basket-giovanile-i-genitori-insultano-dalle-tribune-e-il-coach-ritira-la-squadra/ Tue, 22 Jan 2019 13:59:55 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73485 Una vicenda che viene dalla Bassa e sta assumendo contorni a dir poco discutibili. Uno dei tanti casi in cui ai genitori dei figli in campo è decisamente scappata la mano… Partita sospesa Lo raccontano i colleghi di BresciaSettegiorni.it: sospesa una partita di basket under13 che si stava disputando tra la società carpenedolese dell’Amico Basket Carpenedolo […]

Continua la lettura di Basket giovanile: i genitori insultano dalle tribune e il coach ritira la squadra su Giornale di Treviglio.

]]>
Una vicenda che viene dalla Bassa e sta assumendo contorni a dir poco discutibili. Uno dei tanti casi in cui ai genitori dei figli in campo è decisamente scappata la mano…

Partita sospesa

Lo raccontano i colleghi di BresciaSettegiorni.it: sospesa una partita di basket under13 che si stava disputando tra la società carpenedolese dell’Amico Basket Carpenedolo e la Negrini Pallacanestro Quistello 1996. Durante la gara, che si svolgeva nella palestra di Carpenedolo e che la squadra locale si stava aggiudicando 43 a 33, i genitori hanno cominciato ad insultare pesantemente gli avversari e l’arbitro, classe 2005, che da soli due mesi riveste un ruolo tanto delicato.

Squadra ritirata

Dopo diversi richiami alla correttezza da parte di Marco Giazzi, coach della squadra carpenedolese, che è perfino salito sugli spalti per cercare di sedare gli animi, l’allenatore ha deciso di ritirare dal campo la sua squadra chiedendo la sconfitta a tavolino.Un segnale educativo forte e una scelta comprensibile dopo gli insulti anche personali subiti.

La Federazione impone a tutti il silenzio stampa

È, però, a questo punto che oltre al danno la società carpenedolese rischierebbe di subire la beffa. La Negrini Pallacanestro Quistello 1996, infatti, non avrebbe, a detta di molti, affatto gradito il post esplicativo dell’accaduto che Marco Giazzi ha pubblicato sulla sua pagina facebook subito dopo l’interruzione della partita e la società mantovana sembrerebbe voler passare alle vie legali per tutelare la propria immagine sportiva. Il post del giovane allenatore, infatti, ha scatenato un numero immenso di iterazioni sui social e l’interesse di tutte le testate giornalistiche nazionali che hanno trasformato la sfortunata partita in un vero evento di cronaca.

Qui il post della polemica

Aggressione al padre dell’arbitro

Si tratta soltanto dell’ultimo episodio, in ordine di tempo, che ha portato gli animi a surriscaldarsi eccessivamente per via dell’agone sportivo. Avevamo dato notizia proprio nei giorni scorsi, infatti, dell’aggressione fisica ai danni del padre 50enne di un giovane arbitro, sempre nella Bassa, stavolta Pavese, in un contesto sportivo amatoriale.

Continua la lettura di Basket giovanile: i genitori insultano dalle tribune e il coach ritira la squadra su Giornale di Treviglio.

]]>
Campionato di scacchi provinciale, a Spirano la gara è aperta FOTO https://giornaleditreviglio.it/attualita/campionato-di-scacchi-provinciale-a-spirano-la-gara-e-aperta-foto/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/campionato-di-scacchi-provinciale-a-spirano-la-gara-e-aperta-foto/#respond Tue, 22 Jan 2019 13:00:27 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73446 A Spirano è arrivato il campionato provinciale assoluto di scacchi, ospitando la 70esima edizione. L’organizzazione dell’evento è affidata al “Circolo Scacchistico Mafalda” in collaborazione con l’”Asd Scacchistica Trevigliese”. Campionato di scacchi provinciale La prima parte del torneo si è svolta nelle giornate di sabato e domenica, mentre i restanti turni si svolgeranno nel prossimo weekend […]

Continua la lettura di Campionato di scacchi provinciale, a Spirano la gara è aperta FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
A Spirano è arrivato il campionato provinciale assoluto di scacchi, ospitando la 70esima edizione. L’organizzazione dell’evento è affidata al “Circolo Scacchistico Mafalda” in collaborazione con l’”Asd Scacchistica Trevigliese”.

Campionato di scacchi provinciale

La prima parte del torneo si è svolta nelle giornate di sabato e domenica, mentre i restanti turni si svolgeranno nel prossimo weekend con le premiazioni. Il torneo è individuale ed è valido come ottavo di finale del Campionato Italiano Individuale Assoluto 2019, e Open, ossia aperto anche per altri scacchisti che vogliono aumentare il proprio punteggio Elo nella federazione.

Il circolo Mafalda ospita l’evento

A spiegare l’evento è il segretario del circolo di Spirano, Diego Zanotti. “Questo è uno dei massimi tornei che si svolgono in provincia – ha detto – e infatti è il campionato provinciale a cadenza classica che eleggerà il campione bergamasco. Gli scacchisti sono agli ordini dell’arbitro internazionale Pietro Vetturini. È la seconda volta che si svolge a Spirano, anche perché i maggiori circoli sono quelli di Treviglio, di Città Alta e il “Circolo Scacchistico Excelsior” a Bergamo. Noi siamo nati nel 2009, siamo affiliati a Treviglio e quest’anno abbiamo organizzato insieme l’evento qui nella sala sopra la biblioteca”.

Torneo valido per il nazionale

In totale gli iscritti sono 34, e si contenderanno il titolo in sei turni, divisi nel weekend appena passato e il prossimo. Chi otterrà più punti verrà eletto campione. “La manifestazione è comunque aperta a tutti – ha spiegato Zanotti – ovviamente contendono al titolo solo gli scacchisti affiliati ai circoli della nostra provincia. Gli altri possono partecipare con l’obiettivo di aumentare il loro punteggio Elo in federazione. I migliori classificati si qualificheranno ai quarti di finale del Campionato Italiano Individuale Assoluto 2019”.

Tra gli scacchisti anche i ragazzini

Tra gli scacchisti ci sono anche alcuni ragazzini, che in questo contesto possono confrontarsi con giocatori più anziani e mettere alla prova le proprie strategie di gioco. “I ragazzi che fanno parte dei circoli – ha detto Zanotti – sono i più forti. Come circolo ‘Mafalda’ noi andiamo a presentare gli scacchi nelle scuole, facendo delle lezioni, sia a Spirano sia in altri Comuni, per cercare di diffondere il gioco e farlo conoscere già ai più piccoli. Inoltre gli scacchi rendono agile la mente e giovano alla salute”.

La fase finale nel prossimo weekend

Appuntamento con la seconda fase sabato e domenica quando, dopo le 18, verranno fatte le premiazioni alla presenza delle autorità. La sala è aperta al pubblico benché si rispetti il silenzio.

campionato di scacchi spirano campionato di scacchi spirano

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Campionato di scacchi provinciale, a Spirano la gara è aperta FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/campionato-di-scacchi-provinciale-a-spirano-la-gara-e-aperta-foto/feed/ 0
Museo ferroviario dell’Albula https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/museo-ferroviario-dellalbula/ Tue, 22 Jan 2019 16:17:02 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73523 Assolutamente da visitare! Racconta la storia del trenino rosso, tutta da vivere nei panni dei protagonisti. La tappa di arrivo a Bergün offre l’opportunità di approfondire la visita al paese. Oltre alle vie storiche e ai bei palazzi in stile engadinese, tutti attraversati da strade innevate, merita una sosta speciale il Museo ferroviario dell’Albula. Come […]

Continua la lettura di Museo ferroviario dell’Albula su Giornale di Treviglio.

]]>
Assolutamente da visitare! Racconta la storia del trenino rosso, tutta da vivere nei panni dei protagonisti.

La tappa di arrivo a Bergün offre l’opportunità di approfondire la visita al paese. Oltre alle vie storiche e ai bei palazzi in stile engadinese, tutti attraversati da strade innevate, merita una sosta speciale il Museo ferroviario dell’Albula. Come raccontato nel VIDEO, oltre cento anni di storia raccontati in 1300 metri quadrati di esposizione, studiati per essere rivissuti dagli appassionati e soprattutto dai più piccoli in un’atmosfera d’altri tempi. 
Il museo è situato a ridosso della stazione e ospita un’esposizione di oltre 600 reperti originali tra antichi orologi, documenti storici, vecchi utensili e filmati d’epoca che testimoniano l’evoluzione di quello che ad oggi è uno dei viaggi ferroviari più ricchi di meraviglie dell’intero pianeta.

Per i più piccoli

Il museo è pensato per i giovani visitatori ai quali, all’ingresso, è proposto di indossare gli abiti del protagonista preferito, sempre in tema “ferroviario”: capostazione, controllore, fuochista o viaggiatore di fine Ottocento.
Per le femminucce, la scelta spazia tra tanti costumi d’epoca. Il museo propone anche molteplici attività interattive che raccontano qual è stata l’evoluzione della ferrovia Retica nell’arco degli anni.

 

Ecco alcune delle proposte ospitate dal museo:

Simulatore di guida

Nella locomotiva «Coccodrillo» è possibile viaggiare virtualmente attraverso la valle dell’Albula azionando leve e interruttori reali.

Simulatore topografico

Due modelli topografici in scala 1:20000 e 1:10000 riproducono in miniatura il paesaggio della Valle dell’Albula con animazioni 3D per comprendere la progettazione della linea.

Biglietti!

Un percorso per i più piccoli consente ai bambini di timbrare il loro biglietto nelle obliteratrici meccaniche di una volta, oltre a proporre di risolvere problemi e servire i viaggiatori allo sportello.

Ferrovia in miniatura

Il plastico ferroviario Tarnutzer riproduce in scala 1:45 edifici, viadotti e gallerie della Ferrovia retica com’erano fra il 1950 e il 1960.

Continua la lettura di Museo ferroviario dell’Albula su Giornale di Treviglio.

]]>
Arriva il ciclone mediterraneo: maltempo, vento e neve https://giornaleditreviglio.it/attualita/arriva-il-ciclone-mediterraneo-maltempo-vento-e-neve/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/arriva-il-ciclone-mediterraneo-maltempo-vento-e-neve/#respond Tue, 22 Jan 2019 10:46:17 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73480 Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com: “tra mercoledì e giovedì profondo ciclone tra Corsica e Tirreno con venti oltre 100km/h, maltempo e neve anche in pianura su parte del Nord, in collina al Centro” Neve in collina e in pianura “Si apre una fase decisamente instabile e fredda sull’Italia, con una prima perturbazione che sta portando maltempo […]

Continua la lettura di Arriva il ciclone mediterraneo: maltempo, vento e neve su Giornale di Treviglio.

]]>
Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com: “tra mercoledì e giovedì profondo ciclone tra Corsica e Tirreno con venti oltre 100km/h, maltempo e neve anche in pianura su parte del Nord, in collina al Centro”

Neve in collina e in pianura

Si apre una fase decisamente instabile e fredda sull’Italia, con una prima perturbazione che sta portando maltempo al Centrosud e anche neve a quote molto basse sulle regioni centrali” –  spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – “la neve ha raggiunto le quote collinari di Toscana, Umbria, Marche, persino Viterbo; neve a tratti in pianura si segnala sull’Emilia Romagna.  Nelle prossime ore qualche debole nevicata potrà interessare anche il Triveneto, ancora l’Emilia Romagna e la Toscana interna con fiocchi non esclusi a Firenze, oltre che Bologna.”

Tra mercoledì e giovedì arriva il ciclone mediterraneo

Nel frattempo un impulso polare si getterà di gran carriera direttamente dalla Groenlandia fin sul Mediterraneo centro-occidentale, dando vita un energico ciclone proprio sui nostri mari, in particolare sul Tirreno” – prosegue Ferrara di 3bmeteo.com – “in questa fase ci attendiamo così una nuova ondata di maltempo in particolare al Centrosud, con piogge, temporali e locali grandinate specie su regioni tirreniche, Sud e Isole Maggiori. La neve cadrà anche copiosa lungo l’Appennino mediamente dai 500-1000m, con accumuli complessivi localmente superiori al mezzo metro in quota; neve anche inizialmente dai 900-1200m ma in calo fino a 500-900m giovedì. Neve in collina tra Toscana, Umbria e Marche, così come sulla Sardegna. Marginalmente coinvolto anche il Nord con qualche nevicata fino in pianura in primis sull’Emilia Romagna, Bologna inclusa, ma occasionalmente anche sulle pianure del Triveneto ( qui fenomeni deboli ). Un po’ di neve attesa anche tra basso Piemonte e Liguria interna, con a tratti possibile coinvolgimento anche della Riviera in particolare tra Genova e Savona. Nella serata di mercoledì qualche fiocco di neve potrà risalire verso le pianure di Piemonte e Lombardia ma con nevicate più incisive essenzialmente solo tra alessandrino, astigiano e pavese”.

