Alla Festa della Lega stasera si parla di agricoltura. Mentre  sabato arriva l’ex ministro Roberto Calderoli, sei anni dopo la celeberrima boutade  in cui, proprio alla Festa della Lega di Treviglio, paragonò la ex ministra Cecyle Kyenge a un orango.

L’assessore Rolfi a Treviglio

Appuntamento questa sera alle 20 TreviglioFiera per un incontro organizzato nel quadro della Festa della Lega cittadina e dedicato all’agricoltura. Interverranno l’assessore regionale Fabio Rolfi, il consigliere segretario di Regione Lombardia Giovanni Malanchini, il presidente di Confagricoltura Lombardia Antonio Boselli, il presidente di Coldiretti Lombardia Paolo Voltini e l’eurodeputato Marco Campomenosi.

Pac, latte e nutrie

Dalla Pac alla guerra del latte, fino alla battaglia contro le nutrie. Si toccheranno i temi più caldi del momento quando si parla di agricoltura, partendo proprio dalle nuove regole sulla Politica agricola comunitaria.

Domani serata sull’Europa

Il programma dei dibattiti di venerdì vede al centro l’Europa. Se ne parlerà con Silvia Sardone, Angelo Ciocca, Alessandro Panza, Marco Zanni e Oscar Lancini.

Leggi anche:  Ciclismo, Il Team Bianchi Countervail conclude la sua esperienza nel mondo off-road racing

E sabato c’è Calderoli

La Festa della Lega continuerà poi sabato con l’ex ministro Roberto Calderoli. Che interverrà sullo “stesso” palco dal quale sei anni fa fece parlare di sé per aver accostato l’allora ministro Cecyle Kyenge a un orango. Rimediando poi, giusto quest’anno, una condanna in primo grado a un anno e sei mesi. Il leghista bergamasco sarà a Treviglio insieme a Daniele Belotti, Rebecca Frassini, Simona Pegreffi, Alessandro Morelli, Gianna Gancia. Ma insieme a loro ci sarà anche il senatore spiranese Tony Iwobi (che non è congolese come la ex ministra del governo Letta ma di origine nigeriana).

Domenica c’è Grimoldi

La festa del Carroccio trevigliese proseguirà anche domenica. Sul palco sono attesi in serata il segretario nazionale della Lega Paolo Grimoldi, Massimiliano Romeo, Riccardo Bolinari, Guido Guidesi e Cristian Invernizzi.

TORNA ALLA HOME