A circa un anno dalle elezioni comunali, la lista civica «ViviAMonte», impegnata in questi quattro anni nel suo ruolo di opposizione, rappresentata dai consiglieri Moreno Golani e Luca D’Adamo, si prepara ad affrontare una nuova tornata elettorale.

La candidata sarà Francesca Montana

La lista, che in questi quattro anni non ha mai smesso di far sentire la sua voce, conferma la maggior parte dei componenti che si sono presentati la volta scorsa, e con la novità per Monte Cremasco di una donna in qualità di candidato sindaco per il 2019.
Presente in «Viviamonte» sin dall’inizio, Francesca Montana, ha accettato la volontà della maggioranza del gruppo rendendosi disponibile. Mestra elementare, lavora e risiede in paese da anni.

“Consapevole di poter dare il suo contributo”

«E’ consapevole di poter contare del supporto di una squadra presente e affiatata – hanno spiegato i componenti della lista civica – Il gruppo ha già contattato diversi cittadini che si sono resi disponibili ad accompagnare la lista alle prossime elezioni. Questo sarà un anno importante per fare squadra e lavorare fianco a fianco con loro al fine di costruire insieme il futuro di Monte».

Leggi anche:  Elezioni amministrative a Rivolta: già tre possibili candidati sindaco

Un appello a Golani

Ovviamente c’è anche un appello diretto a Golani, che nei giorni scorsi ha annunciato che alla fine del mandato lascerà il gruppo per «idee differenti ma senza alcun rancore».
«Il consigliere della lista, Moreno Golani, ha rilasciato una dichiarazione annunciando che tra un anno lascerà il gruppo – hanno continuato – Vogliamo cogliere l’occasione per ringraziarlo del lavoro svolto e di quello che ancora, insieme a noi, svolgerà da qui fino alla fine del mandato. Golani è stato una colonna portante del gruppo e si è dedicato al suo ruolo con costanza e dedizione. Come lui stesso ha dichiarato, e non possiamo che confermare, “nessun rancore con la squadra”, che però gli rivolge un invito pubblico, a riflettere sul fatto di continuare a dare un apporto alla lista, anche in futuro».

Tutta l’intervista su Cremasco Week, in edicola