Clima freddo e venti forti

“Le temperature subiranno un generale calo con clima freddo, specie al Centronord, ma non sarà gelo. Le correnti infatti non proverranno dalla Siberia ma, venendo dalla Groenlandia e attraversando porzioni di terra e mare in Europa, smorzeranno parzialmente la loro caratteristica fredda. Una nota di riguardo va riservata infine al vento, che soffierà a tratti forte a rotazione ciclonica su tutti i nostri mari, ma in particolare su Tirreno e Isole Maggiori, dove ci attendiamo raffiche di Ponente e Maestrale anche superiori ai 100km/h con mareggiate sui tratti esposti. Tramontana scura sulla Liguria e bora sull’alto Adriatico” – concludono da 3bmeteo.com

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Arriva il ciclone mediterraneo: maltempo, vento e neve su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/arriva-il-ciclone-mediterraneo-maltempo-vento-e-neve/feed/ 0
Parroco ricoverato d’urgenza per un malore https://giornaleditreviglio.it/cronaca/parroco-ricoverato-durgenza-per-un-malore/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/parroco-ricoverato-durgenza-per-un-malore/#respond Tue, 22 Jan 2019 10:40:54 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73477 Parroco ricoverato d’urgenza all’ospedale Maggiore di Crema. Apprensione ad Agnadello per don Mario Martinenghi. Parroco ricoverato al Maggiore Si è sentito male in casa, mentre era da solo, il parroco di Agnadello. E’ successo questa mattina. Il sacerdote è stato colto da un grave malore. A trovarlo, in casa, verso le 10.30, la donna delle […]

Continua la lettura di Parroco ricoverato d’urgenza per un malore su Giornale di Treviglio.

]]>
Parroco ricoverato d’urgenza all’ospedale Maggiore di Crema. Apprensione ad Agnadello per don Mario Martinenghi.

Parroco ricoverato al Maggiore

Si è sentito male in casa, mentre era da solo, il parroco di Agnadello. E’ successo questa mattina. Il sacerdote è stato colto da un grave malore. A trovarlo, in casa, verso le 10.30, la donna delle pulizie. Subito sono stati allertati i soccorsi e intorno alla casa del sacerdote si è formato un capannello di persone, visibilmente preoccupate per le condizioni di don Mario. Il sacerdote è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale Maggiore di Crema.

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Parroco ricoverato d’urgenza per un malore su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/parroco-ricoverato-durgenza-per-un-malore/feed/ 0
Cucina engadinese https://giornaleditreviglio.it/amici-della-neve/cucina-engadinese/ Tue, 22 Jan 2019 16:26:41 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73535 Merita una tappa il bistrot del Museo della Ferrovia a Bergün, dove si servono i piatti tipici della tradizione gastronomica engadinese. La cucina engadinese risente di varie influenze, a cominciare da quella tedesca, francese e italiana che nel tempo hanno creato diverse tipicità locali. Hanno preso così vita i piatti che hanno conquistato un’identità gastronomica […]

Continua la lettura di Cucina engadinese su Giornale di Treviglio.

]]>
Merita una tappa il bistrot del Museo della Ferrovia a Bergün, dove si servono i piatti tipici della tradizione gastronomica engadinese.

La cucina engadinese risente di varie influenze, a cominciare da quella tedesca, francese e italiana che nel tempo hanno creato diverse tipicità locali. Hanno preso così vita i piatti che hanno conquistato un’identità gastronomica propria, divenendo emblema dello stesso cantone. Il bistrot della stazione di Bergün, presentato nel VIDEO, è il posto ideale nel quale fare una sosta, seduto comodamente sulle antiche poltrone imbottite che un tempo arredavano i vagoni della prima classe.

Bratwurst

Uno dei piatti principali è sicuramente il Bratwurst, la salsiccia tipica della cucina locale, a base di carne di vitello e manzo. C’è chi ama gustarla bollita, chi mangiarla cotta alla brace. L’importante è che la si accompagni con la senape, anche se i “puristi” la preferiscono senza condimenti.

Rösti

Il contorno ideale di un piatto di bratwurst è sicuramente un croccantissimo rösti, piatto tipico svizzero a base di patate schiacciate e cotte in padella con burro o grasso caldo.
Per gli amanti della linea non è proprio un piatto light, ma con le basse temperature che ci sono in alta quota, il corpo, si sa, ha bisogno di più calorie quindi se fate un giro sul Bernina in pieno inverno non perdetevi questa prelibatezza.

E per finire la Nusstorte

Per concludere non può mancare uno dei dolci più rappresentativi della regione, senza dubbio la Nusstorte, ovvero la Torta di Noci engadinese. Un guscio di pasta frolla ripieno di noci, creme caramel e miele saprà chiudere in dolcezza il vostro pasto e darvi la carica giusta per affrontare il viaggio di ritorno.

Continua la lettura di Cucina engadinese su Giornale di Treviglio.

]]>
Blitz antidroga: due arresti, un chilo di droga e 3mila euro in contanti https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-due-arresti-un-chilo-di-droga-e-3mila-euro-in-contanti/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-due-arresti-un-chilo-di-droga-e-3mila-euro-in-contanti/#respond Tue, 22 Jan 2019 10:31:35 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73473 Nel serata di ieri, nel corso di specifici servizi volti a contrastare la diffusione di sostanze stupefacenti, i Carabinieri delle Stazioni di Stezzano e Zanica hanno arrestato in flagranza di reato due uomini, un 33enne di origini inglesi e un 47enne di origini marocchine, trovati in possesso di diverse dosi di sostanze stupefacenti. Blitz antidroga […]

Continua la lettura di Blitz antidroga: due arresti, un chilo di droga e 3mila euro in contanti su Giornale di Treviglio.

]]>
Nel serata di ieri, nel corso di specifici servizi volti a contrastare la diffusione di sostanze stupefacenti, i Carabinieri delle Stazioni di Stezzano e Zanica hanno arrestato in flagranza di reato due uomini, un 33enne di origini inglesi e un 47enne di origini marocchine, trovati in possesso di diverse dosi di sostanze stupefacenti.

blitz antidroga

Blitz antidroga

In particolare, il 33enne inglese, residente a Bergamo da diversi anni, fermato a Stezzano all’interno del parcheggio pubblico sito in via circonvallazione est a bordo della propria autovettura VW Golf e sottoposto a perquisizione personale e domiciliare, veniva trovato in possesso di 650 gr. circa di marijuana, 250 gr. circa di hashish, materiale vario per il confezionamento e della somma in denaro contante di euro 3.000 circa.
Il 47enne, originario del Marocco e residente a Bottanuco, veniva invece fermato a Comun Nuovo in prossimità del centro sportivo sito in via Azzurri 2006; sottoposto a perquisizione, veniva trovato in possesso di 15 involucri in cellophane per un totale di circa 9 gr. di cocaina, contenuti in una bottiglietta in plastica nascosta nei pantaloni, 3 telefoni cellulari e della somma in denaro contante di 350 euro circa. Entrambi, al termine dell’attività, sono stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze e trattenuti presso la Compagnia Carabinieri di Bergamo in attesa del giudizio direttissimo di questa mattina.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Blitz antidroga: due arresti, un chilo di droga e 3mila euro in contanti su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-due-arresti-un-chilo-di-droga-e-3mila-euro-in-contanti/feed/ 0
Ex Foro Boario, dopo le opposizioni è preoccupato anche il segretario comunale https://giornaleditreviglio.it/politica/ex-foro-boario-dopo-le-opposizioni-e-preoccupato-anche-il-segretario-comunale/ https://giornaleditreviglio.it/politica/ex-foro-boario-dopo-le-opposizioni-e-preoccupato-anche-il-segretario-comunale/#respond Tue, 22 Jan 2019 09:58:21 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73466 Il segretario comunale del Comune di Treviglio, Giuseppe Mendicino, ha espresso preoccupazioni in una lettera inviata allo studio notarile che ha avallato la vendita dell’Ex Foro Boario alla società Ossidiana. Una missiva che ha seguito l’interpellanza presentata dai consiglieri di opposizione Erik Molteni e Cristina Ronchi. Ex Foro Boario Lo scorso dicembre, i due esponenti di […]

Continua la lettura di Ex Foro Boario, dopo le opposizioni è preoccupato anche il segretario comunale su Giornale di Treviglio.

]]>
Il segretario comunale del Comune di Treviglio, Giuseppe Mendicino, ha espresso preoccupazioni in una lettera inviata allo studio notarile che ha avallato la vendita dell’Ex Foro Boario alla società Ossidiana. Una missiva che ha seguito l’interpellanza presentata dai consiglieri di opposizione Erik Molteni e Cristina Ronchi.

Ex Foro Boario

Lo scorso dicembre, i due esponenti di minoranza avevano presentato un’interpellanza perché, a loro dire, la convenzione urbanistica sottoscritta dagli uffici comunali per l’intervento all’Ex Foro Boario non sarebbe conforme a quanto approvato dal Consiglio comunale. Ma, proprio in Aula, lo scorso 18 dicembre l’assessore all’Urbanistica Alessandro Nisoli aveva rassicurato le opposizioni sottolineando che “la legittimità e la conformità dei provvedimenti assunti dall’Amministrazione comunale è confermata dal notaio”.

Il rischio del ricorso al Tar

In pratica, come avevano sottolineato i consiglieri di opposizione, viene stabilito che la convenzione e l’atto di compravendita dell’Ex Foro Boario sono stati subordinati alla permanenza della legittimità del Piano attuativo. Un intervento, però, su cui pende un ricorso del Tar di Brescia presentato da alcuni residenti del quartiere Est. Questo vuol dire che se il Tribunale amministrativo dovesse accogliere le istanze dei cittadini (come peraltro già avvenuto nel 2016 con il primo ricorso), la vendita verrebbe annullata.

Segretario preoccupato

Preoccupazioni che, a quanto pare, le ha anche il segretario comunale Giuseppe Mendicino che, il 31 dicembre scorso, ha inviato una lettera al notaio che ha avallato l’operazione Ex Foro Boario, per richiedere “cortesi ma urgenti chiarimenti su un problema già evidenziato via mail”. “La modifica pare determinare una ‘presupposizione’ che potrebbe condizionare pesantemente i rapporti tra il Comune e il privato – ha scritto Mendicino – Inoltre, non ritengo legittimo che un notaio possa modificare o tollerare una modifica così rilevante di un atto approvato da un Consiglio Comunale. Se ritiene di avere motivi giuridici che, al contrario, vvallino la legittimità delle modifiche da lei apposte, Le chiedo di farmele pervenire quanto prima”.

Interpellanza

Parole che hanno spinto Molteni e Ronchi a presentare un’altra interpellanza, che verrà presentata nel Consiglio di martedì prossimo. I due chiedono di conoscere la risposta del notaio e di capire in quale misura la sottoscrizione della “famosa” clausola m) delle premesse convenzionali in argomento possa “condizionare pesantemente i rapporti tra il Comune e il privato”. Infine, come avevano già chiesto un mese fa, chiedono di conoscere la “exit strategy” della Giunta, in caso il Tar dia ragione ai ricorrenti.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Ex Foro Boario, dopo le opposizioni è preoccupato anche il segretario comunale su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/politica/ex-foro-boario-dopo-le-opposizioni-e-preoccupato-anche-il-segretario-comunale/feed/ 0
Anziana si sente male in casa, salvata dai pompieri FOTO https://giornaleditreviglio.it/cronaca/anziana-si-sente-male-in-casa-salvata-dai-pompieri-foto/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/anziana-si-sente-male-in-casa-salvata-dai-pompieri-foto/#respond Tue, 22 Jan 2019 08:51:51 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73458 Soccorritori in azione in questo momento a Treviglio. E’ stato richiesto anche l’intervento dei vigili del fuoco per prestare soccorso a un’anziana che si è sentita male in casa e non riusciva ad aprire la porta. Anziana si sente male in casa Poco dopo le 9 di questa mattina un’anziana donna, classe 1926, si è […]

Continua la lettura di Anziana si sente male in casa, salvata dai pompieri FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
Soccorritori in azione in questo momento a Treviglio. E’ stato richiesto anche l’intervento dei vigili del fuoco per prestare soccorso a un’anziana che si è sentita male in casa e non riusciva ad aprire la porta.

Anziana si sente male in casa

Poco dopo le 9 di questa mattina un’anziana donna, classe 1926, si è sentita male in casa, in via  Matteotti al civico 9. La 93enne non riusciva però ad aprire la porta ai soccorritori, che hanno richiesto l’intervento dei pompieri.

