Scricchiola la Giunta in Consiglio, l’assessore Luciano Fratus si astiene nella votazione del bilancio di previsione di ieri, giovedì.

Assessore si astiene

Un gesto carico di significato quello di ieri sera in Consiglio, considerando che in primavera il Comune andrà alle elezioni e che il bilancio è il documento più importante di una Amministrazione. All’ordine del giorno del Consiglio comunale di giovedì c’era la variazione finale del bilancio di previsione del 2018 e la ragioniera Emilia Giulivi ha spiegato le ultime variazioni nei diversi capitoli di spesa, date da variazioni di entrate e uscite, per raggiungere il pareggio di bilancio. In particolare è stato rivisto l’utilizzo dell’avanzo di bilancio a seguito di minori entrate dai proventi delle sanzioni del codice della strada e alcune spese obbligatorie sopravvenute.

Sparito il mezzo per la Polizia

Al termine di una lunga discussione il consigliere di minoranza Gianluigi Conti ha fatto una domanda specifica: “L’ultima volta che avete presentato il bilancio – ha detto – avevate previsto di acquistare un nuovo pulmino per la Polizia locale, per una spesa di 40mila euro. Ma ora non c’è: cosa ne è stato?”. A rispondere la responsabile finanziaria Giulivi: “Era stato finanziato con l’avanzo – ha detto – ma poi la spesa è stata tolta con la variazione”.

Leggi anche:  Boltiere Palazzini lancia ufficialmente la sua candidatura

Quale futuro?

Nessun commento durante il dibattito da parte dell’assessore Fratus, delegato all’edilizia privata, urbanistica, commercio, tempo libero ma anche alla sicurezza, che si è visto togliere questo investimento dalla sua stessa Giunta. Certo era evidente il suo disappunto, tenendosi la testa tra le mani, ingabbiato in una situazione che lo vede assessore e in disaccordo col suo gruppo a sei mesi circa dalle elezioni. “Ho dato le mie spiegazioni al sindaco – ha detto Fratus – e mi sono astenuto. Sottolineo che non ho votato contro”.

TORNA ALLA HOME