Salvata dai pompieri

Il celere intervento dei Vigili del Fuoco ha risolto rapidamente la situazione. I pompieri sono saliti con l’autoscala fino alla finestra della donna, sono riusciti da lì ad entrare in casa e hanno aperto la porta ai soccorritori.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Anziana si sente male in casa, salvata dai pompieri FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/anziana-si-sente-male-in-casa-salvata-dai-pompieri-foto/feed/ 0
Imprenditore arrestato a Ghisalba, sconterà 5 anni https://giornaleditreviglio.it/cronaca/imprenditore-arrestato-a-ghisalba-scontera-5-anni/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/imprenditore-arrestato-a-ghisalba-scontera-5-anni/#respond Tue, 22 Jan 2019 07:21:24 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73455 Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazioneemesso nei confronti di un 48enne italiano, residente a Ghisalba (, dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Brescia. L’uomo dovrà così scontare 5 anni di carcere come cumulo pene per due distinte sentenze di condanna per […]

Continua la lettura di Imprenditore arrestato a Ghisalba, sconterà 5 anni su Giornale di Treviglio.

]]>
Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazioneemesso nei confronti di un 48enne italiano, residente a Ghisalba (, dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Brescia. L’uomo dovrà così scontare 5 anni di carcere come cumulo pene per due distinte sentenze di condanna per reati tributari e fiscali per fatti commessi, negli anni passati, in provincia di Bergamo e Monza-Brianza

Imprenditore arrestato a Ghisalba

Ora quindi la conclusione della vicenda giudiziaria con il suo arresto e la relativa traduzione presso la Casa Circondariale di Bergamo da parte dei CC della Stazione di Martinengo, competenti per territorio, avvenuta nella giornata di ieri. Applicate altresì le sanzioni penali accessorie dell’interdizione dai pubblici uffici per anni 3, l’interdizione dall’ufficio di componente di commissioni tributarie perpetua, l’interdizione delle funzioni di rappresentanza e assistenza in materia tributaria per anni 2, l’interdizione dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese di anni 2 ed altro ancora.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Imprenditore arrestato a Ghisalba, sconterà 5 anni su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/imprenditore-arrestato-a-ghisalba-scontera-5-anni/feed/ 0
Pedone investito e ribaltamento SIRENE DI NOTTE https://giornaleditreviglio.it/cronaca/pedone-investito-e-ribaltamento-sirene-di-notte/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/pedone-investito-e-ribaltamento-sirene-di-notte/#respond Tue, 22 Jan 2019 07:13:45 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73453 Due incidenti ieri sera nella Bassa e nel Cremasco. A Caravaggio i soccorritori sono intervenuti per un pedone investito, a Rivolta d’Adda invece per un’auto ribaltata. Pedone investito a Caravaggio E’ successo ieri sera poco dopo le 20 a Caravaggio, in via Spartaco. Un uomo di 84 anni è stato travolto da un’auto. In un […]

Continua la lettura di Pedone investito e ribaltamento SIRENE DI NOTTE su Giornale di Treviglio.

]]>
Due incidenti ieri sera nella Bassa e nel Cremasco. A Caravaggio i soccorritori sono intervenuti per un pedone investito, a Rivolta d’Adda invece per un’auto ribaltata.

Pedone investito a Caravaggio

E’ successo ieri sera poco dopo le 20 a Caravaggio, in via Spartaco. Un uomo di 84 anni è stato travolto da un’auto. In un primo momento le sue condizioni sembravano estremamente gravi ma poco dopo l’arrivo della Croce Rossa di Treviglio sul posto l’anziano si è leggermente ristabilito ed è stato trasportato in ospedale in codice giallo.

Auto ribaltata a Rivolta

Poco dopo le 20 di ieri sera sulla provinciale i soccorritori della Croce Bianca di Rivolta sono intervenuti per prestare soccorso a un uomo alla guida di un auto che si è ribaltata. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente, sul posto i carabinieri della Compagnia di Crema e la Polizia Stradale. Il 36enne che si trovava alla guida è stato portato in ospedale a Lodi in codice giallo.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Pedone investito e ribaltamento SIRENE DI NOTTE su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/pedone-investito-e-ribaltamento-sirene-di-notte/feed/ 0
Scuola chiusa a Ghisalba, troppo freddo per fare lezione https://giornaleditreviglio.it/economia/scuola-chiusa-a-ghisalba-troppo-freddo-per-fare-lezione/ https://giornaleditreviglio.it/economia/scuola-chiusa-a-ghisalba-troppo-freddo-per-fare-lezione/#respond Mon, 21 Jan 2019 19:35:52 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73441 La scuola media di Ghisalba resterà chiusa nelle giornate di domani e mercoledì a causa della rottura della caldaia. Scuola chiusa per due giorni Nella giornata di oggi, lunedì, si è verificato un guasto all’impianto di riscaldamento dell’edificio scolastico di via circonvallazione, che ha lasciato gli alunni al freddo. Vista l’oggettiva impossibilità di svolgere le […]

Continua la lettura di Scuola chiusa a Ghisalba, troppo freddo per fare lezione su Giornale di Treviglio.

]]>
La scuola media di Ghisalba resterà chiusa nelle giornate di domani e mercoledì a causa della rottura della caldaia.

Scuola chiusa per due giorni

Nella giornata di oggi, lunedì, si è verificato un guasto all’impianto di riscaldamento dell’edificio scolastico di via circonvallazione, che ha lasciato gli alunni al freddo. Vista l’oggettiva impossibilità di svolgere le lezioni, il sindaco Antonio Pezzoli ha emanato l’ordinanza di chiusura per domani, martedì e mercoledì.

Lavori in corso

Appresa la notizia del freddo nelle aule dalla scuola, l’Ufficio Tecnico ha provveduto subito a far svolgere un intervento dal quale è risultato la rottura del bruciatore della caldaia e la necessità della sua sostituzione. Per il ripristino del funzionamento dell’impianto di riscaldamento e la stabilizzazione della temperatura dei locali sono necessari due giorni.

Ripresa delle lezioni prevista per giovedì

Una volta riparato il guasto alla caldaia, il riscaldamento verrà lasciato in funzione fino al raggiungimento di una temperatura adeguata per i ragazzi e il personale che lavora alla scuola. Gli ambienti saranno verificati nuovamente prima dell’inizio delle lezioni di giovedì.

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Scuola chiusa a Ghisalba, troppo freddo per fare lezione su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/economia/scuola-chiusa-a-ghisalba-troppo-freddo-per-fare-lezione/feed/ 0
Il Vallo di Martinengo diventa una discarica FOTO https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-vallo-dei-rifiuti-foto/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-vallo-dei-rifiuti-foto/#respond Mon, 21 Jan 2019 16:50:03 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73430 Da simbolo storico della città di Martinengo a discarica abusiva, il vallo colleonesco in preda al degrado. Il Vallo come una discarica Triste sorte per uno dei simboli più invidiati di Martinengo, il Vallo colleonesco. Il fossato di età medievale, circonda il centro storico della città. I martinenghesi lo hanno da sempre curato e le […]

Continua la lettura di Il Vallo di Martinengo diventa una discarica FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
Da simbolo storico della città di Martinengo a discarica abusiva, il vallo colleonesco in preda al degrado.

Il Vallo come una discarica

Triste sorte per uno dei simboli più invidiati di Martinengo, il Vallo colleonesco. Il fossato di età medievale, circonda il centro storico della città. I martinenghesi lo hanno da sempre curato e le Amministrazioni comunali lo hanno valorizzato, popolandolo di anatre, oche e cigni. Un simbolo della città che, però, in questi mesi ha subito un degrado progressivo.

Rifiuti

Vandali e incivili hanno particolarmente infierito negli ultimi tempi sul Vallo. Nel fossato infatti sono comparsi cestini dei rifiuti urbani, che dopo essere stati divelti dalle loro sedi sono stati scaraventati sul fondo. Ma non solo. L’area, in certi tratti, è ricolma di carte, bottiglie e quant’altro. Un’inciviltà che ha vanificato l’opera dei volontari, che prima delle festività natalizie avevano ripulito il fossato.

Inquinamento

A preoccupare i cittadini è anche l’allarme inquinamento del fondo. Nel Vallo, infatti, sono stati scoperti degli sversamenti di liquidi inquinanti che hanno reso necessaria una bonifica. Gli esiti di questa operazione sono ancora in via di valutazione. Per ora resta l’indignazione per gli atti vandalici e l’inciviltà che imperversa nell’area pubblica.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Il Vallo di Martinengo diventa una discarica FOTO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/il-vallo-dei-rifiuti-foto/feed/ 0
Ai domiciliari aggredisce e ferisce i carabinieri, arrestato 43enne https://giornaleditreviglio.it/cronaca/ai-domiciliari-aggredisce-e-ferisce-i-carabinieri-arrestato-43enne/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/ai-domiciliari-aggredisce-e-ferisce-i-carabinieri-arrestato-43enne/#respond Mon, 21 Jan 2019 16:37:01 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73428 Si trovava agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio il 43enne, campano, che questa notte, all’arrivo dei carabinieri per il controllo ha dato in escandescenza aggredendo e ferendo i militari. Ai domiciliari aggredisce e ferisce i carabinieri Stanotte i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne pregiudicato di […]

Continua la lettura di Ai domiciliari aggredisce e ferisce i carabinieri, arrestato 43enne su Giornale di Treviglio.

]]>
Si trovava agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio il 43enne, campano, che questa notte, all’arrivo dei carabinieri per il controllo ha dato in escandescenza aggredendo e ferendo i militari.

Ai domiciliari aggredisce e ferisce i carabinieri

Stanotte i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne pregiudicato di origine campane, attualmente in regime di detenzione domiciliare in un’abitazione a Caravaggio per reati contro il patrimonio. I carabinieri, ieri sera sul tardi, si sono presentati a casa dell’uomo per verificarne la presenza, come appunto la Legge prevede quando una persona si trova ristretta in regime di arresti domiciliari o di detenzione domiciliare. N.I., però, non ha però gradito il controllo questa volta, reagendo in malo modo sin da subito nei confronti della pattuglia della Stazione di Caravaggio responsabile del suo controllo. Dopo aver insultato e minacciato i militari, il 43enne li ha anche fisicamente aggrediti, al punto tale da indurre i carabinieri ad ammanettarlo.

Portato in ospedale, rifiuta i test

Anche in caserma il pregiudicato ha continuato nella sua condotta esagitata, al punto tale da far intervenire un’ambulanza del 118, che lo ha portato in ospedale per accertamenti. Qui però N.I. ha rifiutato ogni cura ed anche i prelievi per gli accertamenti alcolemici e tossicologici.

Due carabinieri sono rimasti invece feriti in conseguenza delle contusioni riportate, 10 giorni a testa di prognosi. Inevitabile a questo punto l’arresto del pregiudicato per resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, nonché per lesioni personali aggravate. Stamattina si è svolta la relativa udienza di convalida davanti al Tribunale di Bergamo. Dopo la convalida dell’arresto, nei confronti del 43enne è stata ripristinata la misura detentiva domiciliare.

Ora toccherà alla Magistratura di Sorveglianza di Bologna, competente per l’esecuzione della misura, valutare un eventuale aggravamento del regime detentivo dell’uomo.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Ai domiciliari aggredisce e ferisce i carabinieri, arrestato 43enne su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/ai-domiciliari-aggredisce-e-ferisce-i-carabinieri-arrestato-43enne/feed/ 0
Tenenza a Zingonia, il ministro Trenta conferma e promette più uomini e mezzi https://giornaleditreviglio.it/cronaca/tenenza-a-zingonia-il-ministro-trenta-conferma-e-promette-piu-uomini-e-mezzi/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/tenenza-a-zingonia-il-ministro-trenta-conferma-e-promette-piu-uomini-e-mezzi/#respond Mon, 21 Jan 2019 15:57:53 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73425 Tenenza a Zingonia, il ministro Trenta conferma e promette più uomini e mezzi. Una bella notizia per Zingonia che da anni attende un segnale sul fronte della sicurezza. Il ministro conferma la Tenenza La conferma dell’elevazione della caserma di Zingonia a Tenenza è arrivata dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, in risposta a un’interrogazione presentata […]

Continua la lettura di Tenenza a Zingonia, il ministro Trenta conferma e promette più uomini e mezzi su Giornale di Treviglio.

]]>
Tenenza a Zingonia, il ministro Trenta conferma e promette più uomini e mezzi. Una bella notizia per Zingonia che da anni attende un segnale sul fronte della sicurezza.

Il ministro conferma la Tenenza

La conferma dell’elevazione della caserma di Zingonia a Tenenza è arrivata dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta, in risposta a un’interrogazione presentata il 17 settembre scorso dall’onorevole e membro della Commissione Difesa Gregorio Fontana (FI).

“Nell’ottica di incrementare la capacità e la tempestività di risposta alle esigenze di sicurezza pubblica, il Comando generale dell’Arma dei carabinieri ha definito, da tempo, un programma di elevazione delle Stazioni a Tenenze – scrive Trenta – La Stazione di Zingonia è inserita tra i presidi da elevare, al fine di garantire una più incisiva attività di contrasto alla criminalità. Posso dare assicurazione che il provvedimento che dispone l’elevazione di rango, presentato per l’approvazione lo scorso 7 novembre e per il quale è già stato acquisito il parere favorevole del prefetto di Bergamo, è in via di definizione”.

Uomini e mezzi in più

Un’altra buona notizia riguarda, poi, il numero di militari impegnati che salirà di cinque unità.

“La Tenenza di Zingonia, retta da un ufficiale o da un Luogotenente (in particolare il sottotenente Gerardo Tucci), permarrà nella sede attuale e sarà attestata su 21 unità organiche (rispetto alle 16 attuali) e sarà dotata di mezzi e materiali idonei ad assicurare i servizi di controllo del territorio e di pronto intervento, di massima, nell’arco delle 24 ore”.

“Bene, ma non si penalizzino le altre caserme”

“Il ministro della Difesa, con questo atto ufficiale, ha quindi finalmente formalizzato la notizia emersa nei giorni scorsi e che conclude
positivamente una battaglia che Forza Italia, sia a livello parlamentare che con i propri amministratori locali, ha seguito da tempo – ha commentato Fontana – Con la risposta di oggi, inoltre, il dicastero fornisce una ulteriore positiva notizia: l’organico dei carabinieri, con la nuova Tenenza, passerà da 16 a 21 unità. Questa è sicuramente un’altra notizia che accogliamo con grande favore purché non siano penalizzati gli organici delle altre stazioni dei carabinieri attorno a Zingonia”.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Tenenza a Zingonia, il ministro Trenta conferma e promette più uomini e mezzi su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/tenenza-a-zingonia-il-ministro-trenta-conferma-e-promette-piu-uomini-e-mezzi/feed/ 0
Omicidio Stefania Crotti: dalla trappola della rosa al messaggio agghiacciante https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-stefania-crotti-dalla-trappola-della-rosa-al-messaggio-agghiacciante/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-stefania-crotti-dalla-trappola-della-rosa-al-messaggio-agghiacciante/#respond Mon, 21 Jan 2019 15:28:02 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73420 Un omicidio tessuto nella Bergamasca e terminato in Franciacorta. Emergono i particolari della tragica fine di Stefania Crotti, dopo la confessione dell’ex amante del marito che le avrebbe brutalmente tolto la vita. Omicidio Stefania Crotti Stefania Crotti era scomparsa giovedì,  17 gennaio 2019, da Cenate Sotto, nella Bergamasca.   All’uscita dal lavoro, la 42enne di Gorlago  aveva trovato un uomo ad attenderla. Si trattava […]

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti: dalla trappola della rosa al messaggio agghiacciante su Giornale di Treviglio.

]]>
Un omicidio tessuto nella Bergamasca e terminato in Franciacorta. Emergono i particolari della tragica fine di Stefania Crotti, dopo la confessione dell’ex amante del marito che le avrebbe brutalmente tolto la vita.

Omicidio Stefania Crotti

Stefania Crotti era scomparsa giovedì,  17 gennaio 2019, da Cenate Sotto, nella Bergamasca.   All’uscita dal lavoro, la 42enne di Gorlago  aveva trovato un uomo ad attenderla.

Si trattava di un complice, seppur inconsapevole, di Chiara Alessandri, ex amante del marito di lei e rea confessa dell’omicidio. Il compito dell’uomo era quello di consegnare alla vittima una rosa e un biglietto con il quale la rivale in amore, offriva un non meglio specificato incontro. Stefania Crotti si è lasciata bendare ed è salita in macchina, pensando probabilmente che fosse stato il marito, Stefano Del Bello, ad aver organizzato l’appuntamento. Giunti al garage della Alessandri, quest’ultima ha preso in consegna la vittima, congedando l’autista.

Chiara Alessandri, arrestata omicidio erbusco stefania crotti
Chiara Alessandri, arrestata

L’omicidio

Nelle quattro mura del garage si è consumato l’assassinio e nonostante il contesto lasci pensare a un’imboscata, Alessandri ha asserito che l’omicidio sarebbe arrivato al culmine di un litigio, negando la premeditazione.

La donna ha infatti ripetutamente dichiarato che la situazione sarebbe sfuggita di mano, conducendola ad uccidere a martellate Stefania, sua coetanea (i rispettivi figli frequentano la stessa scuola).

Il garage di Gorlago

Portata in Franciacorta

La vittima è stata successivamente nel bagagliaio del Mercedes Classe B di Chiara Alessandri, che, come racconta BresciaSettegiorni.it, l’avrebbe scaricata in una strada di campagna, prima di darle fuoco, fra le vigne della Franciacorta, tra Adro ed Erbusco .

Nonostante il corpo bruciato e l’impossibilità di risalire alle impronte digitali, la fede nuziale ha dato agli inquirenti la pista che sabato ha condotto al fermo della Alessandri. La donna, però, nega di aver dato alle fiamme il corpo, sul quale pare sia rimasta traccia anche di un tatuaggio (“Believe”) segno della volontà della vittima di volerci riprovare col marito dopo un periodo di separazione che l’aveva avvicinato alla Alessandri.

Stefania Crotti

L’interrogatorio

Dopo un lungo interrogatorio, Chiara Alessandri ha confessato l’omicidio. Secondo la sua versione, l’appuntamento era veramente un’occasione per riappacificarsi, ma gli inquirenti devono ancora verificare alcune parti della sua storia. Ora si trova in carcere a Brescia con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere. Agghiacciante il particolare del messaggio vocale che la Alessandri ha inviato al suo inconsapevole complice, convinto di aver condotto Stefania ad una festa: “Grazie ancora dell’aiuto per la festa. È andato tutto bene”. Probabilmente mentre registrava quel messaggio, alle 17.50 del 17 gennaio, la donna aveva nel baule della propria macchina il corpo senza vita della Crotti.

Originaria del Milanese

E’ in programma questo pomeriggio, lunedì 21 gennaio 2019, all’ospedale di Brescia, l’autopsia sul corpo della Crotti. In arresto, con l’accusa di omicidio, Chiara Alessandri, nata a Rho 44 anni fa. Sono proprio i colleghi di Settegiorni.it a fornire gli aggiornamenti odierni. La donna aveva avuto una relazione con il marito di Stefania, che era poi ritornato con la moglie. Decisione a cui lei, evidentemente, non voleva rassegnarsi.

Una tragedia che ha distrutto due famiglie e che peserà sulla crescita di quatto bambini, quella di Stefania e i tre di Chiara, il più grande dei quali ha soltanto 11 anni.

DAI NOSTRI PORTALI:

Settegiorni.it: Delitto di Gorlago: oggi l’autopsia sul corpo di Stefania

GiornalediTreviglio.it: Omicidio Erbusco: dalla sparizione al ritrovamento di Stefania Crotti

BresciaSettegiorni.it: Trovata donna carbonizzata: è omicidio TUTTI I VIDEO

 

 

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti: dalla trappola della rosa al messaggio agghiacciante su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-stefania-crotti-dalla-trappola-della-rosa-al-messaggio-agghiacciante/feed/ 0
Giorgio Gibellini presenta la sua raccolta di poesie “Espressioni del mio vivere” https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/giorgio-gibellini-presenta-la-sua-raccolta-di-poesie-espressioni-del-mio-vivere/ https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/giorgio-gibellini-presenta-la-sua-raccolta-di-poesie-espressioni-del-mio-vivere/#respond Mon, 21 Jan 2019 14:01:26 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73412 Una serata dedicata alla poesia con l’autore di Cologno al Serio Giorgio Gibellini che venerdì sera, in biblioteca, ha presentato il suo libro “Espressioni del mio vivere” che raccoglie alcune sue poesie in un arco di tempo di circa 25 anni. L’evento è stato organizzato dalla Commissione Biblioteca. A dialogare con l’autore, Cristina Raffaini. Giorgio […]

Continua la lettura di Giorgio Gibellini presenta la sua raccolta di poesie “Espressioni del mio vivere” su Giornale di Treviglio.

]]>
Una serata dedicata alla poesia con l’autore di Cologno al Serio Giorgio Gibellini che venerdì sera, in biblioteca, ha presentato il suo libro “Espressioni del mio vivere” che raccoglie alcune sue poesie in un arco di tempo di circa 25 anni. L’evento è stato organizzato dalla Commissione Biblioteca. A dialogare con l’autore, Cristina Raffaini.

Giorgio Gibellini poeta delle emozioni

Operaio di 47 anni, Giorgio coltiva molte passioni come la corsa, la musica, la fotografia le cui emozioni poi traduce in versi poetici, sapendo cogliere quanto di più profondo lo circonda. Ha recentemente preso parte al concorso nazionale di poesia Leandro Polverini su consiglio della sua editor Gioia Lomasti, piazzandosi quarto nella sezione di poesia ermetica.

La prima poesia a scuola

“La prima poesia – ha raccontato ad un pubblico molto attento – risale alla tenera età di circa 8-9 anni. A scuola ci fecero provare a scrivere poesie riguardanti il giorno dei defunti. Io ne scrissi una che faceva riferimento al profumo dei crisantemi. Ricevetti quattro stelline argentate sul quaderno e un bel bravissimo con penna rossa. Ero felicissimo”.

Una continua ricerca

Dalla lettura delle poesie emerge l’idea di una continua ricerca, una ricerca esistenziale alla ricerca della verità delle cose, di una conoscenza universale, ma che continuamente sfugge. “La mia è una continua ricerca interiore – ha detto l’autore – rapportata alle altre che svolgo in altri ambiti culturali. Sento di essere piccolissimo in rapporto al sapere universale. Mi son reso conto quanto la mente umana sia limitata in confronto alla conoscenza cosmica. La conoscenza è prima di tutto conoscersi, il che non è affatto semplice. Sapere i propri limiti e dove si può arrivare a fare ciò che si vuol fare. Io l’ho sperimentato nello sport giungendo a provare gare lunghe di corsa che poi non ho terminato. In quel momento l’ho presa molto male; era una sconfitta grossa per me. Col tempo, ora, ho capito che mi è servito per capire dove potevo arrivare e dove erano i miei limiti”.

Solitudine e tristezza

Altro argomento presente nella raccolta sono la tristezza e la solitudine iniziali. “Questi – ha continuato Giorgio – sono stati passaggi obbligati nella mia crescita che sono serviti a enfatizzare in forma poetica i sentimenti che purtroppo molti definiscono non buoni, ma che servono comunque a farci cambiare interiormente. Per crescere bisogna passare ed assaporare pure quei momenti e poi lasciarseli alle spalle, anche se non sempre è facile. Passati questi momenti “bui” la luce trionfa alla grande. Se si accolgono questi momenti e li si vivono, poi essi ci serviranno per entrare nel mondo luminoso della gioia e della realizzazione personale”.

Tra natura, arte, fotografia, musica e corsa

L’autore è un grande appassionato dell’arte in tutti i suoi aspetti e che riesce a far dialogare. “L’arte in generale – ha continuato – mi rappresenta in tutte le sue forme. Adoro la poesia e la scrittura, sono un lettore sempre alla ricerca di qualcosa di stimolante. Mi piace fotografare e andare a mostre d’arte; adoro star solo in mezzo alla natura e assorbirne le sensazioni e le ispirazioni che essa sa donare. Difatti grazie ad essa ho iniziato a riflettere ed a esternare alcune mie poesie. Adoro pure suonare un po’ la chitarra, e mi piace imparare l’inglese, altra mia passione, visto che seguendo musica internazionale, qualcosa devo sapere per capire i testi”.

Uscito anche il primo racconto

Da pochi giorni è già stato pubblicato in versione e-book un altro lavoro dell’autore, in forma di racconto, “Adagiato nel mio sogno piumato”: “Questo racconto – ha concluso Giorgio – è la prima puntata di una serie di altri che narrano la vita di una modella molto particolare. Lei è per metà un pappagallino Inseparabile e per metà una donna. Nel racconto ci sono pure io col mio nome in inglese ed è ambientato nel mondo che adoro, cioè tra concerti, riviste rock e metal, dischi rari, modelle, arte, fotografia; il tutto con nomi inventati su base della mia esperienza in questi ambiti”.

giorgio gibellini poeta cologno al serio

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Giorgio Gibellini presenta la sua raccolta di poesie “Espressioni del mio vivere” su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/giorgio-gibellini-presenta-la-sua-raccolta-di-poesie-espressioni-del-mio-vivere/feed/ 0
Sorpreso dall’ispettore a rubare, ladro finisce in manette https://giornaleditreviglio.it/cronaca/sorpreso-dallispettore-a-rubare-ladro-finisce-in-manette/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/sorpreso-dallispettore-a-rubare-ladro-finisce-in-manette/#respond Mon, 21 Jan 2019 13:18:42 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73409 Sorpreso a rubare dall’ispettore, ladro finisce in manette. E’ successo ieri sera a Crema. Arrestato un 19enne albanese incensurato. Ispettore pizzica il “palo” Ieri sera, al termine del proprio turno di servizio, un ispettore della Polizia di Stato del Commissariato di Crema stava rincasando, quando ha notato, vicino a una palazzina, un ragazzo, verosimilmente impegnato come […]

Continua la lettura di Sorpreso dall’ispettore a rubare, ladro finisce in manette su Giornale di Treviglio.

]]>
Sorpreso a rubare dall’ispettore, ladro finisce in manette. E’ successo ieri sera a Crema. Arrestato un 19enne albanese incensurato.

Ispettore pizzica il “palo”

Ieri sera, al termine del proprio turno di servizio, un ispettore della Polizia di Stato del Commissariato di Crema stava rincasando, quando ha notato, vicino a una palazzina, un ragazzo, verosimilmente impegnato come palo, che si guardava intorno con fare sospetto. A quel punto ha richiesto immediatamente il supporto di una pattuglia in servizio, ma all’arrivo dell’auto della Polizia ha notato il ragazzo, insieme a un altro uomo, entrambi vestiti di scuro, allontanarsi velocemente dalla zona.

Sorpreso su un balcone

Subito è scattata la ricerca dei due che ha poi permesso agli uomini del Commissariato di trovare un ragazzo nascosto dietro ad un ombreggiante, su un balcone di un appartamento al piano rialzato. Le immediate verifiche hanno consentito di appurare che era appena stata forzata la porta finestra dell’appartamento collegato al balcone dove è stato rintracciato il malvivente. Immobile al cui interno si trovava la proprietaria di casa, ancora ignara dell’accaduto.

Arrestato in flagranza di reato

Il ragazzo è stato pertanto arrestato in flagranza di tentativo di furto aggravato in abitazione ed accompagnato in Commissariato, dove la polizia scientifica lo ha identificato. Si tratta di un cittadino albanese diciannovenne, incensurato. L’arrestato ha trascorso la notte nelle camere di sicurezza del Commissariato, in attesa del processo per direttissima che è stato celebrato questa mattina.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Sorpreso dall’ispettore a rubare, ladro finisce in manette su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/sorpreso-dallispettore-a-rubare-ladro-finisce-in-manette/feed/ 0
In arrivo maltempo e neve anche a bassa quota PREVISIONI METEO https://giornaleditreviglio.it/attualita/in-arrivo-maltempo-e-neve-anche-a-bassa-quota-previsioni-meteo/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/in-arrivo-maltempo-e-neve-anche-a-bassa-quota-previsioni-meteo/#respond Mon, 21 Jan 2019 13:07:50 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73406 In arrivo maltempo e neve anche a bassa quota. Anche questa volta sembra che la Bassa resterà esclusa (o parzialmente toccata) dai fenomeni nevosi attesi anche in parte del Nord. Tra lunedì e martedì prima perturbazione con precipitazioni sparse al Centrosud, poi tra mercoledì e giovedì profondo ciclone sul Mar Tirreno con maltempo, forte vento […]

Continua la lettura di In arrivo maltempo e neve anche a bassa quota PREVISIONI METEO su Giornale di Treviglio.

]]>
In arrivo maltempo e neve anche a bassa quota. Anche questa volta sembra che la Bassa resterà esclusa (o parzialmente toccata) dai fenomeni nevosi attesi anche in parte del Nord. Tra lunedì e martedì prima perturbazione con precipitazioni sparse al Centrosud, poi tra mercoledì e giovedì profondo ciclone sul Mar Tirreno con maltempo, forte vento e neve in pianura su parte del Nord.

L’inverno si fa sentire

“Saranno giornate caratterizzate da frequente maltempo, specie al Centrosud, con pioggia, neve anche a bassa quota e venti a tratti tempestosi – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara – Una prima perturbazione agirà tra lunedì e martedì al Centrosud portando piogge sparse, localmente a carattere temporalesco su tirreniche e al Sud. Neve al Centro oltre i 500-1000m ma in calo in collina tra Toscana, Umbria, Marche se non a tratti fin sulle pianure interne dalla sera di martedì (non esclusi fiocchi anche a Firenze). Qualche debole nevicata a tratti in pianura o comunque in collina potrà interessare anche Emilia orientale e Romagna (possibile debole neve a Bologna). Neve oltre i 1000-1500m al Sud ma in calo sin sotto i 1000m tra Campania, Molise, Puglia e Basilicata. In questa fase il Nord sarà fuori dai giochi, fatta eccezione per l’Emilia Romagna, ma con tendenza a peggioramento da martedì sera associato a qualche debole nevicata a quote basse se non in pianura su Triveneto e Liguria interna”.

Arriva il ciclone mediterraneo

“Nel frattempo un impulso polare si getterà di gran carriera direttamente dalla Groenlandia fin sul Mediterraneo centro-occidentale, dando vita un energico ciclone proprio sui nostri mari, in particolare sul Tirreno – avverte Ferrara di 3bmeteo.com – in questa fase ci attendiamo così una nuova ondata di maltempo in particolare al Centrosud, con piogge, temporali e locali grandinate specie su regioni tirreniche, Sud e Isole Maggiori. La neve cadrà anche copiosa lungo l’Appennino mediamente dai 500-1000m, con accumuli complessivi localmente superiori al mezzo metro in quota. Neve anche in collina al Centro, in particolare tra Toscana, Umbria e Marche, così come sulla Sardegna. Marginalmente coinvolto anche il Nord con qualche nevicata fino in pianura in primis sull’Emilia Romagna, Bologna inclusa, ma occasionalmente anche sulle pianure del Triveneto (qui fenomeni deboli). Un po’ di neve attesa anche tra basso Piemonte e Liguria interna, che nella serata di mercoledì potrà risalire verso medio Piemonte e pianure lombarde ma anche qui con fenomeni in genere deboli e intermittenti”.

Clima freddo e venti forti

“Le temperature subiranno un generale calo con clima freddo, specie al Centronord, ma non sarà gelo. Le correnti infatti non proverranno dalla Siberia ma, venendo dalla Groenlandia e attraversando porzioni di terra e mare in Europa, smorzeranno parzialmente la loro caratteristica fredda. Una nota di riguardo va riservata infine al vento, che soffierà a tratti forte a rotazione ciclonica su tutti i nostri mari, ma in particolare su Tirreno e Isole Maggiori, dove ci attendiamo raffiche di Ponente e Maestrale anche superiori ai 100km/h con mareggiate sui tratti esposti.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di In arrivo maltempo e neve anche a bassa quota PREVISIONI METEO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/in-arrivo-maltempo-e-neve-anche-a-bassa-quota-previsioni-meteo/feed/ 0
Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” https://giornaleditreviglio.it/attualita/monete-da-1-e-2-cent-stop-al-conio-dei-ramini/ Mon, 21 Jan 2019 10:40:00 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73398 Le monete da 1 e 2 cent saranno solo un ricordo: la Zecca di Stato dal 1° gennaio 2019 ha infatti smesso di coniarle. Stop alle monete da 1 e 2 centesimi Dal 1° gennaio 2019, la Zecca di Stato ha smesso di coniare le monete da 1 e 2 centesimi, e ora è arrivata […]

Continua la lettura di Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” su Giornale di Treviglio.

]]>
Le monete da 1 e 2 cent saranno solo un ricordo: la Zecca di Stato dal 1° gennaio 2019 ha infatti smesso di coniarle.

Stop alle monete da 1 e 2 centesimi

Dal 1° gennaio 2019, la Zecca di Stato ha smesso di coniare le monete da 1 e 2 centesimi, e ora è arrivata una norma che sancisce, per i negozianti, il diritto di arrotondare arrotondare per difetto ed eccesso al multiplo di 5 più vicinio, e quindi a non restituire il resto in monetine. Monetine che un po’ per volta andranno a sparire anche dai nostri portafogli. I cosiddetti “ramini” rimarranno comunque in circolazione fino al loro esaurimento: si calcola, infatti, che ce ne siano in circolazione ancora circa 7 miliardi.

Ma quali sono i vantaggi?

Le prime che guadagneranno dallo stop del conio sono le casse dello Stato. Produrre una monetina da un centesimo costa poco meno del suo valore (0,00906 euro), farne una da due invece è un po’ più caro: 0,01136 (poco più di un centesimo). Calcolando che nell’ultimo anno di produzione sono stati commissionati 260 milioni di pezzi da 1 centesimo e 150 milioni di pezzi da 2 centesimi, lo Stato ha previsto complessivamente un risparmio di quasi 20 milioni di euro.

Passando all’aspetto pratico, è indubbio che si tratta di monete non facilmente utilizzabili: spesso ce le ritroviamo a riempirci il portafoglio, ma nella maggioranza dei casi non vengono accettate neanche dalle macchinette per la sosta dell’auto o da quelle che distribuiscono merende, bibite e caffè.

Il confronto con gli altri Paesi

Come già detto, le monete in circolazione avranno comunque valore legale anche nel periodo di sospensione e dunque potranno essere usate ancora nei pagamenti. C’è da considerare però che l’Italia conia monete insieme ad altri Paesi europei e dunque potranno circolare sul territorio anche centesimi “esteri”.

Infatti, mentre l’emissione delle banconote è competenza della Banca Centrale Europea, quella del monete spetta ai singoli Paesi e ogni Stato può procedere per conto proprio. Come in Italia, anche in Irlanda (da ottobre 2015), nei Paesi Bassi (da settembre 2004) e in Belgio (dal 2014), gli esercizi sono già liberi di arrotondare i prezzi ai 5 centesimi più vicini, mentre in Finlandia la regola della correzione del prezzo è un obbligo già dall’introduzione dell’euro.

Continua la lettura di Monete da 1 e 2 cent: stop al conio dei “ramini” su Giornale di Treviglio.

]]>
Sparita nel nulla: si cerca Elena, 14 anni https://giornaleditreviglio.it/cronaca/sparita-nel-nulla-si-cerca-elena-14-anni/ Mon, 21 Jan 2019 08:49:51 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73383 Scomparsa Elena, 14enne di Pioltello: è uscita per andare a scuola, non è più tornata. La famiglia la cerca disperatamente, anche nei territori limitrofi, diffuso anche un appello sul noto programma Rai “Chi l’ha visto?”. Scomparsa 14enne di Pioltello Elena, 14 anni, studentessa, vive a Pioltello (Milano) con si suoi genitori, riportano i colleghi di […]

Continua la lettura di Sparita nel nulla: si cerca Elena, 14 anni su Giornale di Treviglio.

]]>
Scomparsa Elena, 14enne di Pioltello: è uscita per andare a scuola, non è più tornata. La famiglia la cerca disperatamente, anche nei territori limitrofi, diffuso anche un appello sul noto programma Rai “Chi l’ha visto?”.

Scomparsa 14enne di Pioltello

Elena, 14 anni, studentessa, vive a Pioltello (Milano) con si suoi genitori, riportano i colleghi di Settegiorni.it. Lunedì 14 gennaio, intorno alle 7.30, è uscita da casa per andare a scuola. In classe però non è mai entrata e nessuno dei suoi compagni l’ha vista fuori dall’istituto. In giornata sua mamma ha ricevuto una serie di chiamate da un uomo che le ha detto che la figlia era in compagnia di un ragazzo maggiorenne. Ha con sè solo i suoi documenti e uno zaino rosa. Ha capelli e occhi castani, è alta 1,65, al momento della scomparsa indossava giubbino nero, body nero, pantalone nero e scarpe da ginnastica bianche. Aveva uno zaino rosa.

Continua la lettura di Sparita nel nulla: si cerca Elena, 14 anni su Giornale di Treviglio.

]]>
Partito lo sciopero Atm, ecco chi va e chi no https://giornaleditreviglio.it/attualita/partito-lo-sciopero-atm-ecco-chi-va-e-chi-no/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/partito-lo-sciopero-atm-ecco-chi-va-e-chi-no/#respond Mon, 21 Jan 2019 08:40:03 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73380 E’ iniziato questa mattina, lunedì 21 gennaio 2019, alle  8,45 lo sciopero nazionale di 4 ore che proseguirà fino alle 12.45 e che coinvolge il trasporto pubblico. Sciopero Atm al via La circolazione sulla linea M1 prosegue regolare sull’intera tratta. Sulla linea M2 la circolazione è garantita tra Cascina Gobba e Abbiategrasso mentre è sospesa […]

Continua la lettura di Partito lo sciopero Atm, ecco chi va e chi no su Giornale di Treviglio.

]]>
E’ iniziato questa mattina, lunedì 21 gennaio 2019, alle  8,45 lo sciopero nazionale di 4 ore che proseguirà fino alle 12.45 e che coinvolge il trasporto pubblico.

Sciopero Atm al via

La circolazione sulla linea M1 prosegue regolare sull’intera tratta. Sulla linea M2 la circolazione è garantita tra Cascina Gobba e Abbiategrasso mentre è sospesa nelle tratte Assago-Famagosta e Cascina Gobba-Gessate/Cologno. La linea M3 effettua servizio tra Maciachini e Porta Romana. Circolazione sospesa tra Maciachini e Comasina e tra San Donato e Porta Romana. La circolazione della linea M5 viene gradualmente sospesa.

In superficie possibili riduzioni del servizio dovute al traffico intenso.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Partito lo sciopero Atm, ecco chi va e chi no su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/partito-lo-sciopero-atm-ecco-chi-va-e-chi-no/feed/ 0
Strada ghiacciata auto finisce nel fosso https://giornaleditreviglio.it/cronaca/strada-ghiacciata-auto-finisce-nel-fosso/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/strada-ghiacciata-auto-finisce-nel-fosso/#respond Mon, 21 Jan 2019 08:33:38 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73371 E’ successo alle questa mattina a . La strada ghiacciata e la scarsa visibilità le cause dell’incidente. Strada ghiacciata finisce nel fosso con l’auto Stava andando al lavoro vicino a Milano quando il ghiaccio lo ha tradito ed è finito con l’auto nel fosso. Un 55enne di Casale Cremasco stava percorrendo la strada tra Vidolasco […]

Continua la lettura di Strada ghiacciata auto finisce nel fosso su Giornale di Treviglio.

]]>
E’ successo alle questa mattina a . La strada ghiacciata e la scarsa visibilità le cause dell’incidente.

Strada ghiacciata finisce nel fosso con l’auto

Stava andando al lavoro vicino a Milano quando il ghiaccio lo ha tradito ed è finito con l’auto nel fosso. Un 55enne di Casale Cremasco stava percorrendo la strada tra Vidolasco e Castel Gabbiano quando, all’altezza della curva del Castello ha perso il controllo dell’auto ed è finito in un fosso. La Fiat Punto ha sbandato sopra una lastra di ghiaccio. Fortunatamente l’uomo, vista anche la scarsa visibilità, stava procedendo a velocità moderata, ed è uscito incolume dall’incidente.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Strada ghiacciata auto finisce nel fosso su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/strada-ghiacciata-auto-finisce-nel-fosso/feed/ 0
Blitz antidroga a Ghisalba, arrestati 3 spacciatori https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-a-ghisalba-arrestati-3-spacciatori/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-a-ghisalba-arrestati-3-spacciatori/#respond Mon, 21 Jan 2019 07:57:39 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73375 Ieri pomeriggio i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno effettuato un blitz antidroga a Ghisalba arrestando complessivamente in flagranza di reato 3 marocchini,due uomini e una donna. Blitz antidroga a Ghisalba I tre, con un’età compresa tra i 25 e i 27 anni, di cui due regolari ed un clandestino, sono stati trovati in totale […]

Continua la lettura di Blitz antidroga a Ghisalba, arrestati 3 spacciatori su Giornale di Treviglio.

]]>
Ieri pomeriggio i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno effettuato un blitz antidroga a Ghisalba arrestando complessivamente in flagranza di reato 3 marocchini,due uomini e una donna.

Blitz antidroga a Ghisalba

I tre, con un’età compresa tra i 25 e i 27 anni, di cui due regolari ed un clandestino, sono stati trovati in totale in possesso di circa mezzo kg di hashish ed oltre un etto di cocaina. Da tempo in via Ghidini a Ghisalba si notava un certo via vai di magrebini e di tossicodipendenti, al punto tale da spingere i militari dell’Arma ad organizzare una mirata operazione antidroga. Dapprima i militari hanno fermato un 25nne marocchino, regolare in Italia, trovato in possesso di 7 dosi di cocaina, successivamente, invece, hanno fatto irruzione in un appartamento, dove due degli occupanti si erano letteralmente rinchiusi, costringendo difatti i Carabinieri a far intervenire anche i Vigili del Fuoco.

Hashish e cocaina

I due occupanti, una donna marocchina 25enne regolare ed un 27enne, suo connazionale irregolare colpito tra l’altro anche da un decreto di espulsione emesso a suo carico nell’ottobre 2017 dalla Questura di Bergamo, hanno invece tentato di disfarsi di un borsello con all’interno 8 panetti di hashish con il simbolo del “delfino” (segno distintivo della specifica partita di droga), di due bilancini di precisione, di denaro contante per alcune decine di euro ed inoltre materiale vario per il confezionamento della droga, recuperato inoltre più di un etto di cocaina in un altro involucro. Recuperati poi altri soldi in una borsa della donna, per un valore complessivo di oltre 1000 euro.

Tre arrestati

I tre sono stati quindi arrestati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Treviglio. Il primo marocchino, trovato in possesso di 7 dosi, verrà processato in mattinata “per direttissima”, gli altri due, invece, su disposizione del PM di turno, sono stati tradotti in carcere a Bergamo dove verranno appunto sottoposti nei prossimi giorni ad interrogatorio di convalida davanti al GIP del Tribunale di Bergamo. Recuperati e sequestrati, inoltre, un tablet, dei telefoni cellulari ed una patente intestata ad un terza persona. Gli investigatori dell’Arma ritengono che si tratti di beni consegnati da acquirenti di droga come contropartita dello stupefacente. Su questo comunque ci saranno ulteriori indagini di approfondimento.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Blitz antidroga a Ghisalba, arrestati 3 spacciatori su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/blitz-antidroga-a-ghisalba-arrestati-3-spacciatori/feed/ 0
Rivoluzione viabilità a Boltiere, giù un vecchio edificio per la ciclopedonale https://giornaleditreviglio.it/attualita/rivoluzione-viabilita-a-boltiere-giu-un-vecchio-edificio-per-la-ciclopedonale/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/rivoluzione-viabilita-a-boltiere-giu-un-vecchio-edificio-per-la-ciclopedonale/#respond Mon, 21 Jan 2019 07:09:33 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73368 Continua la Rivoluzione viabilità a Boltiere. La parola d’ordine è sempre la stessa: «Favorire la mobilità dolce e la sicurezza di pedoni e ciclisti». Ma l’ultimo cambiamento pensato dalla Giunta sarà molto più di questo: il volto del centro storico cambierà completamente. Quest’ultimo e il «Parco Primo Maggio» saranno collegati da un percorso ciclopedonale, realizzato […]

Continua la lettura di Rivoluzione viabilità a Boltiere, giù un vecchio edificio per la ciclopedonale su Giornale di Treviglio.

]]>
Continua la Rivoluzione viabilità a Boltiere. La parola d’ordine è sempre la stessa: «Favorire la mobilità dolce e la sicurezza di pedoni e ciclisti». Ma l’ultimo cambiamento pensato dalla Giunta sarà molto più di questo: il volto del centro storico cambierà completamente. Quest’ultimo e il «Parco Primo Maggio» saranno collegati da un percorso ciclopedonale, realizzato abbattendo l’edificio fatiscente di vicolo Zenoni sulla cui superficie, oltre alla ciclopedonale, sarà realizzato anche un nuovo parcheggio a servizio del centro storico, sempre con un occhio di riguardo per l’impatto ambientale delle opere che, assicura l’Amministrazione, sarà il più basso possibile.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Rivoluzione viabilità a Boltiere, giù un vecchio edificio per la ciclopedonale su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/rivoluzione-viabilita-a-boltiere-giu-un-vecchio-edificio-per-la-ciclopedonale/feed/ 0
Pellegrinaggio in crociera, i nuovi fedeli preferiscono il comfort https://giornaleditreviglio.it/attualita/pellegrinaggio-in-crociera-i-nuovi-fedeli-preferiscono-il-comfort/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/pellegrinaggio-in-crociera-i-nuovi-fedeli-preferiscono-il-comfort/#respond Mon, 21 Jan 2019 06:57:31 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73365 Se la parola pellegrinaggio vi fa venire in mente lunghe camminate, fatica, sudore e magari anche piedi nudi o scale fatte in ginocchio per un voto particolare sappiate che oggi come oggi anche i fedeli scelgono il comfort. Partirà da Bergamo, Brescia e Milano il 5 maggio il primo pellegrinaggio in crociera. Pellegrinaggio in crociera […]

Continua la lettura di Pellegrinaggio in crociera, i nuovi fedeli preferiscono il comfort su Giornale di Treviglio.

]]>
Se la parola pellegrinaggio vi fa venire in mente lunghe camminate, fatica, sudore e magari anche piedi nudi o scale fatte in ginocchio per un voto particolare sappiate che oggi come oggi anche i fedeli scelgono il comfort. Partirà da Bergamo, Brescia e Milano il 5 maggio il primo pellegrinaggio in crociera.

Pellegrinaggio in crociera

Sarà la prima crociera religiosa e partirà proprio da Brescia, Bergamo e Milano domenica mattina 5 maggio per raggiungere a bordo di “Costa Magica” Spagna, Portogallo, Francia, Gran Bretagna, Olanda e Svezia. Tredici giorni e 12 notti di itinerario mozzafiato, che alternerà momenti di svago, ma anche di preghiera a bordo della nave, e la visita di luoghi sacri che accolgono ogni anno milioni di pellegrini. I fedeli a bordo visiteranno la cattedrale di Tarragona, in Spagna, il santuario di Fatima, in Portogallo e quello di Santiago de Compostela. Dopo la visita ai luoghi sacri sarà la volta di Cherbourg, in Francia e di Harwich, in Gran Bretagna. Quindi toccherà ad Amsterdam e poi la nave farà tappa verso Stoccolma. “Seguiranno due giorni di navigazione e come tali – spiegano gli orgnizzatori – rilassamento, preghiera e raccoglimento saranno i protagonisti di questi giorni in viaggio verso Stoccolma.”. Un pellegrinaggio davvero “sui generis”. Finito il tempo dei sandali e delle mulattiere i nuovi itinerari della fede passano via mare, a bordo di lussuose navi da crociera.

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Pellegrinaggio in crociera, i nuovi fedeli preferiscono il comfort su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/pellegrinaggio-in-crociera-i-nuovi-fedeli-preferiscono-il-comfort/feed/ 0
Da Palermo a Bergamo pranzo di gala per lottare contro un tumore https://giornaleditreviglio.it/attualita/da-palermo-a-bergamo-pranzo-di-gala-per-lottare-contro-un-tumore/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/da-palermo-a-bergamo-pranzo-di-gala-per-lottare-contro-un-tumore/#respond Mon, 21 Jan 2019 06:15:26 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73360 Domenica 27 gennaio alle ore 12.30 all’interno della splendida location dell’Agriturismo Antico Benessere di Fara Gera d’Adda avrà luogo il pranzo di beneficenza volto a raccogliere fondi per Lucia, giovane ragazza ventitrenne affetta da un osteoma della coroide, tumore benigno che si è manifestato all’interno dell’occhio e che la sta portando alla cecità. Il tumore […]

Continua la lettura di Da Palermo a Bergamo pranzo di gala per lottare contro un tumore su Giornale di Treviglio.

]]>

Domenica 27 gennaio alle ore 12.30 all’interno della splendida location dell’Agriturismo Antico Benessere di Fara Gera d’Adda avrà luogo il pranzo di beneficenza volto a raccogliere fondi per Lucia, giovane ragazza ventitrenne affetta da un osteoma della coroide, tumore benigno che si è manifestato all’interno dell’occhio e che la sta portando alla cecità.

Il tumore la renderà cieca ma le cure sono troppo care

Questi tumori, costituiti da tessuto osseo, si sviluppano nei vasi sanguigni costituenti lo strato coroideale situato al di sotto della retina ed essendo localizzato nei pressi del nervo ottico porta velocemente alla perdita di visione, in quanto esso ostacola il corretto afflusso di sangue verso la parte superiore della retina.
“La sola cura, sperimentale, è negli Stati Uniti a Philadelphia, ma Lucia non hai i mezzi per affrontare nè il viaggio nè le cure – ha scritto Verzara nel suo appello – ed essendo orfana di mamma con un papà disoccupato, la sua situazione è ancor più dolorosa. Sono certa che in molti non rimarranno indifferenti e saranno presenti domenica 27 gennaio alla giornata che vuole essere di festa e con un fine benefico. Insieme possiamo accendere la luce di questa giovane vita che rischia di essere condannata all’invalidità più terribile che si possa immaginare”.

Pranzo di Gala per raccolta fondi

“Lucia – afferma Alessandra Verzera, nota giornalista gastronomica e promotrice del pranzo di gala di beneficenza – ha uno stato avanzato del tumore e io, insieme agli chef  Gianfranco Dainotti e Cinzia Fumagalli (nella foto) stiamo cercando di raccogliere fondi per aiutarla ad evitare la cecità assoluta. Nell’evento o promosso da  Alessandra Verzera gli chef lombardi Gianfranco Dainotti e la Top Chef Italia Cinzia Fumagalli firmeranno il menù. Ambedue si sono resi subito disponibili appena hanno letto la richiesta della giornalista Verzera, che sui social, ha lanciato un appello al settore del quale si occupa: la ristorazione. L’idea è di un pranzo di gala che avrà come scopo il fundraising e la raccolta di denaro sufficiente a mettere Lucia su un volo nella speranza che possa servire a fermare la malattia.“Io ci sono incondizionatamente!” – ha fatto sapere Cinzia Fumagalli, che si è detta disposta anche ad annullare altri eventi per dare la propria mano a Lucia.“Come si fa a rimanere indifferenti?” – ha detto lo chef Dainotti.  “Lucia è la figlia di ognuno di noi, già colpita duramente negli affetti con la perdita della mamma. Dobbiamo tenere accesa la sua luce il più a lungo possibile”.

Da Palermo a Bergamo per trovare aiuto

“Ringrazio gli chef che hanno aderito. A quanto pare i cuochi e gli chef palermitani e siciliani preferiscono altro tipo di passerelle, e sono poco inclini alla beneficenza. Non ho avuto da parte di Palermo nessun tipo di riscontro. Sono vagamente delusa dalla totale indifferenza dei tantissimi cuochi che pure conosco e mi conoscono. Il mio appello è stato raccolto in luoghi ben lontani da Palermo, ed è stato lo chef Gianfranco Dainotti, da Cremona, a prendere in mano la situazione e ad attivare un tam tam incredibile nel volgere di poche ore. Immediatamente dopo si è fatta avanti la Top Chef Italia Cinzia Fumagalli, anche lei lombarda, con un’idea di menù a 4 mani degno veramente di nota spiega la Verzerza – inoltre, sottolineo che saremo in un luogo di una bellezza particolare, che è un agriturismo di prestigio: l’Agriturismo Antico Benessere di Fara Gera d’Adda. Un luogo splendido nel quale, grazie alla generosità dei titolari, Lucia e la sua accompagnatrice trascorreranno la notte in una camera messa a loro disposizione. Sarà di fatto un pranzo di gala, in cui ogni partecipante pagherà il costo di un pasto di alto livello in una bella location realizzato da firme prestigiose. I proventi della serata saranno consegnati a Lucia in forma di assegno. Un particolare grazie a tutti coloro che aderiranno, come Sturiale, Antica Salumeria e Riberella, Consorzio di Tutela Arancia di Ribera DOP. Grazie a tutte le aziende che, chi sotto forma di prodotti per l’evento, chi in denaro, sta sposando la causa”

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Da Palermo a Bergamo pranzo di gala per lottare contro un tumore su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/da-palermo-a-bergamo-pranzo-di-gala-per-lottare-contro-un-tumore/feed/ 0
Villa d’Adda ancora sul tetto d’Italia con Hammer: Valeriani è Birraio dell’anno 2019 https://giornaleditreviglio.it/economia/villa-dadda-hammer-valeriani-birraio-dellanno-2019/ Sun, 20 Jan 2019 19:45:04 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73354 Primo due anni fa, secondo lo scorso anno, ancora primo oggi: se ancora ci fosse stato qualche dubbio circa il fatto che il brianzolo Marco Valeriani è la punta di diamante nel panorama birrario italiano, è stato ormai spazzato via. Almeno stando al podio del premio Birraio dell’anno 2019, che ha visto primeggiare oggi, domenica 20 […]

Continua la lettura di Villa d’Adda ancora sul tetto d’Italia con Hammer: Valeriani è Birraio dell’anno 2019 su Giornale di Treviglio.

]]>
Primo due anni fa, secondo lo scorso anno, ancora primo oggi: se ancora ci fosse stato qualche dubbio circa il fatto che il brianzolo Marco Valeriani è la punta di diamante nel panorama birrario italiano, è stato ormai spazzato via. Almeno stando al podio del premio Birraio dell’anno 2019, che ha visto primeggiare oggi, domenica 20 gennaio 2019, a Firenze, il creatore delle apprezzatissime produzioni del birrificio Hammer di Villa d’Adda (Bg).

Villa d'Adda ancora sul tetto d'Italia con Hammer: Valeriani è Birraio dell'anno 2019

Birraio dell’anno a Hammer

Insomma, la piccola Villa d’Adda di nuovo sul tetto d’Italia nel secondo concorso birrario per importanza (dopo il premio “Birra dell’anno” di Unionbirrai, che sarà assegnato fra meno di un mese alla fiera Beer Attraction di Rimini e che ha visto lo scorso anno Hammer al terzo posto assoluto), indetto dal network Fermento Birra. Una consacrazione, in ogni caso, per il birrificio nato solo nel 2015 in via Chioso.

Villa d'Adda ancora sul tetto d'Italia con Hammer: Valeriani è Birraio dell'anno 2019
Valeriani oggi a Firenze con Lorenzo “Kuaska” Dabove, massimo esperto birrario in Italia

Villa d’Adda sul tetto d’Italia

Soddisfatti gli imprenditori Fausto Brigati e il fratello Roberto (che già guidano una fabbrica metalmeccanica a Carvico, da qui il riferimento ad Hammer, il martello), insieme a Letizia Zoia e al secondo birraio Matteo Palmisano.

Birraio dell'anno Villa d'Adda con Hammer sul tetto d'Italia
Valeriani tra i fratelli Fausto e Roberto Brigati abbraccia il secondo birraio Matteo Palmisano

Il mago delle IPA… e delle birre scure

Marco Valeriani è considerato il “mago delle ipa” (le birre luppolate “all’americana” ormai da qualche anno in cima alle preferenze degli appassionati), ma negli anni ha saputo imporsi anche come alchimista delle birre scure, come porter, stout e black ipa. E’ originario di Meda, abita a Seregno. E prima metteva la faccia sulle sue creazioni al birrificio Menaresta di Carate Brianza (anche letteralmente, con tanto di caricatura sulle etichette).

Birre scure artigianali da scoprire a Villa D'Adda: Hammer Dark Fest 2018: Marco Valeriani e Fausto Brigati
Marco Valeriani e Fausto Brigati lo scorso anno a Rimini

Il premio di Fermento Birra

Il premio assegnato da Fermento Birra tende a valutare la bravura tecnica del birraio nel suo complesso, la sua filosofia, la costanza qualitativa dei prodotti. Un’affermazione personale per Valeriani che non potrà che amplificare ulteriormente la popolarità anche del brand villadaddese, ormai “di culto” per gli appassionati delle artigianali.

Gli altri premiati: c’è anche il Lariano

A Firenze è arrivato secondo il birraio Giovanni Faenza di Ritual Lab (Roma), terzo un altro lombardo, ovvero Luigi “Schigi” D’Amelio di Extraomnes (Marnate, Varese), Conor Gallagher-Deeks di Hilltop (Roma) e, al quinto posto, Cecilia Scisciani e Matteo Pomposini di MC-77 (Marche) a pari merito con Emanuele Longo del birrifico Lariano di Sirone, in Provincia di Lecco (che ha il suo storico locale, Statale 52, a La Valletta Brianza).

Tra gli emergenti, Luca Tassinati di Altotevere (Perugia), che ha preceduto Umberto Calabria di Jungle Juice (Roma), Giorgio Masio di Altavia (Savona), Adriano Giulioni di Babylon (Marche) e Alessandro Sanna e Federico Bianco di Bellazzi (Bologna).

daniele.pirola@netweek.it

Continua la lettura di Villa d’Adda ancora sul tetto d’Italia con Hammer: Valeriani è Birraio dell’anno 2019 su Giornale di Treviglio.

]]>
Omicidio Erbusco: dalla sparizione al ritrovamento di Stefania Crotti https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-erbusco-dalla-sparizione-al-ritrovamento-del-cadavere-di-stefania-crotti/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-erbusco-dalla-sparizione-al-ritrovamento-del-cadavere-di-stefania-crotti/#respond Sun, 20 Jan 2019 18:32:52 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73348 Un biglietto con scritto «Ti amo». Stefania Crotti, la 42enne trovata morta nel bresciano, probabilmente pensava fosse scritto dal pugno del marito. Quest’oggi i carabinieri di Bergamo hanno ricostruito, fase per fase, l’omicidio di Erbusco. L’adescamento Stefania Crotti, scomparsa giovedì a Cenate Sotto, è stata trovata carbonizzata venerdì pomeriggio. All’uscita dal lavoro, lo scorso giovedì, ha […]

Continua la lettura di Omicidio Erbusco: dalla sparizione al ritrovamento di Stefania Crotti su Giornale di Treviglio.

]]>
Un biglietto con scritto «Ti amo». Stefania Crotti, la 42enne trovata morta nel bresciano, probabilmente pensava fosse scritto dal pugno del marito. Quest’oggi i carabinieri di Bergamo hanno ricostruito, fase per fase, l’omicidio di Erbusco.

L’adescamento

Stefania Crotti, scomparsa giovedì a Cenate Sotto, è stata trovata carbonizzata venerdì pomeriggio. All’uscita dal lavoro, lo scorso giovedì, ha trovato un uomo ad attenderla. Si trattava di un complice, seppur inconsapevole, di Chiara Alessandri, ex amante del marito di lei e rea confessa dell’omicidio. Il compito dell’uomo era quello di consegnare alla vittima una rosa e un biglietto con il quale l’assassina offriva un non meglio specificato incontro. Stefania Crotti si è lasciata bendare ed è salita in macchina, pensando probabilmente che fosse stato il marito, Stefano Del Bello, a organizzare l’appuntamento. Giunti nel box sotterraneo del palazzo di  Alessandri, quest’ultima ha preso in consegna la vittima, congedando l’autista.

L’omicidio

Nelle quattro mura del garage si è consumato l’assassinio e nonostante il contesto lasci pensare a un’imboscata,  Alessandri ha dichiarato che l’omicidio sarebbe arrivato al culmine di un litigio. La vittima è stata colpita alla testa con un martello (parzialmente arso nel rogo del corpo) e infilata nel bagagliaio del Mercedes Classe B dell’omicida, che l’ha scaricata in una strada di campagna del bresciano, prima di darle fuoco. Nonostante il corpo bruciato e l’impossibilità di risalire alle impronte digitali, la fede nuziale ha dato agli inquirenti la pista che sabato ha condotto al fermo della donna.

 

L’interrogatorio

Dopo un lungo interrogatorio, Chiara  Alessandri ha confessato l’omicidio, ma non di aver bruciato il corpo. Secondo la sua versione, l’appuntamento era veramente un’occasione per riappacificarsi, ma gli inquirenti devono ancora verificare alcune parti della sua storia. Ora si trova in carcere a Brescia con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Omicidio Erbusco: dalla sparizione al ritrovamento di Stefania Crotti su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/omicidio-erbusco-dalla-sparizione-al-ritrovamento-del-cadavere-di-stefania-crotti/feed/ 0
Sparito il presepe dalla tomba del figlio, l’amara scoperta del padre https://giornaleditreviglio.it/attualita/sparito-il-presepe-dalla-tomba-del-figlio-lamara-scoperta-del-padre/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/sparito-il-presepe-dalla-tomba-del-figlio-lamara-scoperta-del-padre/#respond Sun, 20 Jan 2019 16:00:27 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73227 Continua l’escalation dei furti al cimitero. Questa volta è toccato al camposanto di Basella di Urgnano e a darne notizia è Paolo Campana, che ha denunciato il furto di un presepe posto sulla tomba del figlio, volato in cielo prematuramente poche ore dopo la nascita. Il presepe ha resistito per il periodo natalizio per poi […]

Continua la lettura di Sparito il presepe dalla tomba del figlio, l’amara scoperta del padre su Giornale di Treviglio.

]]>
Continua l’escalation dei furti al cimitero. Questa volta è toccato al camposanto di Basella di Urgnano e a darne notizia è Paolo Campana, che ha denunciato il furto di un presepe posto sulla tomba del figlio, volato in cielo prematuramente poche ore dopo la nascita. Il presepe ha resistito per il periodo natalizio per poi sparire il 12 gennaio. “Spero che tra 11 mesi, quando farà il presepe a casa sua con le nostre statuine, pensi con una preghiera a nostro figlio” ha commentato Campana dopo la scoperta.

Leggi di più su Giornale di Treviglio

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Sparito il presepe dalla tomba del figlio, l’amara scoperta del padre su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/sparito-il-presepe-dalla-tomba-del-figlio-lamara-scoperta-del-padre/feed/ 0
Pallavolo, New volley Adda espugna Curno https://giornaleditreviglio.it/sport/pallavolo-new-volley-adda-espugna-curno/ Sun, 20 Jan 2019 14:25:40 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73344 New Volley Adda, bella vittoria sul campo di Curno.  Risultato esaltante delle ragazze di coach Guarneri che sbancano il parquet del Volley Curno, già battuto all’andata, con un risultato rotondo (3-0) e ancor più confortante. New Volley Adda corsaro a Curno Serviva una seconda vittoria contro la pari classifica del girone D di serie C, […]

Continua la lettura di Pallavolo, New volley Adda espugna Curno su Giornale di Treviglio.

]]>
New Volley Adda, bella vittoria sul campo di Curno.  Risultato esaltante delle ragazze di coach Guarneri che sbancano il parquet del Volley Curno, già battuto all’andata, con un risultato rotondo (3-0) e ancor più confortante.

New Volley Adda corsaro a Curno

Serviva una seconda vittoria contro la pari classifica del girone D di serie C, per poter sfruttare a pieno il winter bonus da far valere nel corso di questa stagione, e la NVA l’ha confezionata regalando ai tifosi che l’hanno seguita una serata emozionante. E’ stata una gara sempre saldamente nelle mani delle cassanesi, ordinate e speculari, che hanno  tenuto sempre a distanza di sicurezza Curno mettendo in campo i propri pregi tecnico- tattici, regalando poco e nulla alle avversarie.

La prossima sfida

Ora, dopo il prossimo week-end di riposo, la ripresa del campionato  vedrà le cassanesi impegnate sabato 2 febbraio  al PalaSansona con la Virtus Ponti che naviga in zona retrocessione.

Il tabellino

NVA: Francesca Volontè, Paola Passerini, Chiara Passerini, Chiara Giuliani, Francesca Lodetti, Giulia Foglio, Martina Riva, Elena De Vita (L), Elisa Biffi, Susan
Dendena, Gloria Castellazzi, Gloria Oluyede. All. Santina Guarneri, Dir. Matteo Zerbi.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Continua la lettura di Pallavolo, New volley Adda espugna Curno su Giornale di Treviglio.

]]>
Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa https://giornaleditreviglio.it/attualita/allarme-listeria-richiamati-lotti-di-insalata-mista-capricciosa/ Sun, 20 Jan 2019 13:18:33 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73341 Dopo le verdure surgelate, anche l’insalata. Un nuovo richiamo dal commercio per rischio di contaminazione da Listeria è stato infatti pubblicato sul sito del Ministero della Salute. Allarme listeria Si tratta di due lotti dell’ “Insalata mista Capricciosa” a marchio FIRST e commercializzata dall’azienda L’Alco Grandi Magazzini spa via Grandi n 20 Brescia ed il […]

Continua la lettura di Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa su Giornale di Treviglio.

]]>
Dopo le verdure surgelate, anche l’insalata. Un nuovo richiamo dal commercio per rischio di contaminazione da Listeria è stato infatti pubblicato sul sito del Ministero della Salute.

Allarme listeria

Si tratta di due lotti dell’ “Insalata mista Capricciosa” a marchio FIRST e commercializzata dall’azienda L’Alco Grandi Magazzini spa via Grandi n 20 Brescia ed il richiamo è in via “cautelativa” per la “possibile presenza” del batterio. Per questo, i cittadini sono invitati a non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita.

Insalata capricciosa

Il richiamo riguarda l’ “Insalata mista Capricciosa 150g’, lotti 15L6M255 e 16L6M255 con scadenza 22 e 23/01/2019 a marchio FIRST, prodotta da Facchini srl nell’azienda di Poncarale alla via Martiri Della Libertà n 23. In via cautelativa, il Ministero salute, raccomanda di non consumare l’insalata con i numeri di lotto segnalati. E’ l’ennesimo richiamo in Italia – dopo le verdure surgelate Freshona, i minestroni Findus e un lotto di mix di verdure surgelate a marchio Pinguin – a causa del focolaio europeo di listeriosi che dal 2015 ha causato 47 casi, di cui 9 fatali. In Italia, tuttavia, non c’è ad oggi una situazione di allarme poichè, come già assicurato dal ministro della Salute Giulia Grillo, nel nostro Paese ci sono “pochissime” partite di verdure surgelate a rischio.

Obbligo etichetta di origine

Ora, però, il pericolo di contaminazione si estende anche a prodotti non surgelati: per questo, chiede Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , contro il pericolo listeria “occorre introdurre subito l’obbligo dell’etichetta d’origine, per tutelare i consumatori in una situazione che vede oggi due prodotti su tre venduti in Italia provenienti dall’estero, ma anche togliere il segreto sui flussi commerciali con l’indicazione pubblica delle aziende che importano prodotti per consentire interventi rapidi e mirati. La listeriosi, spiega sul suo sito l’Istituto superiore di sanità, è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, generalmente dovuta all’ingestione di cibo contaminato, e può assumere diverse forme cliniche, dalla gastroenterite acuta febbrile alla forma invasiva. Le donne in gravidanza di solito manifestano una sindrome simil-influenzale e le infezioni contratte in gravidanza possono comportare serie conseguenze sul feto. In adulti immuno-compromessi e anziani, la listeriosi può causare meningiti, encefaliti, gravi setticemie. Queste manifestazioni cliniche sono trattabili con antibiotici, ma la prognosi nei casi più gravi è spesso infausta.  L’incubazione media è di 3 settimane, ma può prolungarsi fino a 70 giorni.

 

Continua la lettura di Allarme listeria: richiamati lotti di insalata mista capricciosa su Giornale di Treviglio.

]]>
Vailatese e centenario: gli auguri del sindaco a nonno Battista https://giornaleditreviglio.it/attualita/vailatese-e-centenario-gli-auguri-del-sindaco-a-nonno-battista/ https://giornaleditreviglio.it/attualita/vailatese-e-centenario-gli-auguri-del-sindaco-a-nonno-battista/#respond Sun, 20 Jan 2019 12:48:22 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73336 Auguri nonno Battista! Il 17 gennaio, Battista Mondonico ha compiuto 100 anni. Centenario Giovedì scorso, l’Amministrazione di Vailate si è recata a casa di un vailatese doc, nonno Battista. In veste di sindaco, Paolo Palladini ha ha omaggiato il suo concittadino di una pergamena, facendogli i più calorosi auguri per l’ambito traguardo del centenario dalla […]

Continua la lettura di Vailatese e centenario: gli auguri del sindaco a nonno Battista su Giornale di Treviglio.

]]>
Auguri nonno Battista! Il 17 gennaio, Battista Mondonico ha compiuto 100 anni.

Centenario

Giovedì scorso, l’Amministrazione di Vailate si è recata a casa di un vailatese doc, nonno Battista. In veste di sindaco, Paolo Palladini ha ha omaggiato il suo concittadino di una pergamena, facendogli i più calorosi auguri per l’ambito traguardo del centenario dalla nascita.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Vailatese e centenario: gli auguri del sindaco a nonno Battista su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/attualita/vailatese-e-centenario-gli-auguri-del-sindaco-a-nonno-battista/feed/ 0
Famiglia accampata in auto accolta dalla parrocchia https://giornaleditreviglio.it/cronaca/famiglia-accampata-in-auto-accolta-dalla-parrocchia/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/famiglia-accampata-in-auto-accolta-dalla-parrocchia/#respond Sun, 20 Jan 2019 11:00:05 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73213 Famiglia accampata in auto da mesi, originaria di Dovera, si era fermata anche nell’arena esterna del castello di Pandino. Ora è stata accolta al Tommasone. Famiglia accampata in auto Sfrattato, invalido e senza lavoro viveva da mesi con la famiglia accampata in un auto. Il 56enn,e originario di Dovera aveva raccontato il suo dramma, ma […]

Continua la lettura di Famiglia accampata in auto accolta dalla parrocchia su Giornale di Treviglio.

]]>
Famiglia accampata in auto da mesi, originaria di Dovera, si era fermata anche nell’arena esterna del castello di Pandino. Ora è stata accolta al Tommasone.

Famiglia accampata in auto

Sfrattato, invalido e senza lavoro viveva da mesi con la famiglia accampata in un auto. Il 56enn,e originario di Dovera aveva raccontato il suo dramma, ma il sindaco del suo paese, Mirco Signoron, aveva dipinto un’altra realtà. Ora la famiglia è stata accolta dalla parrocchia.

Leggi di più su CremascoWeek in edicola.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Famiglia accampata in auto accolta dalla parrocchia su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/famiglia-accampata-in-auto-accolta-dalla-parrocchia/feed/ 0
Continui insulti e violenze alla madre https://giornaleditreviglio.it/cronaca/continui-insulti-e-violenze-alla-madre/ https://giornaleditreviglio.it/cronaca/continui-insulti-e-violenze-alla-madre/#respond Sun, 20 Jan 2019 10:37:50 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73332 Continui insulti e violenze alla madre. E’ successo a Fara di Gera d’Adda. Misura cautelare per un 25enne. Allontanato dalla famiglia Costanti richieste di denaro per comprare la droga. A 25 anni viveva a casa con la madre che sottoponeva a violenze fisiche e psicologiche. Per questo il GIP del Tribunale di Bergamo, su richiesta […]

Continua la lettura di Continui insulti e violenze alla madre su Giornale di Treviglio.

]]>
Continui insulti e violenze alla madre. E’ successo a Fara di Gera d’Adda. Misura cautelare per un 25enne.

Allontanato dalla famiglia

Costanti richieste di denaro per comprare la droga. A 25 anni viveva a casa con la madre che sottoponeva a violenze fisiche e psicologiche. Per questo il GIP del Tribunale di Bergamo, su richiesta della Procura della Repubblica di Bergamo, ha emesso un’ordinanza cautelare applicativa dell’allontanamento della casa familiare nei confronti di tale giovane italiano disoccupato, residente a Fara Gera d’Adda.

Violenze alla madre

Alla base dei comportamenti violenti c’era anche la devianza legata al consumo di droghe, che spingeva il 25enne a richiedere sempre somme di denaro all’anziana madre. Il giovane era arrivato a insultare e minacciare di morte. Più volte i carabinieri sono intervenuti a casa di questa famiglia per riportare la pace. A dicembre, il 25enne, dopo aver rimproverato la madre di non averle preparato il pranzo, l’ha aggredita, spintonandola e facendola poi cadere a terra. In quell’occasione la donna dovette ricorrere alle cure mediche, con 10 giorni di prognosi per le contusioni riportate. L’emissione della misura cautelare ha permesso di allontanare da casa coattivamente l’autore del reato, interrompendo definitivamente una situazione di profondo dolore familiare.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Continui insulti e violenze alla madre su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cronaca/continui-insulti-e-violenze-alla-madre/feed/ 0
Carlo Lucarelli a Treviglio: la letteratura può cambiare la realtà? VIDEO https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/carlo-lucarelli-a-treviglio-la-letteratura-puo-cambiare-la-realta-video/ https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/carlo-lucarelli-a-treviglio-la-letteratura-puo-cambiare-la-realta-video/#respond Sun, 20 Jan 2019 09:14:45 +0000 https://giornaleditreviglio.it/?p=73327 E’ uno degli scrittori più amati d’Italia, forse il giallista per antonomasia ormai. E Carlo Lucarelli, protagonista   a Treviglio di uno degli appuntamenti più attesi della rassegna “InChiostro” al Tnt, l’ha confermato ieri sera di fronte a un teatro letteralmente gremito. Chiacchierando a braccio con la giornalista Annarita Briganti, direttrice del festival, l’inventore di Blu […]

Continua la lettura di Carlo Lucarelli a Treviglio: la letteratura può cambiare la realtà? VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>
E’ uno degli scrittori più amati d’Italia, forse il giallista per antonomasia ormai. E Carlo Lucarelli, protagonista   a Treviglio di uno degli appuntamenti più attesi della rassegna “InChiostro” al Tnt, l’ha confermato ieri sera di fronte a un teatro letteralmente gremito. Chiacchierando a braccio con la giornalista Annarita Briganti, direttrice del festival, l’inventore di Blu Notte, di DeeGiallo e del commissario De Luca ha parlato per due ore del suo ultimo romanzo, Peccato Mortale, ma anche di letteratura, di cultura, di Italia e di italiani.

carlo lucarelli a treviglio2
Il Tnt gremito ieri sera per Carlo Lucarelli

Paura eh?

Cos’è il giallo? E cosa è stato nella letteratura del Novecento? E cosa racconta dell’Italia di ieri e di oggi? Lucarelli ha trascinato il pubblico con il suo stile inconfondibile non senza una vena di autoironia. Le mani a formare un triangolo sul microfono, ha imitato il suo imitatore Fabio De Luigi raccontando come quella “divertentissima caricatura” gli  abbia “cambiato la vita”, rivelando i meccanismi di quello stile di racconto che è la cifra del suo lavoro di scrittore e di divulgatore televisivo. Il “giallo” stesso, appunto.

La letteratura può cambiare la realtà?

Carlo Lucarelli ha anche parlato della letteratura e del suo ruolo nella storia culturale dell’Italia di oggi e non solo. “Uno scrittore può cambiare la realtà?” gli ha chiesto Briganti. Ecco come ha risposto.

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Carlo Lucarelli a Treviglio: la letteratura può cambiare la realtà? VIDEO su Giornale di Treviglio.

]]>
https://giornaleditreviglio.it/cultura-e-turismo/carlo-lucarelli-a-treviglio-la-letteratura-puo-cambiare-la-realta-video/feed/ 0